Approfondimenti

La tragedia davanti alle coste di Crotone, l’attesa per i risultati delle primarie del PD e le altre notizie della giornata

tragedia Crotone ANSA

Il racconto della giornata di domenica 26 febbraio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Sono almeno 59 le morti accertate del naufragio avvenuto questa mattina presto a Cutro, davanti alle coste crotonesi, inclusi 12 minori e un bimbo di pochi mesi. Questa sera si deciderà chi sarà il nuovo segretario tra Stefano Bonaccini ed Elly Schlein dopo una giornata di voto in tutta Italia. Zelensky su Telegram ha annunciato che l’esercito ucraino sarà pronto per la controffensiva in primavera e che punterà a riprendersi tutti i territori occupati dalla Russia, inclusa la Crimea. Israeliani e palestinesi si sono impegnati “a ridurre l’escalation sul campo e a prevenire ulteriori violenze”.

Almeno 59 le vittime del naufragio davanti alle coste di Crotone

Una delle più gravi tragedie di migranti in mare negli ultimi anni. Sono almeno 59 le morti accertate del naufragio avvenuto questa mattina presto a Cutro, davanti alle coste crotonesi. Tra loro, almeno 12 minori incluso un bimbo di pochi mesi.
I superstiti soccorsi provengono soprattutto da Afghanistan e Pakistan, sono un’ottantina, ricoverati nell’ospedale civile di Crotone e nel centro di prima accoglienza di Isola Capo Rizzuto. Si stima che quando l’imbarcazione in legno dove erano a bordo è stata spezzata dalla forza del mare mosso, fossero circa 180 perciò si teme che i morti possano essere anche un centinaio. Procolo Guida è un giornalista dell’emittente televisiva calabrese LaC Tv:

Reazioni a questa tragedia in mare sono arrivate da politica e istuzioni. La presidente della Commissione von der Leyen ha dichiarato che l’Unione Europea deve “raddoppiare gli sforzi per il Patto sulla migrazione”. All’UE ha indirizzato un appello il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
Il ministro dell’Interno Piantedosi oggi pomeriggio è volato a Crotone: “È fondamentale proseguire ogni sforzo per fermare le partenze”. La presidente del Consiglio Giorgia Meloni ha attaccato le organizzazioni umanitarie: “Si commenta da sé chi oggi specula su queste morti dopo aver esaltato l’illusione di un’immigrazione senza regole” ha detto Meloni, ma i provvedimenti del suo governo, come il decreto Ong da poco convertito in legge, non fanno che ostacolare i salvataggi in mare. Alessandro Porro è presidente di Sos Mediterranée Italia:


 

L’attesa per i risultati delle primarie del Partito Democratico

Le primarie del Partito Democratico. Questa sera si deciderà chi sarà il nuovo segretario tra Stefano Bonaccini ed Elly Schelin. I dati sull’affluenza diffusi finora, aggiornati alle 13, parlano di quasi 600mila votanti. Sembra scongiurato quel che si temeva alla vigilia, cioè una partecipazione decisamente inferiore rispetto all’ultimo precedente, quello del 2019, quando gli iscritti e simpatizzanti al voto erano stati in totale 1 milione e 600 mila. Paolo Natale, professore di scienze politiche all’università Statale di Milano:


 

Zelensky rivendica la Crimea: “Tornerà all’Ucraina

“La Crimea è Ucraina e all’Ucraina ritornerà”, così Zelensky su Telegram, annunciando che l’esercito ucraino sarà pronto per la controffensiva in primavera e che punterà a riprendersi tutti i territori occupati dalla Russia, compresa appunto la penisola. Una posizione rimarcata anche dal Dipartimento di Stato che ha fatto sapere: “Gli Stati Uniti non riconosceranno mai l’annessione russa”.
Oggi anche il presidente russo ha parlato intervistato dalla tv russa e ha detto che l’obiettivo dell’occidente è quello di liquidare la federazione russa e che la Nato è di fatto già in guerra con la Russia. Intanto sul campo continua l’offensiva nel Donbass, soprattutto intorno alla città di Bakhmut. Il nostro collaboratore Luca Steinamann:


 

Israeliani e palestinesi si impegnano per ridurre l’escalation

Israeliani e palestinesi si sono impegnati “a ridurre l’escalation sul campo e a prevenire ulteriori violenze”. Questo quanto emerge dal vertice di Aqaba, in Giordania, dove le due parti si sono incontrate insieme ad egiziani e giordani su pressione degli Usa. Israele si sarebbe impegnata a interrompere qualsiasi nuovo insediamento per sei mesi. Ma il governo Israliano, già a poche ore dal termine del vertice, non sembra interessato a rispettare gli impegni presi. Il ministro delle finanze israeliano Bezalel Smotrich – che è stato recentemente posto a capo della maggior parte dell’Amministrazione Civile (l’organo di governo di Israele in Cisgiordania) – ha scritto su twitter: “Non ho idea di cosa abbiano detto o non abbiano detto in Giordania. Ma una cosa lo so: non ci sarà alcun congelamento degli insediamenti. Nemmeno per un giorno”. Anche il ministro per la sicurezza nazionale Itamar Ben Gvir, ha dichiarato: “quanto è avvenuto in Giordania, resta in Giordania”. Il commento del giornalista palestinese Samir Al Qaryouti:


 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 25/02 8:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 25/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 25-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 25/02/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 25-02-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 25/02/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 25-02-2024

  • PlayStop

    Emergenza di sabato 24/02/2024

    La trasmissione sulle novità musicali della scena emergente italiana. Per chi crede nel talento dei giovani artisti o ha solo voglia di scoprire nuova musica. Le canzoni in primo piano, ma anche tanti ospiti che ci raccontano la loro storia. Conduce La Melchi. - @lamelchi_

    Emergenza - 24-02-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/02/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 24-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24-02-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 24/02/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 24/02/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 24-02-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/02/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 24-02-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/02/2024

    Ogni sabato dalle 17.35 alle 18.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni e il fedele Fela.

    Stay human - 24-02-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 24/02/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 24-02-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 24/02/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 24-02-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 24/02/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 24-02-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 24/02/2024

    con Margherita Buy su "Volare"; Vito Zagarrio parla di "Le seduzioni"; Giovanni Piperno e la storia di "16mm alla rivoluzione"; Velania A. Mesay presenta il documentario "Agape". Tra le uscite: "La zona d'interesse" di Jonathan Glazer; "Emma e il giaguaro nero" di Gilles de Maistre; "Night Swim" di Bryce Mc Guire.

    Chassis - 24-02-2024

  • PlayStop

    Climitologie S1 - E4

    La rubrica settimanale che smaschera le bufale sul cambiamento climatico a cura di Sara Milanese

    Clip - 24-02-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 24/02/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 24-02-2024

Adesso in diretta