Approfondimenti

Il fallimento del corridoio umanitario a Mariupol, la marcia Perugi-Assisi della pace e le altre notizie della giornata

Marcia Pace Perugia ANSA

Il racconto della giornata di domenica 24 aprile 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Nel sessantesimo giorno di guerra in Ucraina, i combattimenti proseguono lungo il confine del Donbass, mentre a Kiev sono in arrivo il segretario di Stato americano Anthony Blinken e il ministro della Difesa Lloyd Austin. A pochi mesi dall’ultima edizione si è svolta oggi la Marcia straordinaria Perugi-Assisi della pace e della fraternità. Continuano le ricerche dei dispersi di due naufragi avvenuti nelle scorse ore nel Mediterraneo, mentre oltre 150 persone sono state tratte in salvo. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Kiev chiede l’embargo totale sul gas russo da parte dell’UE

Oggi sono due mesi di guerra in Ucraina. Sono oltre 5 milioni le persone che hanno lasciato finora il Paese, secondo l’ultimo aggiornamento dell’Agenzia ONU per i rifugiati. In Italia ne sono arrivati più di 100mila, la maggior parte donne e bambini.

Sul fronte diplomatico, oggi c’è stato un colloquio telefonico tra il presidente ucraino Zelensky e quello turco Erdogan che ha ribadito la volontà di sostenere i negoziati con la mediazione della Turchia. Kiev oggi ha fatto sapere che la sanzioni adottate finora non sono sufficienti e che serve un embargo totale sul gas russo da parte dell’Unione Europea.
Per oggi è atteso anche l’arrivo a Kiev del segretario di Stato americano Anthony Blinken e del ministro della Difesa Lloyd Austin. Si tratta della prima visita statunitense di alto livello dall’inizio della guerra.

Lungo il confine del Donbass, intanto, proseguono i combattimenti. Nonostante l’appello delle Nazioni Unite per una tregua, oggi a Mariupol è fallito il tentativo di aprire un corridoio umanitario. Migliaia di civili restano intrappolati nella città. La situazione umanitaria resta drammatica anche nelle altre città colpite dai bombardamenti. Questo è il racconto da Kharkiv, nel nord est del Paese.

Oggi in Ucraina si celebrava la Pasqua ortodossa. Che giorno è stato per i cittadini di fede ortodossa? Questo è il racconto del nostro collaboratore Sabato Angieri da Odessa, dove ieri un bombardamento ha fatto 8 morti:


 

Macron riconfermato all’Eliseo, Le Pen ammette la sconfitta

Emmanuel Macron è stato rieletto Presidente della Francia col 58% dei voti secondo gli exit poll diffusi dai media francesi alle 20.00. La sfidante Marine Le Pen, subito dopo la chiusura dei seggi, ha ammesso la sconfitta in un discorso ai suoi sostenitori a Parigi: “Un vento di libertà poteva arrivare, ma accetto l’esito delle urne. Nonostante due settimane di metodi brutali e violenti, le nostre idee sono state condivise da molti francesi”.

I sostenitori di Macron si sono riuniti a Parigi, sotto alla Torre Eiffel, in attesa del discorso del riconfermato inquilino dell’Eliseo previsto intorno alle 21.00.

Due naufragi nel Mediterraneo, oltre 150 persone tratte in salvo

Continuano le ricerche dei dispersi di due naufragi avvenuti nelle scorse ore nel Mediterraneo. La Guardia costiera tunisina ha recuperato oggi i corpi di 14 migranti al largo di Sfax, in Tunisia. 98 persone che erano su quattro barche in cattive condizioni sono stati salvati, mentre all’appello mancherebbero ancora 10 dispersi.
L’altro naufragio è avvenuto ieri al largo di Tripoli, dove si è ribaltato un barcone con 60 persone a bordo. 45 migranti sono stati tratti in salvo, mentre i corpi di 9 persone sono stati recuperati oggi al largo del Libano.
Infine, oggi la nave Ocean Viking di Sos Mediterranee ha effettuato un soccorso di 70 persone da un gommone sgonfio in acque internazionali al largo della Libia. Secondo la ong, una nave di pattuglia libica si è avvicinata durante l’operazione, causando panico tra i naufraghi.
Alessandro Porro, soccorritore e presidente di Sos Mediterranee Italia, a bordo della Ocean Viking:


 

Marcia Perugia-Assisi, nel nome di Francesco “la guerra è una follia”

(di Alessandro Braga)

Sul finire la stanchezza si è fatta sentire, anche per lo scroscio temporalesco che ha colto i manifestanti all’ultimo miglio, ma nessuno si è pentito di esserci stato. “Era un dovere morale”, hanno detto in molti. È stata una marcia straordinaria e non solo perché è arrivata a pochi mesi dall’ultima edizione. La guerra in Ucraina ha scosso le coscienze di tanti, sicuramente, così come le non risposte a questo popolo, quello della pace, di chi quelle risposte dovrebbe dare. C’è stata tanta gente oggi alla marcia Perugia-Assisi. Vecchi pacifisti laici e cristiani che mostravano con orgoglio la loro appartenenza storica a questo movimento. Ma soprattutto tanti giovani, ragazze e ragazzi, alla loro prima volta. Il dato generazionale è quello che più balza agli occhi. Se si escludono i venerdì dei Fridays for Future, una partecipazione giovanile così importante non si vedeva da anni. Segno che la pace, e chi la propugna, è inclusiva e attraente per le giovani generazioni. “Fermatevi, la guerra è sempre una follia”, le parole d’ordine scelte dai manifestanti. Che sono le parole di Papa Francesco, l’unico capace di usare parole di pace in mezzo a una propaganda di guerra. Oggi il mondo pacifista si è fatto sentire, compatto e variegato come è. Che queste parole siano poi ascoltate, è tutto da vedere. Flavio Lotti, coordinatore della Tavola della Pace, organizzatrice della marcia Perugia-Assisi:


 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Secondo gli ultimi dati del Ministero della Salute, sono 56.263 i nuovi contagi da COVID-19 registrati nelle ultime 24 ore. Il dato è in calo rispetto a ieri, così come quello dei decessi che oggi scendono a 79. Aumenta invece il tasso di positività, che sale al 17,2%, rispetto al 16,7% di ieri. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 416, 7 in più nel saldo tra entrate e uscite, mentre diminuiscono i ricoverati nei reparti ordinari: oggi sono 9.895, 19 in meno rispetto a ieri.

All’estero sotto osservazione la situazione in Cina. Dopo Shanghai, in lockdown da quasi un mese, a Pechino le autorità sanitarie hanno deciso di sottoporre a test di massa tutte le persone che risiedono e lavorano nel distretto centrale di Chaoyang, dopo l’aumento di casi positivi nella zona, 24 sui 41 totali della città.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 24/05 8:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 24/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 24-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 24/05/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 24-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di venerdì 24/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 24-05-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 24/05/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 23-05-2024

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 23/05/2024

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma che si intitolerà Labirinti Musicali: ovvero un titolo generico da contenitore di storie, aneddoti, curiosità legate tra di loro da un qualsivoglia soggetto/percorso/monografia proposto da uno di noi in forma di racconto, con ascolti ad esso legati, sempre con buona alternanza di parole e di musica. Uno spazio radiofonico che può essere la storia di un disco, un libro, un personaggio anche famoso, ma proposta da angolazioni nuove, curiose. Non una lezione, quasi una confidenza all’orecchio di un ascoltatore. I labirinti sono luoghi reali e circoscritti, e allo stesso tempo irreali: sono la sorpresa, sono l’incontro, sono l’imprevisto…e anche la musica è qualcosa che si muove in uno spazio acustico-temporale ben determinato, qualcosa che ci stupisce e sparisce dietro un angolo per poi farci ritornare al punto di partenza senza avere avuto il tempo di memorizzarne il percorso melodico, armonico, ritmico. Ci perdiamo nella musica proprio come in un labirinto, e la ritroviamo nei meandri più nascosti della mente… Viviamo in un labirinto di idee diverse nel quale ognuno di noi deve trovare un proprio spazio, e per uscire da questo labirinto dobbiamo affidarci alla nostra ragione…e al potere semantico della musica. Nel Medioevo si diceva che il labirinto è come la vita, e la vita come un labirinto. Ma nel labirinto non ci si perde, nel labirinto ci si trova. Con la complicità della musica.

    Labirinti Musicali - 23-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 23/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-05-2024

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 23/05/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 23-05-2024

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 23/05/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 23-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 23/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 23/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 23/05/2024

    (164 - 546) Dove si apre, doverosamente, con il trionfo della Dea in Europa League. Poi con Marina Catucci raccontiamo che Trump avrebbe detto ai suoi sostenitori che l’FBI lo avrebbe voluto morto. Nella terza parte andiamo a raccontare con Davide Vendramin cosa è stata la trasferta a Dublino dei tifosi dell’Atalanta. In chiusura l’aggiornamento dal Giro d’Italia di ciclismo con Guido Foddis.

    Muoviti muoviti - 23-05-2024

Adesso in diretta