Approfondimenti

L’appello di Zelensky al parlamento israeliano, il decreto Ucraina arriva in Senato e le altre notizie della giornata

Zelensky ANSA

Il racconto della giornata di domenica 20 marzo 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Nel venticinquesimo giorno di guerra in Ucraina l’ONU dà le cifre della catastrofe umanitaria e il Presidente Zelensky annuncia il prolungamento della legge marziale contro i maschi che cercano di disertare la guerra

 e si rivolge al Parlamento di Israele, paragonando l’invasione russa all’Olocausto degli ebrei. Sul fronte economico la settimana che sta per iniziare sarà molto importante. Il Consiglio Europeo è previsto dal 24 marzo, mentre il Senato sarà chiamato ad esprimersi sul decreto Ucraina già approvato dalla Camera con l’aumento delle spese militari per dare supporto agli ucraini. In Francia, intanto, la campagna elettorale entra nel vivo a tre settimane dal voto per scegliere il nuovo Presidente della Repubblica. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

La stretta di Zelensky sull’opposizione e l’appello a Israele

25esimo giorno di guerra. L’ONU dà le cifre della catastrofe umanitaria: sono più di dieci milioni gli ucraini che hanno dovuto abbandonare le loro città per scappare dalle bombe, tra sfollati interni e quelli già usciti dal paese. Se a Leopoli il flusso è ordinato e la macchina degli aiuti funziona, racconta il nostro collaboratore Alessandro Ricci, nell’est del paese “si cerca la poca benzina che c’è e ci si mette su un’auto, ma scappare dalle bombe resta complicato”, racconta l’inviato del Corriere della Sera Andrea Nicastro.

Un gruppo di deputate ucraine accusa di stupri i soldati russi, ma il governo di Kiev non conferma la notizia: sono in corso verifiche, fa sapere il governo.

Zelensky annuncia che in Ucraina sarà limitata e messa sotto controllo l’attività di 11 partiti di opposizione, tra cui quelli socialisti. Tutti i canali televisivi del paese saranno unificati e riporteranno solo le notizie di una piattaforma governativa. Prolungata anche la legge marziale contro i maschi che cercano di disertare la guerra

. Poi il premier di Kiev parla al Parlamento israeliano e paragona l’invasione russa all’Olocausto degli ebrei nella seconda guerra mondiale.

Domani riprendono i negoziati diretti online tra le delegazioni di Russia e Ucraina. La diplomazia turca sostiene che un accordo non è lontano.



Nuove manifestazioni di cittadini ucraini contro gli invasori nelle città già occupate dai russi, mentre si combatte ancora a Mariupol, dove per conto di Mosca sparano i miliziani ceceni di Kadyrov e per Kiev il reggimento neonazista Azov.

 L’assistenza militare americana a Zelensky ha raggiunto i due miliardi di dollari, dice il Pentagono, ma gli Stati Uniti non vogliono essere coinvolti direttamente nel conflitto e quindi non invieranno truppe.

A Roma nuova manifestazione per la pace e contro l’aumento delle spese militari. I 5 stelle potrebbero ripensarci e non votare al Senato la mozione che mette 13 miliardi in più per l’acquisto di armamenti:


 

La situazione sul campo in Ucraina

(di Emanuele Valenti)

La situazione più critica è sempre quella di Mariupol. Secondo le autorità locali nelle ultime 24 ore i bombardamenti hanno colpito anche una scuola che ospitava centinaia di persone, ma il municipio non è in grado di stabilire se ci siano delle vittime.
Dopo la denuncia di ieri sera, sempre delle autorità locali e di alcuni parlamentari, non sono arrivate conferme sulla possibile deportazione di migliaia di civili di Mariupol in territorio russo.
Nei giorni scorsi il governo di Mosca e i media russi avevano parlato del trasferimento di centinaia di persone. Lo ha fatto anche l’agenzia Reuters, dopo aver parlato con alcuni cittadini ucraini già in territorio russo. Ma non è chiaro se siano stati portati lì contro la loro volontà.
Nella battaglia di Mariupol i russi hanno confermato di aver perso un alto generale. Secondo Kiev sarebbe il settimo dall’inizio della guerra.
Mosca ha detto di aver sparato oggi dalle navi nel Mar Nero e nel Mar Caspio, anche un secondo missile ipersonico.
Nella regione di Luhansk, sempre nel Donbass, gli ucraini hanno parlato di un attacco, alcuni giorni fa, contro una residenza per anziani con decine di vittime.
In diverse località occupate dai russi ci sarebbero state delle manifestazioni di protesta. Citando la legge marziale il presidente Zelensky ha deciso di sospendere 11 partiti politici definiti filo-russi e di unificare i canali TV. Decisione presa in tempi di guerra, ma in linea con una stretta sull’opposizione e sui media che si era già vista negli anni scorsi.

A che punto sono i colloqui ufficiali tra Mosca e Kiev?

(di Emanuele Valenti)

A breve dovrebbero riprendere anche i colloqui ufficiali tra Mosca e Kiev.
 Oggi il Ministro degli Esteri turco, Cavusoglu, ha detto che le due parti hanno fatto importanti passi in avanti e che sarebbero addirittura vicine a un accordo. 
Cavusoglu, che nei giorni scorsi era stato sia in Russia che in Ucraina, non ha fornito particolari. Ma un consigliere di Erdogan ha fatto sapere che l’intesa sarebbe vicina su neutralità e non ingresso nella NATO. Come era già chiaro nei giorni scorsi, il nodo sarebbe quindi sulla questione territoriale: Crimea, repubbliche separatiste e territorio conquistato in queste settimane dai russi, a partire dal sud, dove si trova proprio Mariupol.

Questa settimana ucraini ed europei hanno fatto capire che dal loro punto di vista l’intesa non è vicina.
Infine la Cina – il Ministero degli Esteri di Pechino e l’ambasciata cinese a Washington – che ha criticato nuovamente le sanzioni alla Russia, facendo capire che probabilmente non farà pressione su Putin, come chiesto dagli Stati Uniti, affinché fermi la guerra.

Cresce il fronte italiano del NO all’aumento delle spese militari

(di Massimo Alberti)

Sul fronte economico la settimana prossima è previsto il Consiglio Europeo, dal 24 marzo, dove si tornerà a discutere di sanzioni ma anche dei possibili eurobond per finanziare un tetto ai prezzi di gas e petrolio.
Sempre la settimana prossima il decreto Ucraina arriverà al Senato, e questo potrebbe rimettere in discussione alcune decisioni della Camera. Su tutte, l’aumento delle spese militari, oggetto di una mozione votata dalla maggioranza e da Fratelli d’Italia, con le sole eccezioni di Sinistra Italiana, di alcuni ex 5 Stelle e dei deputati che fanno riferimento a partiti di sinistra come Potere al Popolo e Rifondazione. I dubbi ad aggiungere 13 miliardi alla spesa militare arrivano anche da esponenti PD come l’europarlamentare Pierfrancesco Majorino che ha parlato di errore clamoroso. Ma al Senato il NO potrebbe arrivare anche dai 5 Stelle. Ai dubbi espressi da Conte si stanno aggiungendo quelli di diversi esponenti di primo piano, come il capogruppo al Senato Francesco Ferrara e quello dell’ex sottosegretario all’economia Stefano Buffagni. Un no che sarebbe ininfluente sul piano numerico ma che aprirebbe un problema nella maggioranza, e che nasce anche dalla scelta del governo di destinare alla crisi delle bollette e dei carburanti, oltre che degli alimentari che sta mettendo in crisi milioni di famiglie, solo 4.4 miliardi per non ricorrere ad un nuovo scostamento di bilancio e per non aver voluto toccare più di tanto gli oltre 40 miliardi di extraprofitti delle aziende energetiche. Raccogliendo così un malcontento diffuso e trasversale non solo del mondo pacifista per le spese militari, ma anche dalle parti sociali, Confindustria, consumatori, sindacati, per la modestia degli interventi sull’energia. Anche perché si aprirebbe così un altro tema politico: se il bilancio non si tocca, dove prendere quei 13 miliardi in più per gli armamenti, mentre si limita la spesa per gli aiuti sociali ai ceti più deboli?

La campagna elettorale francese entra nel vivo

In Francia la campagna elettorale per le presidenziali entra nel vivo: in un discorso pronunciato questa domenica davanti a decine di migliaia di persone riunite in Place de la République a Parigi, il candidato della sinistra Jean Luc Melenchon, per ora terzo dietro Macron e Le Pen ma dato in forte crescita nei sondaggi e che punta al secondo turno, ha chiesto un referendum sociale contro Macron. “Dobbiamo rimettere l’economia al servizio della nostra vita e non la nostra vita al servizio dell’economia!” il messaggio dal palco a tre settimane dal primo turno.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Sono 60.415 i nuovi contagi da COVID-19 nelle ultime 24 ore, secondo i dati del Ministero della Salute. Più 25% rispetto a 7 giorni fa, tendenza che se confermata potrebbe indicare un primo segno di rallentamento della crescita della curva, in corso ormai da una decina di giorni. 93 i morti. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 4 in meno rispetto a ieri a fronte di 29 ingressi giornalieri. 111 in meno i ricoverati nei reparti ordinari.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 01/03 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 01-03-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 01/03/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 01-03-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/03/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 01-03-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/03/2024

    1-Gaza, il giorno dopo la strage del cibo. Numerosi governi occidentali chiedono un’ indagine indipendente. 2-Russia. Migliaia di persone ai funerali di Navalny. Gesto di apertura o debolezza del regime? ( Intervista a Gian Piero Piretto ) 3-Stati Uniti. Il confine con il Messico teatro della sfida elettorale tra Joe Biden e Donald Trump. ( Roberto Festa) 4-Effetto bloqueo. Peggiora la carenza del cibo, Cuba chiedo aiuto alle agenzia umanitarie dell’Onu. ( Sara Milanese) 5-L’inclusione che non contempla i dannati della terra. Il dorato mondo delle imprese woke. ( Alfredo Somoza)

    Esteri - 01-03-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/03/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 01-03-2024

  • PlayStop

    Playground di venerdì 01/03/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 01-03-2024

  • PlayStop

    Meraviglie di venerdì 01/03/2024

    Canzoni per le quali vale la pena stupirsi, tra passato, presente e prossimo futuro. Un compendio di canzoni per cui stupirsi ogni mese in compagnia di Tommaso Toma, pescando dal presente e dal passato tra nuove scoperte, ristampe di catalogo e composizioni che possono dare indizi sul prossimo futuro.

    Meraviglie - 01-03-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/03/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 01-03-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 01/03/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha ospitato Carlotta di assemblea antispecista per parlare del punto su Trento, gli orsi e i lupi e Sabrina Giannini per le anticipazioni sulla nuova puntata di Indovina Chi Viene A Cena su Rai Tre

    Considera l’armadillo - 01-03-2024

  • PlayStop

    Ode al carciofo

    quando ci arricchiamo culturalmente insieme alla professoressa Roberta, che ci illustra la poetica di Neruda e poi mettiamo in scena il consueto appuntamento con il Capibaratto, mercatino onair all'insegna del gratis

    Poveri ma belli - 01-03-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/03/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 01-03-2024

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/03/2024

    Le sorprese che abbiamo a volte quando dobbiamo pagare le visite ed esami; torniamo sulla Campagna regionale La Lombardia SiCura; le risorse destinate alle misure di assistenza indiretta; l'aria di Milano; andiamo in Romania per una nuova puntata della nostra rubrica Sanità nel mondo.

    37 e 2 - 01-03-2024

  • PlayStop

    Uscita di Sicurezza di venerdì 01/03/2024

    La trasmissione in collaborazione con la Camera del Lavoro di Milano che racconta e approfondisce con il vostro aiuto le condizioni di pericolo per la salute e la sicurezza che si vivono quotidianamente nei luoghi di lavoro. Perché quando succede un incidente è sempre troppo tardi, bisognava prevedere e prevenire prima. Una questione di cultura e di responsabilità di tutte e tutti, noi compresi. con Stefano Ruberto, responsabile salute e sicurezza della Camera del Lavoro di Milano conduce Claudio Jampaglia

    Uscita di Sicurezza - 01-03-2024

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/03/2024

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 8.35 alle 10.00. Un lungo spazio di approfondimento tra storie vicine e lontane, con i fatti del giorno e i reportage. Nell’epoca delle verità uniche saremo "Prisma". In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 01-03-2024

Adesso in diretta