Approfondimenti

Il parziale isolamento dell’enclave russa sul Mar Baltico, i continui scontri tra Conte e Di Maio e le altre notizie della giornata

Giuseppe Conte

Il racconto della giornata di lunedì 20 giugno 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. C’è un altro motivo di scontro tra Russia e Occidente: il blocco, parziale, dell’enclave russa di Kaliningrad da parte di un paese dell’Unione Europea e della NATO, la Lituania. Mosca ha parlato di un passo “molto grave” e ha chiesto un immediata marcia indietro. Vilnius ha risposto che sta semplicemente applicando le sanzioni europee. Intanto continuano i combattimenti nel Donbass dove le truppe di Mosca avrebbero conquistato alcuni piccoli centri importanti per circondare Severodonetsk e Lysychansk. Le persone sfollate o rifugiate nel mondo hanno raggiunto un numero mai così elevato. Domani in parlamento si voterà la risoluzione sul ruolo italiano nella guerra in Ucraina. Le regioni chiederanno al governo di dichiarare lo stato d’emergenza per la siccità e di contrastarla investendo anche soldi del Pnrr. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Dall’ucraina al mar Baltico, si allarga lo scontro tra Russia e Occidente

(di Emanunele Valenti)

Lo scorso fine-settimana il governo lituano, in applicazione delle sanzioni decise a livello comunitario, aveva bloccato il passaggio dal suo territorio di alcuni beni diretti a Kaliningrad – carbone, metalli, prodotti tecnologici, materiali per l’edilizia. Beni che normalmente viaggiano su rotaia, quindi su treni, come la maggior parte dei beni e delle persone che abitualmente si spostano tra il territorio russo e Kaliningrad.
L’enclave russa – passata dalla Germania all’Unione Sovietica dopo la Seconda Guerra Mondiale – è schiacciata tra Polonia a sud e Lituania a nord. E la linea ferroviaria da e per la Russia passa proprio dalla Lituania. Paese UE e membro NATO. Il ministero degli esteri russo ha chiesto l’immediata rimozione di questo blocco parziale, altrimenti Mosca dovrà agire per proteggere i propri interessi. Non è pensabile in questo momento un’azione di forza, ma questa storia indica il livello dello scontro e la totale mancanza di fiducia e anche di comunicazione tra Russia e Occidente, in questo caso Russia ed Europa. Ricordiamo che a Kaliningrad c’è la flotta russa del Baltico e alcune batterie di missili Iskander, in grado di portare testate nucleari.

Oggi c’è stato un bombardamento su Odessa. Secondo le autorità locali è stato colpito un grosso deposito di cibo.

I combattimenti più intensi sono invece sempre nel Donbass, intorno a Severodonetsk. Le truppe di Mosca avrebbero conquistato alcuni piccoli centri importanti per circondare Severodonetsk e Lysychansk. Avrebbero anche passato, almeno in una località, il fiume Siverskyi Donetsk, una barriera naturale nella battaglia per il Donbass. Kyiv ammette la superiorità russa e sostiene che i prossimi giorni saranno decisivi.

100 milioni di persone nel mondo sono rifugiate o sfollate

(di Chiara Ronzani)

Sono cento milioni le persone sfollate o rifugiate nel mondo, a causa dei 49 conflitti che insanguinano il pianeta. Un numero mai così elevato – dice l’Alto commissariato Onu per i rifugiati, in occasione della Giornata mondiale del rifugiato.
La stragrande maggioranza di chi fugge da guerre o persecuzioni, l’89%, si trova in paesi in via di sviluppo. Una minoranza arriva in Europa. Nel continente culla dei diritti umani e della convenzione di Ginevra sullo statuto dei rifugiati, le politiche sono orientate a respingere ed escludere chi cerca protezione da altri continenti.
Francesca De Vittor, docente di diritto internazionale all’università Cattolica di Milano

 

Il caos nel Movimento 5 stelle a un giorno dal voto sul ruolo italiano nella guerra in Ucraina

(di Anna Bredice)

“Mai messa in discussione la nostra collocazione nell’unione europea e nell’alleanza atlantica…mai ci sono stati attacchi volgari e offensivi nei confronti di Di Maio”. Il Consiglio nazionale dei Cinque stelle nel quale sono rappresentanti i vertici del Movimento, ha tentato di togliere forza allo scontro in atto tra Conte, sostenuto tra l’altro dal presidente della Camera Fico, e Di Maio. Si cerca di evitare un’accelerazione dei contrasti perché al momento non si vede una via di uscita. Una espulsione non è stata presa in considerazione, oltre che un iter molto lungo, creerebbe una tensione ancora più forte nel governo e nei confronti di Draghi. Del resto, Di Maio per ora non lascia, almeno non subito. Se Letta dice di voler parlare sia con Conte che con Di Maio, al centro, l’area che il ministro degli esteri potrebbe occupare con alcune decine di parlamentari che uscirebbero con lui, è un posto già troppo pieno di aspiranti leader e tutti, Renzi e Calenda per primi, ricordano uno per uno gli errori e i passi falsi di Di Maio per dimostrare che non può stare con loro. Siamo alla vigilia della risoluzione da votare in vista del Consiglio europeo, gli attacchi del ministro degli Esteri a Conte hanno provocato un inevitabile posizionamento di Conte a favore dell’Unione europea e della Nato. Non poteva andare diversamente, non c’è il tempo per tentare terze vie, per questo ora c’è il tentativo di cercare un testo comune con gli altri partiti da votare domani, senza arrivare ad uno strappo e ad un voto che sarebbe una sorta di sfiducia verso Draghi e il ministro degli Esteri. Ciò su cui insistono i Cinque stelle è la necessità di un coinvolgimento maggiore del Parlamento ogni volta che l’Italia dovrà prendere decisioni importanti che riguardano il conflitto. E l’obiettivo degli altri partiti è che queste parole, da un certo punto di vista condivisili, non somiglino troppo ad un “commissariamento” del governo da parte del Parlamento.

Siccità, le regioni chiederanno al governo lo stato di emergenza

Le regioni chiederanno al governo di dichiarare lo stato d’emergenza per la siccità e di contrastarla investendo anche soldi del Pnrr, il piano nazionale di ripresa e resilienza. Lo ha detto oggi il coordinatore della commissione politiche agricole della conferenza delle regioni. Nel pomeriggio il tema è stato al centro di un incontro tra rappresentanti di diversi ministeri, da quello dell’agricoltura a quello dell’economia. Il presidente del Lazio Zingaretti ha annunciato che proclamerà lo stato di calamità naturale, mentre più a nord l’osservatorio istituzionale sul Po parla di situazione da “semaforo rosso”. L’inviato Luca Parena.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 02/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/02/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 02/07/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 07/02/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 02/07/2022

    25° “Voci per la libertà - Una canzone per Amnesty”; Biennale Teatro; Tiziana Ricci e l’arte; ; i consigli di…

    Good Times - 07/02/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 02/07/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 07/02/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 01/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Lezioni antimafia: Alberto Guariso e Gianfranco Schiavone

    Nono e ultimo incontro di “Lezioni di antimafia”. Gli ospiti sono Alberto Guariso, avvocato ASGI (Associazione Studi Giuridici Immigrazione) e…

    Lezioni di antimafia - 01/07/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/07/2022

    Dove non si saluta solo l'ultima puntata di "Muoviti, muoviti" ma anche un po' tutte le ultime puntate di oggi…

    Muoviti muoviti - 07/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 01/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/01/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 01/07/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 07/01/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/07/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 07/01/2022

  • PlayStop

    Gianluca Alzati, Volevo fare la corridora. La vita, la passione, le battaglie della campionessa di ciclismo Morena Tartagni

    GIANLUCA ALZATI – VOLEVO FARE LA CORRIDORA. LA VITA, LA PASSIONE, LE BATTAGLIE DELLA CAMPIONESSA DI CICLISMO MORENA TARTAGLI –…

    Note dell’autore - 07/01/2022

  • PlayStop

    I risparmi de Maria Cazzetta

    quando chiediamo agli ascoltatori dei loro vani tentativi di risparmiare piccole cifre per poi finire a spenderne di maggiori, tra…

    Poveri ma belli - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/07/2022

    a Welcome to Socotra i Cantieri Teatrali Koreja propongono „Alessandro „, La mostra „Luna Park dell‘anima, Coney Island“ di Maurizio…

    Cult - 07/01/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/07/2022

    I conflitti d’interesse in medicina; la vita di una persona disabile a Sesto S. Giovanni; cosa sta accadendo nelle RSA;…

    37 e 2 - 07/01/2022

Adesso in diretta