Approfondimenti

Il Brasile al voto, la rivolta nordista all’interno della Lega e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di domenica 2 ottobre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. In Ucraina i russi concentrano i proprio attacchi sulla regione di Kharkhiv e intorno a Zaporizha, ma l’avanzata dell’esercito di Kiev nel sud-est del Paese sembra inarrestabile. L’Italia, intanto, ha convocato l’ambasciatore russo a Roma e si prepara a presentare ad avanzare la propria proposta per ridurre il prezzo del gas. In Brasile, invece, 156 milioni di persone sono oggi al voto per scegliere parlamentari e futuro presidente.

L’avanzata dell’esercito di Kiev nel sud-est del Paese sembra inarrestabile

La guerra in Ucraina. I russi concentrano i proprio attacchi, soprattutto aerei, sulla regione di Kharkhiv e intorno a Zaporizha, ma l’avanzata dell’esercito di Kiev nel sud-est del Paese sembra inarrestabile… sul campo abbiamo raggiunto l’inviato del Corriere della Sera Lorenzo Cremonesi:


 

L’Italia convoca l’ambasciatore russo a Roma

L’Italia come tutti gli altri paesi d’Europa ha convocato l’ambasciatore russo a Roma Razov, dopo il discorso d’annessione di Putin e la condanna della comunità internazionale. I governi europei vogliono chiedere formalmente spiegazioni alla Russia anche sugli incidenti agli oleodotti della scorsa settimana.
Il segretario della Nato Stoltenberg ha ammonito la Russia che ci saranno conseguenze serie se verrà usata l’arma nucleare. Stamane nell’Angelus, invece, il Papa dopo aver condannato ancora una volta la violenza del regime russo e chiesto a Zelensky di accettare dialoghi di pace ha chiesto a tutti i protagonisti della vita internazionale perché dopo 7 mesi di guerra non parlano con una sola voce per la pace. Il Papa ha invitato tutti a promuovere e sostenere iniziative di dialogo e pace e a non lasciarsi coinvolgere in pericolose escalation.

In arrivo la proposta italiana per ridurre il prezzo del gas

“Nelle prossime 48 ore l’Italia avanzerà la sua proposta” per ridurre il prezzo del gas al vertice Europeo dei governo previsto a Praga il prossimo fine settimana. Secondo il Ministro della Transizione, Roberto Cingolani, l’Italia proporrà di indicizzare il prezzo del gas agganciandolo a borse un po’ più stabili” rispetto al TTF di Amsterdam “che non ha nulla a che vedere con la situazione reale e con i meccanismi di domanda offerta”, ha detto il ministro poco fa in televisione. Ci vuole una borsa più veritiera. In sostanza il ministro dopo mesi ammette che il prezzo europeo a cui si stanno adeguando le bollette è frutto soprattutto della speculazione dei mercati più che delle condizioni causate dalla guerra in Ucraina e dalle sanzioni alla Russia. Abbiamo chiesto un commento ad Andrea Di Stefano:


 

La rivolta nordista all’interno della Lega

(di Alessandro Braga)

Il paradosso è che proprio lui, Umberto Bossi, che in un quarto di secolo circa alla guida della Lega non ha mai accettato alcun tentativo di eterodossia rispetto alla sua linea politica, si faccia ora garante e promotore della prima vera corrente organizzata nel movimento che lui stesso ha fondato. L’obiettivo, duplice, esterno e interno. Da un lato la nascita del comitato Nord punta a recuperare i consensi persi in maniera consistente nell’ultima tornata elettorale di quel popolo, zoccolo duro leghista, che ha voltato le spalle al Carroccio nazionalista e sovranista, reo di aver abbandonato le ragioni del territorio sopra il Po, e che domenica scorsa ha dato “in prestito” le sue preferenze a Giorgia Meloni e a Fratelli d’Italia. Dall’altro è l’ufficializzazione che, nella Lega, è partito il processo a Matteo Salvini, e il tentativo di sostituirlo alla guida del movimento. Non è un caso che dopo l’annuncio della nascita della corrente nordista la propaganda salviniana abbia diramato un comunicato in cui si dice che, dopo 30 anni di battaglie, la legislatura nascente sarà quella che finalmente attuerà l’autonomia regionale. Un tentativo, piuttosto goffo e in ritardo del segretario leghista di uscire dall’angolo nel quale si è ritrovato. Non è per nulla detto che questa volta il Capitano si salvi, e riesca ancora a restare al comando. La rivolta nordista è partita, e difficilmente si placherà con qualche contentino. Ora ci sarà da vedere chi ne prenderà la guida, per andare fino in fondo nella rifondazione della Lega Nord. Bossi in questo momento fa da specchietto per le allodole, grazie al carisma e all’autorevolezza che ha tra i militanti. Ma servirà qualcuno che faccia il resto del lavoro. Lo sguardo si dirige naturalmente a nordest. Si vedrà…

 

Il Brasile al voto

Sono 156 milioni, un numero senza precedenti, i brasiliani dai 16 anni in su chiamati al voto oggi per scegliere parlamentari e futuro presidente da una rosa di 12 nomi tra cui spiccano i due principali contendenti, l’uscente Jair Bolsonaro, e l’ex presidente di sinistra Ignacio Lula Da Silva, considerato in vantaggio. Se nessun candidato supererà il 50% dei suffragi si andrà al ballottaggio.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 26/11/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 27/11/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 25/11/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/11/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Snippet di sabato 26/11/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 27/11/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 26/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/11/2022

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 26/11/2022

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come…

    Il sabato del villaggio - 27/11/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 26/11/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 27/11/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 26/11/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 27/11/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 26/11/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 27/11/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 26/11/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 27/11/2022

  • PlayStop

    Chassis di sabato 26/11/2022

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con…

    Chassis - 27/11/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 26/11/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 27/11/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 26/11/2022

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli…

    Good Times - 27/11/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 26/11/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 27/11/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 26/11/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 27/11/2022

  • PlayStop

    Let's spend the night together di sabato 26/11/2022

    Let's Spend The Night Together è il salottino rock'n'roll di Radio Popolare. Si parla di attualità, si passano le novità…

    Let’s spend the night together - 27/11/2022

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 25/11/2022

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 27/11/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 25/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/11/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 25/11/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 27/11/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 25/11/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 27/11/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 25/11/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 27/11/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 25/11/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 27/11/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 25/11/2022

    (47 - 238) Dove si scopre che per fare il Vice Ministro degli Esteri non è così importante conoscere, almeno…

    Muoviti muoviti - 27/11/2022

Adesso in diretta