Approfondimenti

Mariupol non si arrende dopo l’ultimatum russo, i nuovi attacchi nell’area di Kiev e le altre notizie della giornata

Ucraina 2022 ANSA

Il racconto della giornata di domenica 17 aprile 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Nel cinquantatreesimo giorno di guerra in Ucraina, la città di Mariupol non è ancora caduta in mano ai russi e il presidente Zelensky ha ribadito la necessità di armi e l’intenzione di non cedere il Donbass alla Russia. L’offensiva russa non è concentrata soltanto nel sud del Paese, anche oggi sono arrivate notizie di violenze e morti anche dalla parte più orientale del paese. Il Papa, intanto, in piazza San Pietro è tornato a parlare di pace: “Chiediamola a gran voce dai balconi e per le strade, non abituiamoci alla guerra. Un bambino è stato ricoverato in ospedale dopo aver mangiato un Ovetto Kinder. È successo a Ravenna. Se confermato, sarebbe il primo caso in Italia dopo quelli che si sono verificati in alcuni paesi europei. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

La resistenza di Mariupol e l’importanza strategica della città per la Russia

“Non cederemo il Donbass e ci servono più armi oggi o domani, non tra qualche mese”. Il presidente ucraino Zelensky è stato intervistato dalla CNN mentre nel suo paese continua la guerra, addirittura senza nemmeno un corridoio umanitario annunciato per oggi in tutto il paese. Grande attenzione resta in particolare sulla città di Mariupol, dove l’ultimo gruppo di combattenti ucraini resta asserragliato dentro un’acciaieria, quando ormai è scaduto da ore l’ultimatum che avevano ricevuto dall’esercito russo. “Se continuano a opporre resistenza saranno tutti eliminati”, ha avvertito un portavoce del Ministero della Difesa di Mosca, mentre il primo ministro ucraino Smihal ha detto che la loro resistenza continuerà fino alla fine, oltre a denunciare la catastrofica situazione umanitaria della città.
La conquista totale di Mariupol sarebbe molto importante da un punto di vista strategico, consentendo di collegare senza interruzioni la Crimea al territorio controllato dai russi nella parte più orientale dell’Ucraina. Sentiamo il nostro collaboratore Luca Steinmann:


 

L’offensiva russa tra bombardamenti, mine abbandonate e massacri di civili

Anche oggi sono arrivate notizie di violenze e morti anche dalla parte più orientale del paese. Le autorità della città di Kharkiv hanno denunciato la morte di cinque persone per un bombardamento russo. Nella stessa zona, sempre secondo le autorità locali, tre artificieri sono rimasti uccisi mentre cercavano di rimuovere delle bombe a grappolo. Ancora secondo una fonte ufficiale ucraina due persone sono morte per un attacco russo sulla città di Zolote, nella regione di Lugansk. Infine nella zona di Sumy, e qui siamo a nord-est, il sindaco ha parlato di 5 bambini uccisi da mine e trappole piazzate dai soldati russi. Secondo il capo dell’amministrazione militare regionale, in quell’area vengono trovate centinaia di mine al giorno. Giuseppe Schiavello è direttore della campagna italiana contro le mine:

Negli ultimi giorni, dopo una fase in cui sembrava che l’esercito russo si stesse disinteressando a Kiev, ci sono stati nuovi attacchi nell’area della capitale ucraina. È successo anche stamattina, quando ci sono state delle esplosioni. Poche ore dopo il governo di Mosca ha sostenuto che l’obiettivo fosse una fabbrica di armi e che sia stata distrutta. Resta il fatto che ora le truppe russe di terra sono lontane dalla città, e che dalla sua area continuano a venire denunciate scoperte di orrori. Oggi il capo della polizia locale ha parlato di oltre mille cadaveri individuati nella regione da quando i militari di Mosca si sono ritirati. “Si tratta di civili uccisi, la maggior parte con armi di piccolo taglio”, ha detto il dirigente, parlando anche di almeno 200 dispersi. Riccardo Noury, portavoce di Amnesty international:


 

Il rinnovato appello alla pace di Papa Francesco

Oggi è arrivata notizia dell’uccisione in Ucraina di un generale russo, e non è il primo. Si chiamava Vladimir Frolov e la sua morte è stata confermata dall’ufficio stampa del sindaco di San Pietroburgo, città in cui è stato organizzato il funerale. A Kiev oggi una messa di Pasqua è stata celebrata dal cardinale Krajewski, inviato in Ucraina dal Papa, che oggi in Vaticano in piazza San Pietro è tornato a parlare di pace: “Chiediamola a gran voce dai balconi e per le strade, non abituiamoci alla guerra. Si smetta di mostrare i muscoli mentre la gente soffre”. Sentiamo Ida Dominijanni, giornalista e studiosa del pensiero politico:


 

Almeno 105 casi di salmonella presumibilmente legati allo stabilimento Kinder di Arlon

Un bambino è stato ricoverato in ospedale dopo aver mangiato un Ovetto Kinder. È successo a Ravenna. Se confermato, sarebbe il primo caso in Italia dopo quelli che si sono verificati in alcuni paesi europei. Al bambino è stata diagnosticata la salmonella. Dopo alcuni giorni in ospedale è stato dimesso. I genitori avevano presentato un esposto: i Nas hanno sequestrato uno dei tre ovetti della stessa confezione di quello mangiato dal bambino. Le analisi stabiliranno l’eventuale correlazione fra il prodotto e la salmonella.

(di Alessandro Principe)

Sono 105 i casi di salmonella in Europa che si presume dovuti a prodotti Kinder usciti dallo stabilimento di Arlon, in Belgio. Altri 29 sono in attesa di accertamento. L’agenzia federale belga per la sicurezza della catena alimentare ha disposto il ritiro di tutti i prodotti Kinder fabbricati nell’impianto, oltre alla chiusura dell’impianto stesso. La prima notizia si è diffusa il 4 aprile. Il giorno dopo, la Ferrero ha ritirato dal mercato, in Inghilterra e in Irlanda, alcuni lotti dei famosi ovetti al cioccolato, tutti prodotti nello stabilimento belga. I prodotti di cioccolato Kinder fabbricati in Belgio sono stati richiamati anche dal mercato francese. I casi di salmonella hanno lo stesso ceppo in termini genetici dei casi riscontrati in Gran Bretagna e in Irlanda associati ad alcuni prodotti Kinder, ha affermato la Direzione della salute francese. In Italia i prodotti Kinder a essere stati fin’ora ritirati sono stati gli ovetti di taglia più grande, quelli classici contenuti in una particolare confezione chiamata “pulcino” e i Schoko bons, una sorta di caramella al cioccolato.
Secondo un comunicato dell’azienda del 7 aprile, lo stesso ceppo di Salmonella responsabile delle infezioni era stato identificato all’interno dell’impianto già lo scorso 15 dicembre nel corso dei controlli interni. La contaminazione era stata rilevata in un filtro posto all’uscita di due serbatoi di latticello. Il comunicato di Ferrero precisa che all’epoca i prodotti potenzialmente contaminati erano stati bloccati prima della distribuzione e che nei giorni immediatamente successivi il filtro è stato sostituito e sono aumentati i controlli. Dopo le verifiche la distribuzione era ripresa regolarmente.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

In Italia (e non solo) questa è la prima Pasqua da inizio pandemia senza grosse restrizioni anti-COVID. Il virus però continua a circolare: oggi i contagi accertati sono stati quasi 52mila con 85 morti. I tamponi positivi sono stati il 15,5%, in leggero aumento rispetto a ieri. In lieve calo invece le persone ricoverate: ora sono circa 400 in terapia intensiva e poco meno di 10mila negli altri reparti.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 23/04 13:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 23/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 23/04/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 23/04/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali in onda alle 14.00 che ha ospitato Stefania Rivetti, volontaria di @Animals Asia Italia per parlare di Orsi della Luna e fattorie della bile, ma anche il Gr Animali di Bianca Nogara Notarianni e scopriamo che Stefania voleva essere cavallo.

    Considera l’armadillo - 23-04-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di martedì 23/04/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 23-04-2024

  • PlayStop

    EUROPAMENTE - Al voto con l'Europa in testa - E3

    Che fine ha fatto il Green Deal? La lobby del fossile all'assalto della transizione verde, mentre l'Europa subisce già i disastri dei cambiamenti climatici - con Monica Frassoni, presidente European Alliance to Save Energy

    Clip - 23-04-2024

  • PlayStop

    Un 25 aprile Popolare - E14

    Milano capitale della Resistenza ospiterà un museo nazionale della Resistenza per capire cosa sarà e soprattutto come vuole raccontare il movimento di Liberazione, la lotta, la storia c'è un sito già al lavoro, ricco di proposte: www.museodellaresistenza.it. Un 25 aprile Popolare oggi vi racconta Posta San Paolo a Roma e uno dei suoi protagonisti

    Clip - 23-04-2024

  • PlayStop

    Cult di martedì 23/04/2024

    Oggi a Cult: le compagnie ATIR e Generazione Disagio e le loro iniziative per il 25 aprile; la regista Martina De Polo sul film "Flora", dedicato a una partigiana bambina; l'edizione 2024 di Milano Musica comincia con "Tierkreis" di K. Stockhausen al Teatro Menotti, da un'dea di Luciano Gottardi; il libro di Gianluca Peciola "La linea del silenzio" (Solferino ed.)...

    Cult - 23-04-2024

  • PlayStop

    Pubblica di martedì 23/04/2024

    La fiamma e il nemico antifascista. Il legame ideologico del partito di Giorgia Meloni col passato neofascista: dai simboli ai contatti pericolosi con il mondo dell’estrema destra eversiva (Pino Rauti, il generale Gianadelio Maletti). E poi l’idea guida sull’antifascismo di Fratelli d’Italia: l’antifascismo è quello militante e con le spranghe in mano (le dichiarazioni di Meloni e Lollobrigida sono lì a dimostrarlo). A Pubblica la storica Simona Colarizi (autrice di “La resistenza lunga. Storia dell’antifascismo 1919-1945”, Laterza 2023) risponde a diversi interrogativi, a partire dal caso Scurati e dalla censura in Rai. Che cosa racconta il legame di FdI con i vecchi simboli della destra? Qual è il segno delle politiche del governo Meloni? Conservatore, reazionario o liberista? E l’antifascismo?

    Pubblica - 23-04-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 23/04/2024

    "La fine degli anticorpi" nella convivenza civile. L'Italia democratica è rimasta per troppo tempo distratta? A cura di Massimo Bacchetta

    Tutto scorre - 23-04-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di martedì 23/04/2024

    Con Don Gino Rigoldi (per trent'anni cappellano del Beccaria) ragioniamo su quanto emerso nell'inchiesta della procura di Milano sulle violenze degli agenti penitenziari nel carcere minorile e con Luigi Mastrodonato analizziamo le inchieste sui maltrattamenti e le torture in carcere e l'inazione della politica. Il 25 aprile popolare ci porta a Roma a Porta San Paolo con la storia del partigiano Persichetti. I bambini di Gaza sono lo specchio della nostra fatica a vedere l'orrore della guerra ci racconta Cecilia gentile autrice di “Bambini all’inferno”. La terza puntata di EuropaMente a cura di Alessandro Principe oggi vi racconta il Green Deal con Monica Frassoni. La lotta delle scuole civiche di Milano contro i tagli del Comune spiegata dal portavoce dell'assemblea degli studenti Michelangelo Canzi. UN 25 APRILE POPOLARE oggi vi racconta Posta San Paolo a Roma e uno dei suoi protagonisti

    Giorni Migliori – Intro - 23-04-2024

  • PlayStop

    VALERIO VARESI - ESTELLA. LA VITA STRAORDINARIA E DIMENTICATA DI TERESA NOCE

    VALERIO VARESI - ESTELLA. LA VITA STRAORDINARIA E DIMENTICATA DI TERESA NOCE - presentato da Anna Bredice

    Note dell’autore - 23-04-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di martedì 23/04/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 23-04-2024

Adesso in diretta