Approfondimenti

A nove giorni dall’attacco di Hamas Gaza è sull’orlo dell’abisso, l’inizio di una settimana importante per le politiche economiche del governo e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di domenica 15 ottobre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La situazione nella Striscia di Gaza sembra sempre più disperata mentre Israele continua ad ammassare truppe sui confini e l’inizio di un’operazione a terra sembrerebbe imminente. Dopo le revisioni al ribasso delle stime di crescita, per le scelte economiche del governo si preparano altri giorni di giudizi. E’ in crescita l’affluenza al voto in Polonia dove si vota per il rinnovo del parlamento. Si sta votando in Ecuador per il ballottaggio che determinerà la presidenza del paese. Si sta concludendo la lunga estate dal punto di vista delle temperature.

Gaza, preoccupazione per il possibile allargamento del conflitto

La situazione nella Striscia di Gaza sembra sempre più disperata, con i civili intrappolati all’interno, mentre Israele continua ad ammassare truppe sui confini e l’inizio di un’operazione a terra sembrerebbe imminente.
A 9 giorni dall’efferato attacco di Hamas e dall’inizio dei raid Israeliani, Gaza è sull’orlo dell’abisso, ha detto stamane la portavoce dell’agenzia ONU per i profughi nella striscia assediata. Il ministero della Sanità dell’Anp ha riferito che il numero dei morti a Gaza e in Cisgiordania è salito a 2.384, mentre i feriti sono 10.250. In particolare, scrive l’agenzia palestinese Wafa, la maggior parte erano bambini e donne. L’Onu ha stimato che nella prima settimana di guerra a Gaza ci siano almeno un milione di sfollati. Alle 13 ora italiana era scaduta anche l’ultima finestra concessa dall’esercito israeliano per l’evacuazione degli abitanti di Gaza, ma il valico con l’Egitto resta chiuso e l’unico flusso di persone è dal nord a sud della striscia, dove acqua ed elettricità ormai sono agli sgoccioli, nonostante gli Usa abbiano riferito che oggi Israele avrebbe riaperto il flusso dell’acqua nel sud della striscia. “i civili sono intrappolati tra migliaia di edifici distrutti, uscire è impossibile ” dice a Radio Popolare la relatrice speciale dell’alto commissariato Onu per i rifugiati Francesca Albanese.
Oltre 300.000 soldati riservisti israeliani si trovano al confine con la striscia, i carri armati. Gli israeliani hanno concluso la fase di posizionamento nel mezzo di incessanti bombardamenti sulla Striscia di Gaza che hanno appunto preparato le operazioni per l’invasione di terra.
Le Sirene a Tel Aviv sono suonate intorno alle 13. Il governo israeliano ha parlato oggi di o oltre 1.400 i morti per l’attacco di Hamas dello scorso 7 ottobre, 126 gli ostaggi israeliani nelle mani del movimento islamico. Hamas “pensava che Israele si sarebbe spaccata, ma saremo noi a spaccare Hamas”. ha detto il premier Benyamin Netanyahu nella prima riunione di gabinetto del governo di emergenza, rispondendo alle molte accuse che arrivano nei suoi confronti dalla stampa e da una parte dei cittadini che accusano il governo di disinteressarsi degli ostaggi. Poco fa ha parlato in diretta TV il presidente Herzog, che ha assicurato che si sta facendo ogni sforzo per la loro liberazione.

Terremoto diplomatico sul conflitto Israelo-Palestinese

La risposta militare di Israele sta provocando un vero e proprio terremoto diplomatico.
Le immagini che arrivano dalla striscia di Gaza stanno mettendo in imbarazzo gli Stati uniti di fronte ai loro alleati arabi che hanno firmato accordi di pace con Israele o che stavano per farlo come l’ Arabia Saudita.
Nel suo tour nella regione il segretario di stato Antony Blinken ha colto l’irritazione in particolare di Egitto e Arabia saudita.
Al Cairo il presidente Al Sisi ha detto a Blinken che la reazione di Israele all’attacco di Hamas è andata oltre l’autodifesa e si è tradotta in una punizione collettiva.
A Riad l’emissario di Joe Biden ha chiesto a Bin Salman di esercitare la sua leadership regionale per calmare la situazione ma in cambio il principe ereditario saudita gli ha chiesto di fare pressione su Netanyahu perché non vuole che il conflitto si estenda
Nel frattempo Bin Salman ha chiamato il presidente iraniano Ebrahim Raisi dopo le minacce di Teheran a Israele: “Nessuno può garantire il controllo della situazione se Israele invade Gaza. E’ stato l’avvertimento lanciato da Teheran.
Domani Blinken tornerà in Israele. Rispetto a 4 giorni, questa volta l’appoggio al diritto a difendersi di Israele sarà condizionato dalla drammatica situazione dei civili nella Striscia di Gaza.

Giorni del giudizio sulle scelte di politica economica del governo

(di Massimo Alberti)
Si apre una settimana importante per le politiche economiche del governo. Domani il consiglio dei ministri va a mettere i primi paletti della manovra pre elettorale. In settimana arrivano le prime valutazioni delle agenzia di rating sullo stato del debito italiano, e Bruxelles inizierà ad esaminare i conti italiani.
Dopo le revisioni al ribasso delle stime di crescita, per le scelte economiche del governo si preparano altri giorni di giudizi. Una premessa doverosa. Le agenzia di rating non sono oro colato, anzi, questi enti privati, in grado però di condizionare le scelte di politica economica hanno speso dimostrato anche dubbia affidabilità. E’ un dato di fatto però che condizionino i mercati, già in forte tensione sul debito italiano. E così il parere di venerdì di standard&Poors farà capire se le agenzie si fidano delle rassicurazioni del ministro dell’economia sulla tenuta dei conti, e indirizzeranno le prossime mosse dei mercati sul debito. Sarà poi la volta di Bruxelles, cui domani il governo manderà il documento programmatico di bilancio. Ad oggi i dubbi sono 2: una, diciamo, più dogmatica: le prospettive di bassa riduzione del debito. L’altro legato alla manovra ed all’utilizzo del deficit per il taglio del cuneo fiscale, che non genera crescita. Unito al taglio delle tasse con l’accorpamento delle prime 2 aliquote irpef, necessario proprio per non vanificare il taglio del cuneo, che arriverà per decreto insieme ad un taglio dell’Ires per le imprese che assumono. E l’indebolimento delle entrate fiscali per finanziare una tantum è l’altra parte del problema. E così torna l’ipotesi di abbassare da 120 a 80 mila euro la soglia per tagliare le detrazioni fiscali. Per arrivare ai 20-25 miliardi di manovra, resta poco. Niente aggiunte al pacchetto su fringe benefit e premi di produttività, ma sparisce la detassazione delle tredicesime, ridotto all’essenziale il pacchetto famiglia, solo un anticipo per i dipendenti pubblici, la partita di giro sulle pensioni tra minime e adeguamenti,mentre rispunta la proroga dell’odiato superbonus,per non uccidere del tutto l’edilizia mentre l’industria annaspa.

Forte affluenza ai seggi in Polonia

E’ in crescita l’affluenza al voto in Polonia dove si vota per il rinnovo del parlamento e anche per alcuni referendum, tra cui uno per bloccare il ricollocamento dei migranti in arrivo dall’Africa.
Da Varsavia, Mauro Caterina


Le elezioni presidenziali in Ecuador

Si sta votando in Ecuador per il ballottaggio che determinerà la presidenza del paese. Il primo turno ha visto la candidata progressista Luisa Gonzalez per il movimento Revolucion Ciudadana vincitrice con il 33% dei voti, distaccando il principale esponente della destra ultraliberista, Daniel Noboa, di ben dieci punti percentuali. L’esito del ballottaggio resta però incerto, con oltre il 40% degli elettori che risulta ancora indeciso. Gonzales propone il ritorno ad un forte stato sociale per combattere la povertà aumentando i finanziamenti a istruzione e sanità pubblica. Noboa, rampollo di una delle famiglie più ricche del sud America,propone invece la riduzione di imposte per grandi imprese per attrarre finanziamenti dall’estero.

Clima, la fine dell’estate

Temperature in abbassamento. Si sta concludendo la lunga estate dal punto di vista delle temperature.
I provvedimenti di adattamento al cambiamento climatico e per limitare la crescita delle temperature medie a 1,5 gradi come stabilito dagli accordi di Parigi del 2015 sempre più necessari.
Maurizio Maugeri è docente di fisica dell’atmosfera all’Università Statale di Milano

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 24/02 13:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Good Times di sabato 24/02/2024

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli appuntamenti fissati dal calendario, ma anche le occasioni offerte dall’ozio. Un dispenser di proposte e suggestioni per vivere al meglio il proprio tempo libero. Tutti i sabati, dalle 11.30 alle 13, Good Times è il nostro viaggio nelle proposte del fine settimana. E insieme il nostro augurio per trascorrere giorni belli e momenti felici. Conduce Elena Mordiglia.

    Good Times - 24-02-2024

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 24/02/2024 - ore 11:30

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 24-02-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 24/02/2024

    Nel rugby il terzo tempo è il dopo partita, quando gli animi si rilassano, si beve e si mangia insieme: questo è lo spirito con cui nasce questa trasmissione, che potrebbe essere definita una sorta di “spin off” di Esteri – in onda tutte le sere dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 19:30 – oppure, prendendo in prestito la metafora sportiva, un “terzo tempo” di Esteri. Sarà una mezz’ora più rilassata rispetto all’appuntamento quotidiano, ricca di storie e racconti, ma anche di musica. A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 24/02/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 24-02-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 24/02/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 24-02-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 24/02/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 24-02-2024

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 24/02/2024

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda le scorribande musicali dei due suonatori d’ottone in giro per la città, assecondate da artisti formidabili e straordinari.

    Slide Pistons – Jam Session - 23-02-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 23/02/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 23-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 23/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-02-2024

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 23/02/2024

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di Bologna e l’associazione Arte e Salute Onlus. Il progetto PSICORADIO è composto da due momenti intrecciati: un corso di formazione per operatori radiofonici rivolto a utenti dei servizi psichiatrici del dipartimento di salute mentale di Bologna e provincia, tenuto da professionisti della comunicazione guidati dalla direttrice della testata, prof. Cristina Lasagni (Università della Svizzera italiana). una testata radiofonica, Psicoradio, regolarmente registrata al tribunale di Bologna, che si occupa dei temi della salute mentale. I programmi di Psicoradio privilegiano i territori della psiche nei suoi incroci con il sociale e la cultura. Tutti gli argomenti – dalla cronaca all’arte – sono guardati da un punto di vista prevalentemente psicologico. Nelle trasmissioni si incrociano vari registri: poetici, informativi, ironici, scientifici, narrativi, autobiografici, assieme alle voci di chi la sofferenza psichica la sta attraversando. l corso di formazione per operatori radiofonici, articolato in tre anni, è tenuto da professionisti della comunicazione, della cultura, dell’arte, della psichiatria. Nel corso si apprendono i saperi classici del “fare radio”: quelli tecnici (registrazione, montaggio, regia); quelli giornalistici (l’intervista, l’inchiesta, ecc); quelli che servono per ideare e costruire una trasmissione, un palinsesto; e ciò che riguarda la programmazione musicale. Oltre ai contenuti prettamente comunicativi il corso aggiunge ambiti “psi”: per esempio, la psichiatria e la psicologia, nelle loro storie ed evoluzioni, ma anche terreni meno conosciuti ma oggi importanti come quelli dell’etnopsichiatria. Nei primi 5 anni di attività Psicoradio ha realizzato più di 220 trasmissioni nazionali, circa 20 trasmissioni per altre testate e 20 trasmissioni in diretta. Ha anche realizzato campagne di sensibilizzazione e comunicazione e convegni su temi cari alla redazione: nel 2008 la ricerca Follia scritta, sulle parole della salute mentale nella stampa nazionale, nel 2010 la campagna Basaglia piace solo in tv?, per la difesa della legge 180 e contro alcuni progetti di legge di modifica e nel 2011 Cronisti della mente, incontro delle radio che trattano la salute mentale.

    Psicoradio - 23-02-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 23/02/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-02-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 23/02/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-02-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 23/02/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 23-02-2024

Adesso in diretta