Approfondimenti

L’attacco russo a Dnipro, la nuova strategia di Giorgia Meloni e le altre notizie della giornata

Dnipro ANSA

Il racconto della giornata di domenica 15 gennaio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. È salito a 29 il numero dei morti dell’attacco russo su un condominio a Dnipro, nell’Ucraina orientale, nelle stesse ore in cui la Gran Bretagna ha confermato l’invio di carri armati a Kyiv, il primo paese a farlo con altri pronti a fare annunci simili nei prossimi giorni. Il giorno dopo l’avvertimento di Meloni agli alleati della sua maggioranza, oggi è il leader della Lega Matteo Salvini a tornare a farsi sentire su un provvedimento bandiera della Lega: l’autonomia differenziata. Ma la strategia di Meloni sul breve termine è chiara: rafforzare la sua leadership all’interno della destra, a discapito degli alleati. Intanto oggi gli attivisti di Ultima Generazione sono tornati in azione a Milano, mentre il leader della Lega vorrebbe il carcere per loro.

29 vittime nell’attacco russo a un condominio di Dnipro

È salito a 29 il numero dei morti dell’attacco russo su un condominio a Dnipro, nell’Ucraina orientale. Nelle scorse ore si sono intensificati i bombardamenti russi sul paese. Secondo il governo ucraino i russi avrebbero bombardato anche i locali in cui lavorano i rappresentanti della Croce Rossa a Kherson. “Il bombardamento ha provocato un grave incendio” hanno scritto fonti governative. “Non ci sono informazioni sulle vittime”.

Intanto il Segretario generale della Nato Stoltenberg ha detto in un’intervista ai media tedeschi che l’Ucraina può aspettarsi presto altre consegne di armi pesanti da parte dei Paesi occidentali. “I recenti impegni per l’acquisto di equipaggiamento bellico pesante sono importanti e mi aspetto di riceverne altri nel prossimo futuro” ha detto Stoltenberg in vista della riunione di questa settimana del Gruppo di contatto per la difesa dell’Ucraina che coordina le forniture di armi a Kiev.
Quest’ultima ondata di missili russi è anche un messaggio sul fronte politico interno di Vladimir Putin. Sentiamo Mara Morini, docente di Scienze Politiche Internazionali, esperta di Russia:


 

La Gran Bretagna sarà il primo paese a mandare carri armati a Kyiv

(di Emanuele Valenti)

Qualche giorno fa, commentando la battaglia per Soledar e ringraziando i soldati ucraini, Zelensky ha detto che grazie a loro Kyiv ha guadagnato tempo e forza. 
Tempo perché nel frattempo l’esercito ha potuto fortificare le altre posizioni nel Donbass, verso Sloviansk e Kramatorsk. 
Forza – l’interpretazione più plausibile – perché gli ucraini stanno usando quello stesso tempo per convincere l’Occidente ad aumentare il supporto militare. E in questo momento supporto militare vuol dire carri armati.

 L’annuncio di carri armati britannici, fatto dal primo ministro Sunak a Zelensky, va in questa direzione e la Gran Bretagna sarà il primo paese a mandare carri armati a Kyiv. 
Nei prossimi giorni potrebbero arrivare altri annunci. Kyiv spera prima della riunione, venerdì 20, di tutti i paesi che stanno supportando militarmente l’Ucraina.

La scorsa settimana Francia e Stati Uniti hanno promesso l’invio di mezzi da combattimento. Non ancora carri armati. 
Particolarmente delicata la posizione della Germania, che produce una buona parte dei mezzi in dotazione ai paesi europei e che sulla carta deve dare il via libera al loro impiego in paesi terzi, in questo caso l’Ucraina. Lo hanno già chiesto Polonia e Finlandia. Il cancelliere Scholz è alle prese con pressioni politiche e rimandi al passato.

Zelensky vorrebbe centinaia di carri armati. Gli unici che gli permetterebbero, nel caso, di riprendere – in una nuova contro-offensiva – il territorio ancora occupato dai russi nel sud-est del paese. Spera arrivino anche dagli Stati Uniti. Ma attenzione i carri armati da soli – di certo non solo quelli britannici – non basterebbero, servirebbe altro, anche altra artiglieria.
L’annuncio britannico non cambia gli equilibri, ma simbolicamente e psicologicamente è un salto di qualità significativo.

Salvini torna alla carica con l’autonomia differenziata

Il giorno dopo l’avvertimento di Giorgia Meloni agli alleati della sua maggioranza – “basta creare ostacoli” aveva detto la Presidente del Consiglio – oggi è il leader della Lega Matteo Salvini a tornare a farsi sentire su un provvedimento bandiera della Lega: l’autonomia differenziata. “Sarà realtà entro la fine dell’anno” ha detto il leghista
Nella maggioranza la questione è mal digerita. Per Fratelli d’Italia è il prezzo da pagare in cambio dell’appoggio sul presidenzialismo. Forza Italia chiede un testo equilibrato per non mettere a rischio l’unità nazionale.
Un consiglio a Salvini ad andare piano: su questo tema è arrivato oggi da un ex della politica del centrodestra, Gianfranco Fini. La fretta può essere cattiva consigliera, ha detto Fini in Tv. “Si faccia, ma con modo perchè la fretta è cattiva consigliera e se la riforma si fa male si mette a rischio l’unità nazionale” ha detto Fini.
Ai nostri microfoni anche il capogruppo di Fratelli d’Italia al Senato Lucio Malan frena Salvini sui tempi: “Vanno concordati tutti insieme, l’autonomia non è l’unica priorità all’ordine del giorno”:

Cosa significano queste tensioni nella maggioranza? E che conseguenze possono avere sul governo? L’opinione del politologo Alessandro Campi:


 

La strategia a breve termine di Giorgia Meloni

(di Alessandro Braga)

Le prossime mosse di Giorgia Meloni si muoveranno su un duplice binario, ma con un unico obiettivo: rafforzare la sua leadership all’interno della destra, a discapito degli alleati. Le tensioni dell’ultima settimana, l’andare ognuno per conto proprio sul primo scoglio che il governo ha dovuto affrontare, il cosiddetto caro-benzina, in particolare da parte di esponenti forzisti, ha irritato non poco la presidente del consiglio. Che ha deciso di passare al contrattacco. Con una strategia ben precisa, a brevissimo e a breve termine. Per lunedì ha convocato un vertice con i suoi uomini più fidati nel partito, per bloccare qualsiasi voce di dissenso che potrebbe indebolire l’operato del governo. Serrare le fila, la parola d’ordine, e fare quadrato in particolare contro gli attacchi di Forza Italia, che non perde occasione per prendere le distanze dall’esecutivo. Ci sarebbe Silvio Berlusconi in persona, o qualcuno a lui molto vicino, a organizzare la fronda, pensa Meloni. Per le prossime settimane invece le attenzioni della presidente del consiglio si concentreranno sull’appuntamento elettorale nel Lazio e in Lombardia. Nel primo caso a preoccuparla sono i numeri, che anche se danno vincente il suo candidato, Francesco Rocca, non sono così alti come si sarebbe aspettata. Ma è in Lombardia che vuole giocarsi la partita più importante, tutta interna alla destra. Stravincere il confronto con Forza Italia e la Lega, in quella che è stata prima la roccaforte del berlusconismo e poi del leghismo (anche salviniano) le permetterebbe di stoppare i maldipancia degli alleati. Non è un caso che ripeta quasi ossessivamente che le elezioni regionali hanno una valenza politica generale. È sul quel piano che vuole vincere. Anzi, stravincere. È in gioco la navigazione del suo governo per il prossimo futuro.

Il nuovo blitz degli attivisti di Ultima Generazione a Milano

Matteo Salvini vuole il carcere, il Ministro dell’Interno Piantedosi annuncia nuove possibili norme penali e di sicurezza. Obbiettivo: gli attivisti per il clima e gli imbrattamenti di muri, monumenti e opere d’arte.
“Sono vandali, meritano il carcere” aveva detto Salvini attaccando gli attivisti di Ultima Generazione che questa mattina hanno imbrattato con vernice lavabile il basamento della scultura Love, più nota come il Dito, di Maurizio Cattelan in Piazza Affari a Milano.
E il ministro dell’interno Piantedosi ha detto in tv: “Abbiamo un tavolo aperto con il ministro Nordio per una riflessione sulla necessità di interventi normativi che, sia con strumenti penali che di sicurezza, possano tenere conto di queste situazioni che ultimamente si sono affacciate nella nostra realtà”.
L’azione di questa mattina di Ultima Generazione “è stata un’azione contro le banche che finanziano l’industria fossile” hanno spiegato gli attivisti.
Azione anche in solidarietà con lo sgombero del villaggio di Lützerath, in Germania, l’area espropriata dalla società RWE che in accordo col governo tedesco vuole ampliare la miniera di carbone. Secondo ReCommon e GreenPeace, Intesa Sanpaolo e UniCredit hanno investito nella società multi-utility tedesca 135 e 226 milioni di euro. Per questo gli attivisti di Ultima Generazione hanno fatto il blitz di oggi proprio a Piazza Affari. Blitz annunciato con alcuni video su Instagram:

Le azioni degli attivisti di Ultima Generazione stanno facendo discutere nel mertito e nel metodo. Si torna a parlare di disobbedienza civile e legittimità di queste azioni. Ne abbiamo parlato con Marco Cappato, presidente dell’Associazione Luca Coscioni che da anni porta avanti anche battaglie col metodo della disobbedienza civile:


 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 13/04 17:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 13-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 12/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 12-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 12/04/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 12-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 13/04/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 13-04-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 13/04/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 13-04-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 13/04/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 13-04-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 13/04/2024

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con un tono leggero fatto di parole, note e suoni che sostituendo le immagini permettono di ricreare con la propria capacità di ascolto emozioni e riflessioni suggerite dal cinema. Il programma, che prende il nome dal contenitore che conserva e ripara dalla luce le pellicole all’interno della macchina da presa, va in onda ogni domenica mattina con quasi un’ora di interviste a registi, attori, autori, musiche e parole dal mondo della celluloide. A volte con interventi e opinioni di critici, sempre con i racconti di chi il cinema lo fa. Un programma d’informazione sulle uscite cinematografiche settimanali e le cronache dai Festival di Cannes, Venezia, Torino, Locarno. Inoltre viene dato spazio alle novità editoriali in campo cinematografico e ogni puntata di Chassis si chiude con una canzone dei titoli di coda, tratta ogni mese da una colonna sonora diversa. Vi aspetta ogni sabato dalle 14.00 alle 15.00 in FM 107.60, in streaming o su app.

    Chassis - 13-04-2024

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 13/04/2024 - ore 13:18

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 13-04-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 13/04/2024

    Andiamo al festival Fondamentali di Varese e presentiamo l’incontro con Luca Radaelli di Emergency sul libro Una persona alla volta, di Gino Strada; TIPO Festival a Prato: le attività per bambini e bambine; Andrea Mirò, cantautrice, direttrice d'orchestra e polistrumentista, e il suo consiglio di lettura; la mostra fotografica organizzata dal Sant’Ambroeus; cinema, teatro, arte e tante, tantissime segnalazioni.

    Good Times - 13-04-2024

  • PlayStop

    Le Olimpiadi della sanità

    La sanità può essere una vera e propria gara ad ostacoli. Un nostro ascoltatore ci ha mandato una mail divertente, che abbiamo pensato di leggervi, in cui paragona le sue peripezie per prenotare una terapia con una gara competitiva degna delle prossime Olimpiadi.

    37 e 2 - 13-04-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 13/04/2024

    Nel rugby il terzo tempo è il dopo partita, quando gli animi si rilassano, si beve e si mangia insieme: questo è lo spirito con cui nasce questa trasmissione, che potrebbe essere definita una sorta di “spin off” di Esteri – in onda tutte le sere dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 19:30 – oppure, prendendo in prestito la metafora sportiva, un “terzo tempo” di Esteri. Sarà una mezz’ora più rilassata rispetto all’appuntamento quotidiano, ricca di storie e racconti, ma anche di musica. A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 13-04-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 13/04/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 13-04-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 13/04/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 13-04-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 13/04/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 13-04-2024

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 13/04/2024

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda le scorribande musicali dei due suonatori d’ottone in giro per la città, assecondate da artisti formidabili e straordinari.

    Slide Pistons – Jam Session - 12-04-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 12/04/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 12-04-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 12/04/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 12-04-2024

Adesso in diretta