Approfondimenti

43 milioni di italiani in zona rossa, Enrico Letta rilancia lo ius soli e le altre notizie della giornata

Enrico Letta PD ANSA

Il racconto della giornata di domenica 14 marzo 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Da domani 43 milioni di italiani in 11 regioni saranno in zona rossa, mentre il governo punta a vaccinare l’80% dei cittadini in sei mesi e i medici che somministrano le dosi del vaccino di AstraZeneca chiedono uno scudo penale dopo il caso di Siracusa. A Milano qualcuno ha divelto e rubato la targa che ricorda l’anarchico Pino Pinelli. Il grande fotografo Giovanni Gastel è morto a 65 anni. Infine, i dati di oggi sull’andamento dell’epidemia da COVID in Italia.

80% di vaccinati in sei mesi. Cosa rischia di far slittare il piano del governo?

Le restrizioni serviranno ad abbassare la curva di diffusione del virus in attesa della vaccinazione di massa.
Il piano del Governo prevede di vaccinare in sei mesi l’80% degli italiani e raggiungere così l’immunità di gregge. Significa circa 500 mila vaccinazioni al giorno da metà aprile. Quali sono le variabili che possono far slittare questo piano? Lo abbiamo chiesto al microbiologo Andrea Crisanti:

Lo sforzo logistico e di personale impiegato sarà senza precedenti. Abbiamo chiesto una valutazione al professor Luca Laini, esperto di logistica e docente all’università Cattolica di Milano:

 

I medici chiedono uno scudo penale per chi somministra il vaccino di AstraZeneca

Oggi il Piemonte ha sospeso la somministrazione del lotto di vaccino Astrazeneca con cui era stato vaccinato il docente morto a Biella nelle scorse ore. Una sospensione in via cautelativa in attesa dei riscontri sulle cause del decesso. Le somministrazioni di AstraZeneca appartenenti a lotti diversi sono ancora regolarmente in corso.
Fino ad ora non c’è nessuna relazione diretta e nessun rischio per il vaccino AstraZeneca” ha detto oggi il presidente dell’Agenzia italiana del Farmaco, l’Aifa, Giorgio Palù, intervistato alla trasmissione Mezz’ora in più:

C’è preoccupazione tra i medici per le ricadute giudiziarie, i medici che avevano somministrato il vaccino al militare morto a Siracusa sono stati iscritti nel registro degli indagati come atto dovuto. “Molti colleghi sono spaventati da quello che è successo in Sicilia” ha detto il presidente della Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e odontoiatri Filippo Anelli, che chiede uno scudo penale:

 

Enrico Letta è il nuovo segretario del PD e punta a portare l’incarico fino in fondo

(di Anna Bredice)

Non avrei lasciato il lavoro che stavo facendo per portarvi ad una sconfitta“. Alla fine del suo intervento Enrico Letta, il nuovo segretario del Partito democratico, fa capire con queste parole che il suo nuovo incarico lo vuole portare fino in fondo, fino alle elezioni che il centrosinistra potrà vincere, “non è scontato che con questa destra perderemo”, dice. Le elezioni potranno tenersi dopo il nuovo Capo dello Stato, se al Quirinale andrà Mario Draghi oppure nel 2023, ma Letta vuole guidare il partito fino ad allora e forse anche oltre, la parola primarie scompare sia nel suo discorso, che in quello delle tante correnti che in nome di un congresso anticipato hanno costretto Zingaretti alle dimissioni. Il partito che Letta descrive è al centro di una coalizione di centrosinistra, unitario, con una segreteria aperte alle diverse componenti, ha in mente un nuovo Ulivo, il Pd come perno centrale per costruire prima una coalizione e poi cercare l’alleanza con i Cinque stelle di Conte, il quale si è congratulato subito con Letta, manca invece ancora una dichiarazione di Renzi sulla vittoria di colui che aveva cacciato da Palazzo Chigi sette anni fa. Letta pone delle condizioni programmatiche, a cui gli ex renziani nel Pd non possono opporsi e questa è la rivincita di Letta su ciò che accadde allora, oltre non va, dice che ha imparato dagli errori e che la vita è così. Ma intanto si prende un partito che guarda a lui come unica soluzione ad uno sbando totale. All’assemblea Letta propone un partito che ritrova la sua identità, a cominciare dalle battaglie perse per strada in questi anni: lo ius soli, che non a caso crea già un mezzo terremoto nella destra, ma anche la distribuzione dei proventi delle aziende tra gli operai, un fisco progressivo, il lavoro per le donne e il ritorno dei giovani al Pd, apre al voto ai sedicenni ad esempio. Il metodo sarà di apertura alla società, a cominciare dal confronto nelle sezioni che vuole iniziare nei prossimi giorni, un sorta di mini congresso, e poi un nuovo voto in assemblea sul suo programma.

Enrico Letta rilancia subito lo ius soli

Letta, ha rilanciato la questione della cittadinanza per i figli degli immigrati nel suo discorso
Immediati gli attacchi delle destre. “Parte male, sono cavolate”, ha detto Salvini. Attacchi anche da Fratelli d’Italia, per Forza Italia lo Ius soli non è una priorità.
Letta ha rilanciato una questione identitaria che però ha poche possibilità di arrivare alla approvazione in Parlamento, dice ai nostri microfoni Gianfranco Schiavone, dell’Associazione studi giuridici sull’immigrazione, uno dei soggetti che lanciarono la campagna “L’Italia sono anch’io”:

 

Rubata la targa in ricordo dell’anarchico Pino Pinelli a Milano

Qualcuno ha divelto e rubato la targa che ricorda l’anarchico Pino Pinelli a Milano. Era stata messa due anni fa dal comune in un’area verde davanti alla sua casa di piazzale Segesta. Ieri pomeriggio qualcuno l’ha staccata e portata via.
A denunciare l’accaduto il presidente dell’Anpi di Milano Roberto Cenati. “Un gesto vergognoso contro la memoria di Pino Pinelli: ferroviere, anarchico, partigiano, diciottesima vittima della strage di piazza Fontana” ha detto Cenati.
Il Comune di Milano ha già comunicato alla famiglia Pinelli che la targa sarà rimessa al suo posto nel più breve tempo possibile. Sentiamo la figlia, Claudia Pinelli:

 

Addio al fotografo Giovanni Gastel

La morte del grande fotografo Giovanni Gastel. Tanti i messaggi di cordoglio all’indomani della scomparsa dell’artista, ucciso dal COVID. Dopo il lockdown dell’anno scorso, a maggio Gastel partecipò alla mostra virtuale collettiva intitolata “Sguardo al futuro”.
La sua fotografia rappresentava una donna che sembrava volare affiancata a una poesia. Lo incontrò la nostra Tiziana Ricci:

 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Alla vigilia dell’ingresso in zona rossa per buona parte dell’Italia, è stata superata la soglia dei 3 mila ricoveri in terapia intensiva. Sono 3.082, è il numero più alto da metà dicembre, il picco di ricoveri in rianimazione fu toccato il 3 aprile dello scorso anno con 4.068 pazienti in terapia intensiva.
Oggi con 100 mila tamponi in meno è calato il numero dei nuovi positivi: 21.315, ieri erano stati 26.062. È in aumento però il tasso di positività che sale al 7.78%, ieri era stato del 6,98%.
I morti sono stati 264.
Da domani scatterà la zona rossa per 43 milioni di italiani in 11 regioni. Chiusi buona parte dei negozi, i parrucchieri, gli estetisti. Continuerà ad essere consentito l’asporto dai bar fino alle 18 e dai ristoranti fino alle 22. In assenza di restrizioni locali sono aperti i parchi pubblici e le aree verdi. Torna invece il divieto di andare a trovare parenti o amici.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 15/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 16/05/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 15/05/2022

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non…

    Prospettive Musicali - 16/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di domenica 15/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 16/05/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 15/05/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 16/05/2022

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 15/05/2022

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 16/05/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 15/05/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 16/05/2022

  • PlayStop

    Mixtape di domenica 15/05/2022

    A compilation of favorite pieces of music, typically by different artists, recorded onto a cassette tape or other medium by…

    Mixtape - 16/05/2022

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 15/05/2022

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla…

    Bollicine - 16/05/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di domenica 15/05/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 16/05/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 15/05/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 16/05/2022

  • PlayStop

    Rap Criminale di domenica 15/05/2022

    - Chi ha sparato a Tupac Shakur? - Chi ha ucciso Notorious B.I.G.? Perché si sono sciolti i NWA? -…

    Rap Criminale - 16/05/2022

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 15/05/2022

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle…

    Comizi d’amore - 16/05/2022

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 15/05/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 16/05/2022

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 15/05/2022

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 16/05/2022

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 15/05/2022

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 16/05/2022

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 15/05/2022

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del…

    Apertura musicale classica - 16/05/2022

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 14/05/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 16/05/2022

  • PlayStop

    Snippet di sabato 14/05/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 16/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 14/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 16/05/2022

  • PlayStop

    Avenida Brasil di sabato 14/05/2022

    La trasmissione di musica brasiliana di Radio Popolare in onda dal 1995! Da nord a sud, da est ad ovest;…

    Avenida Brasil - 14/05/2022

Adesso in diretta