Approfondimenti

La scuola italiana alla prova del Green Pass, la spada di Damocle che pende su Salvini e le altre notizie della giornata

Recovery Plan Draghi

Il racconto della giornata di domenica 12 settembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Domani inizia il nuovo anno scolastico in dieci regioni italiane con la grande novità del Green Pass obbligatorio per tutto il personale scolastico e i genitori, mentre giovedì il Consiglio dei Ministri estenderà l’obbligo del Green Pass per altre categorie di lavoratori, ma tutto è ancora da definire. Si avvicinano le elezioni amministrative e per Salvini sarà un banco di prova della sua strategia del doppio binario. Il governo di Boris Johnson, intanto, ha annunciato di aver abbandonato l’idea di imporre un passaporto sanitario per discoteche, cinema ed eventi sportivi. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

La scuola italiana riparte col Green Pass

Domani inizia il nuovo anno scolastico in dieci regioni italiane, sono circa quattro milioni gli studenti che tornano in aula, un milione e 400mila solo in Lombardia. La novità principale rispetto allo scorso anno è l’obbligo di Green Pass per tutto il personale scolastico e per i genitori che devono entrare negli istituti. Qualche preoccupazione c’è tra il personale scolastico, in particolare per il poco preavviso che c’è stato dall’introduzione della nuova norma, la fine della scorsa settimana, e l’inizio dell’anno scolastico. Questa la voce di una maestra di un istituto milanese:

Sempre a Milano, abbiamo sentito Giovanni Manfredi, dirigente scolastico dell’istituto comprensivo Barozzi di Milano e Manzoni di Cormano, nella provincia milanese:


 

La roadmap del governo sull’estensione dell’obbligo del Green Pass

La cabina di regia sui nuovi provvedimenti da adottare per indurre chi non si è ancora vaccinato a farlo non è stata ancora convocata. Ma difficilmente, dopo avere annullato l’appuntamento la scorsa settimana sull’onda delle polemiche in sede di conversione del decreto già in vigore alla Camera, Mario Draghi lascerà passare anche la settimana che si apre domani. Dopo un primo punto dentro il governo tra lunedì e martedì, un’indicazione, anche sul piano legale, su come procedere nell’estensione del Green Pass è necessaria. Il prossimo decreto che estenderà ad altre categorie l’obbligo sarà infatti al vaglio del consiglio dei ministri di giovedì: secondo le intenzioni dell’esecutivo includerà l’obbligo per tutti i dipendenti pubblici, ma la novità riguarderà meno persone di quanto sembri, visto che il grosso degli statali (insegnanti e personale sanitario) è già sottoposto all’obbligo. L’altra categoria di lavoratori per cui il governo potrebbe imporre l’obbligo di green pass è quella degli addetti ai servizi per cui il green pass è richiesto all’utenza: baristi, ristoratori, camerieri, impiegati di piscine, palestre eccetera. Un altro passo, insomma, nella progressiva estensione a tutti, compreso il settore privato, su cui però ci sono da sciogliere ancora alcune questioni di ordine giuridico e da affrontare le obiezioni dei sindacati. Nel frattempo al senato arriverà per la conversione il decreto sul green pass approvato dalla camera la scorsa settimana, e la camera affronterà il secondo passaggio di quello sulla scuola. A fare da quinta alle mosse del governo, e, c’è da starne certi, da serbatoio di nuove polemiche e contrapposizioni.

La strategia del doppio binario di Salvini alla prova del voto

(di Alessandro Braga)

L’ultimo sondaggio, che dà la Lega (ancora, seppur di poco) al di sopra dell’asticella fisiologica del 20%, ha fatto tirare un sospiro di sollievo a Matteo Salvini, convincendolo che la sua strategia del doppio binario, di lotta e di governo, alla fine stia pagando. Ma più che una sicurezza, è un pannicello caldo per il leader leghista, che vede erodere il suo consenso esterno a favore di Giorgia Meloni, e interno a favore dei suoi colonnelli filogovernativi, ormai visti come avversari interni. Tra tre settimane i risultati delle elezioni amministrative diranno se Salvini potrà continuare tranquillo nel suo progetto di Lega nazionalista o se i malumori, ormai nemmeno troppo celati, all’interno del movimento esploderanno, qualcuno dice addirittura con un congresso federale che potrebbe spodestare Salvini. Il segretario leghista dal canto suo ha il merito, storico, di aver preso un partito sull’orlo della scomparsa, travolto dagli scandali dell’era bossiana, e averlo portato a risultati mai visti. Ma contro di lui pende ancora la spada di Damocle dell’estate del Papeete, quando nel giro di pochi giorni è riuscito a far cadere il governo in cui era di fatto azionista di maggioranza e ritrovarsi all’opposizione. E ancora, il malcontento di parte dei suoi uomini, che non vedono di buon occhio questo continuo doppio gioco del segretario, governativo e antigovernativo allo stesso tempo. Ma soprattutto il malumore di quelle classi produttive del nord, da sempre zoccolo duro dell’elettorato leghista, che si sentono abbandonate dalla svolta nazionalista di Salvini, e che potrebbero trovare sponda invece in chi, all’interno del partito, non ha mai abbandonato quelle posizioni federaliste, a partire da Luca Zaia, da sempre considerato l’anti-Salvini interno alla Lega.

Francia, il partito socialista sceglie Anne Hidalgo per l’Eliseo

Anne Hidalgo, la sindaca di Parigi recentemente rieletta, molto popolare nella capitale francese di cui ha ridisegnato di fatto la mobilità con l’introduzione di decine di chilometri di piste ciclabili, è la candidata all’Eliseo per il partito socialista. Il lancio della campagna elettorale è avvenuto a Rouen: perché e quali sfide ha davanti a sè la sindaca verde, l’analisi del giornalista di Liberation Eric Joseph:


 

La Gran Bretagna abbandona l’idea del Green Pass

La Gran Bretagna rinuncia a introdurre il Green Pass. Il governo di Boris Johnson ha annunciato di aver abbandonato l’idea di imporre un passaporto sanitario per discoteche, cinema ed eventi sportivi: un provvedimento che era stato ventilato nei mesi scorsi e che sarebbe dovuto entrare in vigore a fine settembre. I dati epidemiologici, dopo il Freedom Day che aveva abolito tutte le restrizioni, non sono infatti così drammatici come pure lo stesso Boris Johnson aveva messo in conto potessero essere, ma a pesare è stata soprattutto l’opposizione dei conservatori in parlamento.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

I dati di oggi del bollettino sul coronavirus in Italia, sono stati pubblicati poco fa: 4.600 nuovi positivi circa, 34 decessi registrati nelle ultime 24 ore. Il tasso di positività è all’1,7%. I ricoveri sono più o meno stabili, 12 in più nel saldo tra entrate e uscite in terapia intensiva e 4 in meno nei reparti ordinari.
In Italia è completamente vaccinato il 74,6% degli over 12, i vaccinabili, e ha ricevuto almeno una dose l’81,9%. Oggi la Regione Lombardia ha stabilito, con una delibera di giunta trasmessa a tutte le ATS e agli ospedali, che i parenti potranno tornare a fare visita ai ricoverati, purché in possesso di certificazione sanitaria.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 04/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/04/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Cult di lunedì 04/07/2022

    Oggi inizia Cult Estate, il quotidiano culturale estivo di Radio Popolare in onda dalle 10.00 alle 11.30! Fra gli argomenti:…

    Cult - 07/04/2022

  • PlayStop

    Radiosveglia di lunedì 04/07/2022

    La Radiosveglia di oggi: rassegna stampa dei principali quotidiani, con le riflessioni sulla strage della Marmolada, l'apertura della fitta settimana…

    Radiosveglia - 07/04/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di lunedì 04/07/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 07/04/2022

  • PlayStop

    News della notte di domenica 03/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/03/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 03/07/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 07/03/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 03/07/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 07/03/2022

  • PlayStop

    Mixtape di domenica 03/07/2022

    A compilation of favorite pieces of music, typically by different artists, recorded onto a cassette tape or other medium by…

    Mixtape - 07/03/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di domenica 03/07/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 07/03/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 03/07/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 07/03/2022

  • PlayStop

    Rap Criminale di domenica 03/07/2022

    - Chi ha sparato a Tupac Shakur? - Chi ha ucciso Notorious B.I.G.? Perché si sono sciolti i NWA? -…

    Rap Criminale - 07/03/2022

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 03/07/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 07/03/2022

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 03/07/2022

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 07/03/2022

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 03/07/2022

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 07/03/2022

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 02/07/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 07/02/2022

Adesso in diretta