Approfondimenti

La scuola italiana alla prova del Green Pass, la spada di Damocle che pende su Salvini e le altre notizie della giornata

Recovery Plan Draghi

Il racconto della giornata di domenica 12 settembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Domani inizia il nuovo anno scolastico in dieci regioni italiane con la grande novità del Green Pass obbligatorio per tutto il personale scolastico e i genitori, mentre giovedì il Consiglio dei Ministri estenderà l’obbligo del Green Pass per altre categorie di lavoratori, ma tutto è ancora da definire. Si avvicinano le elezioni amministrative e per Salvini sarà un banco di prova della sua strategia del doppio binario. Il governo di Boris Johnson, intanto, ha annunciato di aver abbandonato l’idea di imporre un passaporto sanitario per discoteche, cinema ed eventi sportivi. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

La scuola italiana riparte col Green Pass

Domani inizia il nuovo anno scolastico in dieci regioni italiane, sono circa quattro milioni gli studenti che tornano in aula, un milione e 400mila solo in Lombardia. La novità principale rispetto allo scorso anno è l’obbligo di Green Pass per tutto il personale scolastico e per i genitori che devono entrare negli istituti. Qualche preoccupazione c’è tra il personale scolastico, in particolare per il poco preavviso che c’è stato dall’introduzione della nuova norma, la fine della scorsa settimana, e l’inizio dell’anno scolastico. Questa la voce di una maestra di un istituto milanese:

Sempre a Milano, abbiamo sentito Giovanni Manfredi, dirigente scolastico dell’istituto comprensivo Barozzi di Milano e Manzoni di Cormano, nella provincia milanese:


 

La roadmap del governo sull’estensione dell’obbligo del Green Pass

La cabina di regia sui nuovi provvedimenti da adottare per indurre chi non si è ancora vaccinato a farlo non è stata ancora convocata. Ma difficilmente, dopo avere annullato l’appuntamento la scorsa settimana sull’onda delle polemiche in sede di conversione del decreto già in vigore alla Camera, Mario Draghi lascerà passare anche la settimana che si apre domani. Dopo un primo punto dentro il governo tra lunedì e martedì, un’indicazione, anche sul piano legale, su come procedere nell’estensione del Green Pass è necessaria. Il prossimo decreto che estenderà ad altre categorie l’obbligo sarà infatti al vaglio del consiglio dei ministri di giovedì: secondo le intenzioni dell’esecutivo includerà l’obbligo per tutti i dipendenti pubblici, ma la novità riguarderà meno persone di quanto sembri, visto che il grosso degli statali (insegnanti e personale sanitario) è già sottoposto all’obbligo. L’altra categoria di lavoratori per cui il governo potrebbe imporre l’obbligo di green pass è quella degli addetti ai servizi per cui il green pass è richiesto all’utenza: baristi, ristoratori, camerieri, impiegati di piscine, palestre eccetera. Un altro passo, insomma, nella progressiva estensione a tutti, compreso il settore privato, su cui però ci sono da sciogliere ancora alcune questioni di ordine giuridico e da affrontare le obiezioni dei sindacati. Nel frattempo al senato arriverà per la conversione il decreto sul green pass approvato dalla camera la scorsa settimana, e la camera affronterà il secondo passaggio di quello sulla scuola. A fare da quinta alle mosse del governo, e, c’è da starne certi, da serbatoio di nuove polemiche e contrapposizioni.

La strategia del doppio binario di Salvini alla prova del voto

(di Alessandro Braga)

L’ultimo sondaggio, che dà la Lega (ancora, seppur di poco) al di sopra dell’asticella fisiologica del 20%, ha fatto tirare un sospiro di sollievo a Matteo Salvini, convincendolo che la sua strategia del doppio binario, di lotta e di governo, alla fine stia pagando. Ma più che una sicurezza, è un pannicello caldo per il leader leghista, che vede erodere il suo consenso esterno a favore di Giorgia Meloni, e interno a favore dei suoi colonnelli filogovernativi, ormai visti come avversari interni. Tra tre settimane i risultati delle elezioni amministrative diranno se Salvini potrà continuare tranquillo nel suo progetto di Lega nazionalista o se i malumori, ormai nemmeno troppo celati, all’interno del movimento esploderanno, qualcuno dice addirittura con un congresso federale che potrebbe spodestare Salvini. Il segretario leghista dal canto suo ha il merito, storico, di aver preso un partito sull’orlo della scomparsa, travolto dagli scandali dell’era bossiana, e averlo portato a risultati mai visti. Ma contro di lui pende ancora la spada di Damocle dell’estate del Papeete, quando nel giro di pochi giorni è riuscito a far cadere il governo in cui era di fatto azionista di maggioranza e ritrovarsi all’opposizione. E ancora, il malcontento di parte dei suoi uomini, che non vedono di buon occhio questo continuo doppio gioco del segretario, governativo e antigovernativo allo stesso tempo. Ma soprattutto il malumore di quelle classi produttive del nord, da sempre zoccolo duro dell’elettorato leghista, che si sentono abbandonate dalla svolta nazionalista di Salvini, e che potrebbero trovare sponda invece in chi, all’interno del partito, non ha mai abbandonato quelle posizioni federaliste, a partire da Luca Zaia, da sempre considerato l’anti-Salvini interno alla Lega.

Francia, il partito socialista sceglie Anne Hidalgo per l’Eliseo

Anne Hidalgo, la sindaca di Parigi recentemente rieletta, molto popolare nella capitale francese di cui ha ridisegnato di fatto la mobilità con l’introduzione di decine di chilometri di piste ciclabili, è la candidata all’Eliseo per il partito socialista. Il lancio della campagna elettorale è avvenuto a Rouen: perché e quali sfide ha davanti a sè la sindaca verde, l’analisi del giornalista di Liberation Eric Joseph:


 

La Gran Bretagna abbandona l’idea del Green Pass

La Gran Bretagna rinuncia a introdurre il Green Pass. Il governo di Boris Johnson ha annunciato di aver abbandonato l’idea di imporre un passaporto sanitario per discoteche, cinema ed eventi sportivi: un provvedimento che era stato ventilato nei mesi scorsi e che sarebbe dovuto entrare in vigore a fine settembre. I dati epidemiologici, dopo il Freedom Day che aveva abolito tutte le restrizioni, non sono infatti così drammatici come pure lo stesso Boris Johnson aveva messo in conto potessero essere, ma a pesare è stata soprattutto l’opposizione dei conservatori in parlamento.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

I dati di oggi del bollettino sul coronavirus in Italia, sono stati pubblicati poco fa: 4.600 nuovi positivi circa, 34 decessi registrati nelle ultime 24 ore. Il tasso di positività è all’1,7%. I ricoveri sono più o meno stabili, 12 in più nel saldo tra entrate e uscite in terapia intensiva e 4 in meno nei reparti ordinari.
In Italia è completamente vaccinato il 74,6% degli over 12, i vaccinabili, e ha ricevuto almeno una dose l’81,9%. Oggi la Regione Lombardia ha stabilito, con una delibera di giunta trasmessa a tutte le ATS e agli ospedali, che i parenti potranno tornare a fare visita ai ricoverati, purché in possesso di certificazione sanitaria.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 23/02 15:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 23/02/2024

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana, gli approfondimenti musicali del periodo, in un ora che suona tanto e in cui si parla poco. Dalle 15:30 alle 16:30, ogni venerdi.

    Jack Box - 23-02-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 23/02/2024

    Ospite della puntata Lepre che presenta il suo disco Eremo con un'intervista e tre brani live

    Jack - 23-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 23/02/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali in onda alle che oggi ha ospitato Sara D'Angelo di @porcikomodi, @Vitadacani, @rete dei Santuari degli Animali liberi per parlare della nuova iniziativa per sollecitare il @ministero della salute, ma anche di aste di asini

    Considera l’armadillo - 23-02-2024

  • PlayStop

    Open to meraviglia nata vota

    quando facciamo un corso di inglese basato sulle peripezie poliglottologiche di Rutelli e Renzi, poi voliamo a Tenerife per scoprire che non è tutto oro quel che luccica, infine gestiamo un grosso carico di lenzuola nella puntata settimanale del Capibaratto

    Poveri ma belli - 23-02-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 23/02/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 23-02-2024

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 23/02/2024

    Se non è febbre, quasi. 37 e 2 è la trasmissione dedicata ai temi della sanità, dell’invalidità e della non autosufficienza. Dalle storie di vita reale ai suggerimenti su come sopravvivere nei meandri della burocrazia. Conducono Vittorio Agnoletto e Elena Mordiglia.

    37 e 2 - 23-02-2024

  • PlayStop

    Uscita di Sicurezza di venerdì 23/02/2024

    Dopo la strage di Firenze il governo batterà delle norme noi proponiamo un sondaggio ad ascoltatori e ascoltatrici: soluzione economica o penale? Ovvero ci vuole il ripristino delle medesime condizioni di salario e direttori c tutti i lavoratori sullo stesso sito o cantiere o ci vuole l’omicidio sul lavoro?

    Uscita di Sicurezza - 23-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 23/02/2024

    DUE ANNI DI GUERRA IN UCRAINA commenti di Sergio Romano ambasciatore, editorialista del Corriere della Sera, Mara Morini docente di politiche dell’Europa Orientale all’Università di Genova e Irma Gjinaj capomissione dell'ong Cesvi in Ucraina INCENDIO PALAZZO A VALENCIA aggiornamenti con Giulio Maria Piantadosi LA RESISTENZA AL LAVORO. UNA SERATA A MILANO IN RICORDO DEGLI SCIOPERI DEL MARZO 1944 ce ne parla Carlo Ghezzi vicepresidente Nazionale Anpi CLIMITOLOGIE, TUTTE LE BUFALE CHE CI RACCONTANO SUL CAMBIAMENTO CLIMATICO la rubrica di Sara Milanese DOMANI A MILANO LA MANIFESTAZIONE NAZIONALE PER LA PALESTINA a Prisma parla Khader Tamimi presidente della comunità palestinese di Milano In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 23-02-2024

  • PlayStop

    Note dell’autore di venerdì 23/02/2024

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è letteratura, saggistica, poesia, drammaturgia e molto altro. Tutto concentrato in sei minuti, più o meno il tempo di un caffè!

    Note dell’autore - 23-02-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 23/02/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 23-02-2024

Adesso in diretta