Approfondimenti

La proposta del governo sulle delocalizzazioni, le commemorazioni della strage di piazza Fontana e le altre notizie della giornata

Piazza Fontana 2021 ANSA

Il racconto della giornata di domenica 12 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Dopo 3 mesi di silenzio il governo sta facendo circolare sui media una proposta di legge sulle delocalizzazioni, forse un emendamento alla manovra. A Milano oggi le commemorazioni della strage di piazza Fontana, a 52 anni dalla bomba neofascista che inaugurò la strategia della tensione e uccise 17 persone. A Ravanusa, nell’agrigentino, si cercano sei persone ancora disperse sotto le macerie da ieri sera, quando un’esplosione ha distrutto quattro palazzine. Nella settimana che inizia domani sono previsti due appuntamenti importanti per la scuola e l’immunizzazione: vaccino obbligatorio per professori e personale Ata e vaccinazione dei bambini tra i 5 e gli 11 anni. La morte del 26enne tunisino Wissem Ben Abel Latif a Roma, ora oggetto di indagini da parte della Procura di Roma, ha riacceso le luci sull’orrore dei Centri di Permanenza e Rimpatrio in Italia. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Le commemorazioni della strage di piazza Fontana

A Milano oggi le commemorazioni della strage di piazza Fontana, a 52 anni dalla bomba neofascista che inaugurò la strategia della tensione e uccise 17 persone. Pochi giorni dopo la 18° vittima, il ferroviere anarchico Giuseppe Pinelli, accusato ingiustamente per l’attentato.

(di Lorenza Ghidini)

Si è concluso col ritorno in Piazza Fontana il corteo di movimenti, centri sociali, collettivi studenteschi, Rifondazione comunista, sindacati di base: circa 2mila persone di tutte le età, un percorso per il centro storico presidiato da polizia e carabinieri in versione più che serena (non erano nemmeno tanti gli agenti oggi, una passeggiata di salute potremmo chiamarla rispetto ai sabati dei cortei No Green Pass che ormai si sono esauriti da qualche settimana). Il corteo si è snodato per le vie dello shopping guidato dal camion che suonava “Contessa” e “Stalingrado” a manetta, ma ha dovuto deviare davanti a un gigantesco pullman sponsorizzato Ferragnez. Più movimentata stavolta era stata la manifestazione ufficiale, col sindaco Sala, gli altri anni molto applaudito, che è stato contestato. Ha parlato a braccio e gli è scappato di definire l’omicidio Pinelli uno strascico della strage. Poi ricordando i lavoratori morti nella banca 52 anni fa ha parlato di lavoro e ha definito l’imminente sciopero di Cgil e Uil “probabilmente sbagliato”, con fischi dalla piazza. Un militante Cgil ha alzato la voce più degli altri e Sala lo ha come sfidato ad andare al microfono per dire la sua, ma il servizio d’ordine ha preferito allontanarlo. Richiesto da noi di un commento, il segretario della camera del lavoro di Milano Massimo Bonini ha dribblato con ironia ricordando che il sindaco non è nuovo alle gaffe. E a proposito di Cgil, visto il recente assalto a Roma da parte di Forza nuova, questo è stato lo spunto più citato, anche dal presidente Anpi Pagliarulo per esempio, per esortare alla vigilanza verso i rigurgiti neofascisti.

Il governo prova a muoversi contro le delocalizzazioni

Dopo 3 mesi di silenzio, il governo sta facendo circolare sui media una proposta di legge sulle delocalizzazioni. Che potrebbe diventare forse un emendamento alla manovra, più difficilmente un decreto. Il punto ancora da chiarire nella maggioranza sembra riguardare l’entità delle penalità alle imprese che non rispettano i dettami della legge, in settimana potrebbe intervenire direttamente Draghi.
Il ripetersi di delocalizzazioni di questi ultimi giorni costringe il governo a dare un segnale, rispolverando la mediazione al ribasso nel cassetto da agosto. Al ribasso perché sarebbe applicata solo ad aziende con oltre 250 dipendenti che ne licenzino almeno 50. Quindi non applicabile a molti degli ultimi casi come la Saga Coffee di Bologna o la Iazaki di Torino. L’unica reale novità sarebbe il preavviso scritto – per evitare annunci via sms o Whatsapp o fughe repentine – 90 giorni prima dell’avvio della procedura, allungando così i tempi. Poi l’impresa dovrebbe adoperarsi a ricorrere ad ammortizzatori sociali o trovare un compratore. Se non lo farà avrà un surplus di contributi da versare, quella multa su cui litigano i partiti e che oscillerebbe tra 2mila e 6mila euro a dipendente, una cifra irrisoria per fondi che con dalle chiusure risparmiano miliardi. “Non puntiamo a impedire la delocalizzazione, ma evitare che avvengano nottetempo con un Whatsapp, aveva detto ieri Orlando. “Nessun laccio alle imprese ma gestire le procedure” gli ha fatto eco la sottosegretaria Todde, detto dai due che dovrebbero avere la posizione più a sinistra nella maggioranza. “Non ci interessano licenziamenti gentili o tempi più lunghi, ma una legge che tenga le produzioni sul territorio” ribatte Manuela Musolla della Fiom, coinvolta nei 600 licenziamenti alla Speedline di Venezia che boccia la bozza “molto lontana dalla realtà”. Mentre la proposta elaborata da un gruppo di giuristi e operai della GKN giace ignorata in Parlamento.

La destra pensa davvero di portare Berlusconi al Quirinale?

La festa di Fratelli d’Italia negli ultimi giorni è stata il centro del dibattito sull’elezione del Presidente della Repubblica. La leader del partito di estrema destra Giorgia Meloni ha voluto chiudere col botto: vogliamo un patriota al Quirinale, e quella persona può essere Silvio Berlusconi, non è solo un candidato di bandiera. Non è un mistero che Berlusconi lo voglia fortemente. Prova ne è la sua attiva campagna acquisti per arrivare ai deputati che gli mancherebbero se la destra votasse davvero compatta. Ma la destra pensa davvero di portare il cavaliere alla presidenza o è solo strategia? Abbiamo girato la domanda al politologo esperto di destra Marco Tarchi:


 

Al via la vaccinazione dei bambini in tutta Italia

(di Andrea Monti)

“Credo che oggi la scuola sia l’ambiente più sicuro che c’è”. La frase è stata pronunciata oggi dal Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, che l’ha spiegata citando i tassi di vaccinazione fra gli insegnanti (ha detto che siamo oltre il 92%) e tra i ragazzi (secondo gli ultimi dati ufficiali quasi il 75% di quelli tra 12 e 19 anni ha fatto almeno una dose). Nella settimana che inizia domani sono previsti due appuntamenti importanti. Da mercoledì l’iniezione diventerà obbligatoria per professori e personale Ata delle scuole. Da giovedì si comincerà a immunizzare anche i bambini tra 5 e 11 anni, ma in modo volontario, quindi solo se i genitori diranno sì. Le prenotazioni per questa fascia d’età sono iniziate, ma non in tutta Italia: Emilia-Romagna, Lazio e Liguria partiranno domani, il Friuli Venezia Giulia martedì. In Piemonte e Toscana si può fissare l’appuntamento già da due giorni: nella prima regione gli ultimi dati disponibili parlano di 8mila adesioni, nella seconda siamo a circa 10mila e il presidente Eugenio Giani si è detto “felice” per l’andamento: “Temevamo una remora psicologica dei genitori – ha spiegato – invece il calendario delle iniezioni è già denso”. In Lombardia ci si può prenotare da oggi e alle 18 la Regione parlava di circa 23mila adesioni. L’allargamento della campagna arriva in una fase in cui l’incidenza dei contagi tra i bambini dagli 0 ai 9 anni ha superato 250 casi ogni 100mila abitanti, contro una media di 176 se invece si considera tutta la popolazione. Da tre settimane il dato cresce in tutte le fasce d’età, ma in quella tra 0 e 19 anni l’aumento è iniziato già ottobre e non si è mai interrotto.

Il botta e risposta di Cisl e Cgil sullo sciopero generale

Sullo sciopero generale di Uil e Cgil del 16 dicembre botta e risposta televisivo a distanza tra i segretari della Cisl Luigi Sbarra e della Cgil Maurizio Landini. “Sbagliato esasperare il conflitto, il governo ci ha ascoltato e la manovra è espansiva”, ha detto Sbarra. “È espansiva per i più ricchi” la replica di Landini. Ricordiamo che Radio Popolare seguirà in diretta lo sciopero di giovedì con uno Speciale dalle 9 alle 12.30. In studio Sandro Gilioli, Lorenza Ghidini e Massimo Bacchetta, in collegamento i nostri inviati da tutte le città in cui ci saranno i cortei, oltre a ospiti, commentatori e naturalmente anche il microfono aperto alle ascoltatrici e agli ascoltatori.

Strage a Ravanusa, si indaga per disastro e omicidio colposo

A Ravanusa, nell’agrigentino, si cercano sei persone ancora disperse sotto le macerie da ieri sera, quando un’esplosione ha distrutto quattro palazzine. I morti accertati sono tre. Due persone sono state salvate e ci sono 100 sfollati. L’ipotesi più probabile è che la strage sia stata causata da una grossa perdita da una tubatura del metano. Il procuratore di Agrigento ha aperto un’inchiesta per disastro e omicidio colposo. Da capire cosa avrebbe provocato la perdita, se la rete di distribuzione era a norma e se era stata fatta la manutenzione necessaria. Un consigliere comunale ha detto di sapere che negli scorsi giorni, prima dell’esplosione, diversi cittadini della zona si erano lamentati parlando di puzza di gas.

La Procura di Roma apre un fascicolo per la morte di Abdel Latif

La Procura di Roma ha aperto un fascicolo per la morte Abdel Latif, morto a soli 26 anni, lo scorso 28 novembre, nel reparto psichiatrico dell’Ospedale San Camillo di Roma. Arrivato in Italia dalla Tunisia, si trovava nel Centro di Permanenza per il Rimpatrio di Ponte Galeria dal 13 ottobre. Era legato da 3 giorni ad un letto, dopo il ricovero per una presunta condizione di disagio psichico. I suoi compagni denunciano che era stato picchiato dalla polizia dopo aver fatto uscire alcuni video col cellulare per denunciare le condizioni di vita nei CPR, dove vengono rinchiusi migranti in attesa dell’eventuale rimpatrio. Ci sono molti punti da chiarire, dice il garante nazionale dei detenuti e quello del Lazio, Stefano Anastasia.

L’orrore dei Centri di Permanenza e Rimpatrio in Italia

(di Guglielmo Vespignani)

Luoghi non pensati, dove la permanenza in essi segue le sorti di un ‘effetto collaterale’, che si vorrebbe evitare. Il garante nazionale delle persone private della libertà aveva definito così i Centri di Permanenza e Rimpatrio nell’ultimo rapporto pubblicato sulle visite effettuate tra il 2019 e il 2020. E la morte di Wissem Ben Abel Latif a Roma ha riacceso le luci sull’orrore dei CPR in Italia.
Strutture fatiscenti, gabbie pollaio, malagestione sanitaria, suicidi. Ed anche recenti inchieste giudiziarie hanno fatto emergere una fotografia spaventosa di come lo Stato opera e di come tratta con persone che spesso non hanno niente, e che sono nelle sue mani.
A metà maggio la morte di Mussa Balde, 23 anni, suicidatosi in isolamento al CPR di Torino dopo essere stato dimesso dall’ospedale di Bodighera. Era la sesta morte di migranti ospitati nei centri in Italia dal 2019: prima di lui due ragazzi a Gradisca d’Isonzo, uno a Caltanissetta, uno a Brindisi e un altro ancora all’Ospedaletto del CPR di Torino.
Sulle condizioni di questo centro, l’anticipazione della perizia della Procura di Torino, eseguita nell’ambito dell’inchiesta per omicidio colposo di Balde, che vede tra gli indagati il medico e il direttore della struttura, riporta gravi inadempienze gestionali, sopratutto sul piano sanitario.
Proprio l’aspetto più delicato del rapporto con chi viene rinchiuso nei CPR è quello più carente. La denuncia dell’associazione studi giuridici sull’immigrazione nel Libro Nero del CPR di Torino, che segnalava come nella struttura non era entrato neanche un medico nei primi dieci mesi di pandemia, inquadra perfettamente il contesto nel quale, negli ultimi mesi, si è assistito a decine di tentativi di suicidio, di cui sei in un solo giorno, il 23 novembre scorso.
“Simulazioni” le definisce il sindacato di polizia siulp, che parla di 110 suicidi messi in scena da parte dei migranti per far sì di ottenere il ricovero e una possibile liberazione. Ma è anche il comportamento di alcuni agenti di polizia ad essere sottoposto ad indagine a Torino: cinque di loro, tre agenti semplici e due graduati, sono infatti finiti nello stesso fascicolo del medico e del direttore.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Oggi in Italia sono stati comunicati circa 19mila contagi da coronavirus con 66 morti. La percentuale di persone positive su quelle che hanno fatto il tampone è del 3,8%, stabile rispetto a ieri, mentre continuano ad aumentare i pazienti ricoverati e arrivano i primi dati sull’adesione alla campagna vaccinale per i bambini tra 5 e 11 anni. Le iniezioni in questa fascia d’età cominceranno tra pochi giorni.

L’indirizzo di casa di Mario Draghi è stato pubblicato su una chat Telegram legata al movimento contro il Green Pass, insieme all’invito a presentarsi fuori dall’abitazione del Presidente del Consiglio “ogni sera alle 21”. “Condividete qui numeri di telefono e indirizzi dei criminali”, si legge in uno dei messaggi, con l’istigazione a prendere di mira politici e virologi.

Nel Regno unito oggi sono stati accertati 1.239 casi della variante Omicron, quasi il doppio di quelli registrati ieri, quando era stato toccato il livello massimo. Un rappresentante del governo ha parlato di un “numero crescente di persone che entrano nei pronto soccorso” dopo essere state infettate dalla variante. Nel paese da domani potranno prenotare la terza dose di vaccino tutte le persone sopra i 30 anni, per cui la nuova iniezione sarà disponibile una volta passati tre mesi dalla seconda puntura. Poco fa è stato annunciato che stasera il premier Boris Johnson terrà un discorso in diretta tv in cui parlerà della situazione del COVID, ma non dovrebbe annunciare nuove restrizioni. Poco prima si era saputo che le autorità del paese hanno innalzato il livello di allerta per il coronavirus proprio per via dell’aumento dei casi della variante Omicron.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 28/02 13:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 28-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 28/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 28-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 28/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 28-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 28/02/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 28-02-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 28/02/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 28-02-2024

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 28/02/2024

    Oggi a Cult: la stand up comedian Giorgia Fumo con lo show "Vita bassa" al TAM Arcimboldi; Giovanni Piperno sul film "16 mm alla rivoluzione"; la mostra "Mariella Bettineschi. All in one" a Triennale Milano; Muta Imago a Triennale Teatro con "Tre sorelle; Marco Pesatori sul suo libro "Astrologia per intellettuali" (Mimesis)...

    Cult - 28-02-2024

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 28/02/2024

    Draghi, candidato regista dell’Europa che verrà. L’ex presidente della Bce – che da Francoforte ha contribuito a dare forma all’Europa di oggi – appare sempre intenzionato a disegnare il profilo dell’Europa del futuro, da posizioni di primissimo piano nell’UE. Si moltiplicano i suoi interventi, l’ultimo ieri durante l’incontro con i presidenti delle commissioni del parlamento di Strasburgo. “Per favore, fate qualcosa. Non si può dire sempre di no”, ha detto Draghi. Secondo l’ex capo del governo italiano il modello di sviluppo dell’Europa degli ultimi decenni (costruito sui prezzi stracciati del gas russo , sulle esportazioni cinesi e sotto l’ombrello militare americano) è andato in crisi. Se l’Europa non vuole perdere la partita della competitività con Stati Uniti e Cina deve prepararsi ad un massiccio piano di investimenti, pubblici e privati. E includere la spesa militare e la difesa comune tra le priorità. Per Draghi l’Europa deve trasformarsi sempre di più in uno stato oppure non avrà futuro. Pubblica oggi ha ospitato l’economista Andrea Roventini, della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, e Lucia Tajoli, economista del Politecnico di Milano e collaboratrice dell’Ispi.

    Pubblica - 28-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 28/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 28-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 28/02/2024

    PRIMARIE DEMOCRATICI IN MICHIGAN, SEGNALI NEGATIVI PER JOE BIDEN con Roberto Festa - LE TRATTATIVE PER IL CESSATE IL FUOCO A GAZA con Cristian Elia giornalista, autore di “J'accuse. Gli attacchi del 7 ottobre, Hamas, il terrorismo, Israele, l'apartheid in Palestina e la guerra” con Francesca Albanese, relatrice speciale Onu per i diritti umani in Palestina - ARIA INQUINATA, STATO DI EMERGENZA IN REGIONE LOMBARDIA? con Alessandro Braga, Simone Negri consigliere regionale PD e Michela Palestra consigliera regionale Patto Civico - FRANA NELLA NOTTE IN VALMALENCO, RIAPERTA LA STATALE aggiornamenti con Giovanni Gianotti sindaco di Torre Santa Maria (SO) - CASO IUVENTA, ULTIME UDIENZE PRELIMINARI: ANDRANNO A PROCESSO? con Francesca Cancellaro, avvocata del team legale Iuventa. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 28-02-2024

  • PlayStop

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28-02-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 28/02/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 28-02-2024

  • PlayStop

    PoPolaroid di martedì 27/02/2024

    La prima volta che ho ascoltato I’m your man, era un grigio, piovoso e ventoso pomeriggio di novembre. La persiana sbatteva rumorosamente, e con il cuore che era in frantumi invece di alzarmi per affrancarla al battente, alzavo il volume del giradischi. Nel 1988 c'era ancora il giradischi, chiamato "stereo" per fare più bella figura. La voce sensuale e malinconica di Leonard Cohen riempiva la stanza. Cantava di un uomo disposto a indossare qualsiasi maschera per il suo amore. Pochi giorni prima, il mio mi aveva lasciato e come cantava Cohen, avrei fatto qualsiasi cosa per farla tornare. Avrei indossato qualunque maschera, avrei voluto essere tutto ciò che lei avesse desiderato. Ma era troppo tardi. Troppi errori e promesse non mantenute. In quella stanza dalle pareti verdi, con il fantasma dei miei 31 anni che mi tormentava, ho ascoltato quella canzone ininterrottamente, chiedendomi quale maschera avrei dovuto indossare per riportarla a me. Poi, all'improvviso, ho realizzato: "Forse non dovrei indossare nessuna maschera". Mi sono alzato e sono andato alla finestra per fermare la persiana. Playlist: I’m Your Man - Famous Raincoat Blue - Leaving The Table - Chelsea Hotel - On The Level - Almost Like The Blues - Hey, That’s No Way To Say Goodbye - You Got Me Singing - If I Didn’t Have Your Love - Take This Walz

    PoPolaroid – istantanee notturne per sognatori - 27-02-2024

Adesso in diretta