Approfondimenti

L’incendio nella discoteca spagnola, lo scontro Crosetto, Tajani e Scholz e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di domenica 1 ottobre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. In Spagna c’è stata una strage in un incendio che ha coinvolto diverse discoteche a Murcia. Anche oggi due ministri del governo italiano hanno attaccato il cancelliere tedesco Olaf Scholz. Il presidente degli Stati uniti Joe Biden ha promesso che il sostegno del suo paese all’Ucraina continuerà. Il presidente dell’Emilia-Romagna e del Pd Stefano Bonaccini ha commentato il taglio di due terzi del finanziamento destinato alla cura del Sacrario di Marzabotto.

Spagna, tredici vittime nell’incendio di una discoteca a Murcia

In Spagna c’è stata una strage in un incendio che ha coinvolto diverse discoteche a Murcia, nel sudest del paese. Almeno 13 persone sono morte e ce ne sono altre disperse, dopo lo spegnimento delle fiamme terminato stamattina. Da Madrid il servizio del nostro collaboratore Giulio Maria Piantadosi


 

Migranti, Crosetto e Tajani contro il cancelliere tedesco Scholz

Anche oggi due ministri del governo italiano hanno attaccato il cancelliere tedesco Olaf Scholz. Il ministero della difesa Guido Crosetto ha detto che Scholz chiudi i confini tedeschi ma agevola il trasporto dei migranti in Italia. Il riferimento è all’annuncio del cancelliere tedesco di voler rafforzare i controlli alla frontiera con l’Austria, la Svizzera e la Repubblica Ceca.
L’altro ministero italiano che anche oggi ha criticato la Germania è quello degli esteri Antonio Tajani. “Vorremmo capire qual è la posizione tedesca, non è chiaro quello che dicono. I migranti che vogliono andare in Germania non li devono mandare in Italia” ha detto Tajani. Nel governo tedesco ci sono divisioni tra il cancelliere Scholz e la ministra degli esteri Annalena Baerbock dei Verdi, su posizioni più favorevoli all’accoglienza degli immigrati.
Domani in Europa ci sarà un nuovo round sulla gestione dei migranti. Si riunirà il Coreper, il comitato che riunisce i 27 ambasciatori, che potrebbe dare il via libera all’accordo europeo dal quale si era tirata indietro l’Italia venerdì scorso.
Uno dei fronti caldi nei prossimi giorni sarà il confine con la Francia, dove aumentano i migranti e i controlli della polizia francese.
La onlus Rainbow4Africa denuncia respingimenti con caccia all’uomo nei boschi della Val Susa, anche con i droni.

 

Il sostegno Statunitense all’Ucraina continuerà

Il presidente degli Stati uniti Joe Biden ha promesso che il sostegno del suo paese all’Ucraina continuerà: “Non la abbandoneremo, voglio dire a Kiev e ai nostri alleati europei che possono contare su di noi” ha dichiarato dopo l’approvazione della legge che ha evitato lo shutdown, il blocco di attività e stipendi legati al governo federale. Il Partito democratico ha ottenuto che il provvedimento non contenesse tagli alla spesa sociale, come invece chiedevano i repubblicani, ma ha dovuto rinunciare a circa 6 miliardi di nuovi aiuti all’Ucraina che l’amministrazione Biden avrebbe voluto. Un’altra brutta notizia per le autorità di Kiev è arrivata dalla Slovacchia, con la vittoria alle elezioni di ieri del candidato filorusso Robert Fico. Abbiamo intervistato Daniele Stasi, studioso di dottrine politiche ed esperto di est Europa.


 

Il taglio ai fondi destinati alla cura del Sacrario di Marzabotto

“Sbagliato e inaccettabile”. Il presidente dell’Emilia-Romagna e del Pd Stefano Bonaccini ha commentato così il taglio di due terzi del finanziamento destinato alla cura del Sacrario di Marzabotto, sull’Appennino bolognese, taglio denunciato dalla sindaca Valentina Cuppi, che ha accusato il ministero della difesa durante la commemorazione del 79° anniversario dell’eccidio nazista in cui furono uccise centinaia di civili. “Ad una nostra richiesta sul perché è stato deciso di ridurre i fondi – ha detto Cuppi – ci è stato risposto che le attuali dotazioni finanziarie non consentono maggiori contributi”. Anna Cocchi è la presidente della sezione bolognese dell’Anpi, l’associazione dei partigiani.

Nel tardo pomeriggio è arrivata la risposta del ministro della difesa Guido Crosetto: “Nell’ansia della sinistra di dimostrare che pericolosi fascisti sono al potere, il sindaco del Pd di Marzabotto prima si dimentica di chiedere i fondi per il Sacrario. Poi li chiede in ritardo. Poi urla che li abbiamo tagliati. I fondi ci sono e ci saranno” ha detto il politico di Fratelli d’Italia.
 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 23/07 10:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 23/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 22/07/2024 delle 19:47

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 22-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Giorni migliori di martedì 23/07/2024

    Ogni mattina il racconto di quel che propone l’informazione, i fatti e gli avvenimenti in presa diretta con i nostri inviati, i commenti e gli approfondimenti di esperte, studiosi, commentatrici e personaggi del mondo della politica. Dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 10. Una trasmissione di Massimo Alberti e Claudio Jampaglia; senza mai rinunciare alla speranza del domani.

    Giorni Migliori – Intro - 23-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di martedì 23/07/2024

    a cura di Barbara Sorrentini. Kamala Harris, accoglienza e reazioni alla sua possibile candidatura. Le misure di sicurezza per Parigi 2024. L'addio al regista Salvatore Piscicelli. 45 anni fa nasceva il primo walkman: i ricordi degli ascoltatori di Radio Popolare.

    Apertura musicale - 23-07-2024

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 23/07/2024

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 22-07-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 22/07/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 22-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 22/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 22-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di lunedì 22/07/2024 delle 20:32

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 22-07-2024

  • PlayStop

    Popsera di lunedì 22/07/2024

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione dalla prima serata per tutta l’estate e nel periodo festivo di fine anno. Si comincia alle 18.00 con le notizie nazionali e internazionali, per poi dare la linea alle 19.30 al giornale radio. Popsera riprende con il Microfono aperto, per concludersi alle 20.30. Ogni settimana in onda un giornalista della nostra redazione.

    Popsera - 22-07-2024

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di lunedì 22/07/2024

    Quando gli emisferi di Al1 si alternano e quindi la puntata diventa metà serietà e metà faceta. Ci facciamo accompagnare dalle cover da ricopioni mentre parliamo di vacanze, medicine e il grande ritorno del fai da te che divide gli ascoltatori in team acido citrico ed od aceto.

    Poveri ma belli - 22-07-2024

Adesso in diretta