Approfondimenti

Il fallimento dei corridoi umanitari, due testimonianze dalle città ucraine e le altre notizie della giornata

Profughi alla stazione di Kiev - rifugiati

Il racconto della giornata di domenica 6 marzo 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Gli accordi per la creazione di corridoi umanitari in Ucraina sono saltati. I bombardamenti russi sulle città sono ripresi intrappolando centinaia di migliaia di civili nelle zone assediate. Le testimonianze da Kharkiv, una delle città del nord più pesantemente bombardate e Sumy, nel nord est dell’Ucraina. Fino a che punto noi europei siamo disposti ad arrivare per difendere l’Ucraina aggredita? L’offerta di mediazione del Vaticano potrebbe essere quella con più probabilità. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Nuovo fallimento dei corridoi umanitari

L’evacuazione di Mariupol, nel sud dell’Ucraina, si è interrotta per la seconda volta. Come già era successo ieri, l’evacuazione di civili dalla città si è fermata dopo poche ore a causa dei combattimenti e dei bombardamenti che non consentono di procedere in sicurezza. Nella mattinata di oggi ci sono stati pesanti bombardamenti a ovest e a nord-ovest di Kiev. “I russi si preparano a bombardare il porto ucraino di Odessa” ha denunciato il presidente ucraino Zelensky che ha incoraggiato i residenti delle aree occupate a protestare. E ha lanciato un appello ai paesi occidentali: ha chiesto ancora una no fly zone – già negata dalla Nato – oppure almeno aerei militari, “altrimenti – ha incalzato – lasciate che ci uccidano lentamente”.

La situazione umanitaria nel frattempo è sempre più pesante, per profughi e per chi non riesce a scappare dal Paese. Il racconto da Leopoli di Marta Serafini


 

Come la guerra trasforma le persone

Due testimonianze dalle città ucraine. La prima arriva da Kharkiv, una delle città del nord più pesantemente bombardate. A parlare con Radio Popolare è Margarita Nabatova, interprete, che è riuscita a lasciare l’Ucraina. Ci racconta come la guerra, l’attacco russo, stia cambiando anche il modo di pensare delle persone. Anche di chi, come lei, non è mai stato nazionalista….


 
La seconda testimonianza: viene della città di Sumy, nel nord est dell’Ucraina. Shinvanghi Shibu è una studentessa indiana di medicina che lì frequentava l’università


 

Noi europei e quel che chiede Zelens’kyj

(di Alessandro Gilioli)
È comprensibile che il presidente ucraino Zelens’kyj, dopo aver ricevuto armi dall’Occidente (noi compresi), abbia cercato di alzare il tiro chiedendo alla Nato di intervenire per chiudere militarmente il cielo ai russi. È comprensibile perché lotta per l’indipendenza del suo popolo.

Ma una No fly zone significherebbe l’ingresso in guerra diretto della Nato contro la Russia, insomma un ulteriore escalation con una sola direzione, la terza guerra mondiale.

Per fortuna la Nato per ora ha detto no e Zelens’kyj si è arrabbiato molto.
[CONTINUA A LEGGERE]

L’offerta di mediazione del Vaticano

(di Alfredo Luis Somoza)

L’offerta di mediazione del Vaticano potrebbe essere quella con più probabilità di riuscirci rispetto ad altre offerte. E non sarebbe la prima volta. La potente cancelleria vaticana guidata da Monsignor Parolin ha portato, con un lavoro di diplomazia impeccabile, alla storica dichiarazione di fine ostilità tra gli Stati Uniti e Cuba nel 2014 e poi agli accordi di pace tra stato e guerriglia colombiana del 2016. Ma l’arma più potente di Bergoglio è stato il paziente lavoro di ricucitura tra cattolici e ortodossi, con lo storico incontro all’aeroporto dell’Avana con il Patriarca russo Kiril nel 2016, seguito dall’incontro in Vaticano con il patriarca greco Theophilos III nel 2017 e la visita al Patriarca Maxim della Bulgaria nel 2019. Nella sua enciclica Laudato sii del 2015, Bergoglio citava il Patriarca di Costantinopoli, Bartolomeo I, tra gli ispiratori. Un fatto senza precedenti. Un’attenzione quella di Francesco che ha lo scopo di tendere ponti per provare a chiudere la scissione delle chiese di Oriente e Occidente risalente all’anno 1054. Il Vaticano di Bergoglio è per il mondo slavo un interlocutore credibile e autorevole, senza simpatie verso la Nato e indipendente rispetto alle potenze occidentali. Il Vaticano nel frattempo è già all’opera lontano dai riflettori. La preghiera di Bergoglio per la pace non lascerà indifferente il mondo cristiano russo, che ha sostenuto in questi anni Putin senza mai prendere le distanze. Pochi giorni fa monsignor Giovanni d’Aniello, nunzio apostolico in Russia ha consegnato al Patriarca Kiril un messaggio personale di Francesco e ha incassato una risposta che lascia intendere molto: “stiamo cercando di assumere una posizione di mantenimento della pace, anche di fronte ai conflitti esistenti”. Se la pace si conquista anzitutto a partire dal reciproco rispetto, la mossa di Francesco, che ha dalla sua parte anni di ascolto e di attenzione per il mondo russo, potrebbe riaprire la speranza.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 21/05 15:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 21-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 21/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 21-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 21/05/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 21-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jack di martedì 21/05/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 21-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 21/05/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 21-05-2024

  • PlayStop

    Cercasi McGyver

    quando testiamo l'abilità degli ascoltatori nel fai da te, eseguiamo una regalia di biglietti dell'Operazione Primavera attraverso un nuovo fiammante rebus sonoro e infine arriva la prima parte di una nuova puntata di Voeia de Laurà, dedicata all'oreficeria

    Poveri ma belli - 21-05-2024

  • PlayStop

    Intervista a ZeroCalcare: "Quando muori resta a me"

    L'intervista di Giulia Binazzi a ZeroCalcare in occasione dell'uscita del suo ultimo libro "Quando muori resta a me", pubblicato da Bao Publishing

    Clip - 21-05-2024

  • PlayStop

    Cult di martedì 21/05/2024

    Oggi a Cult: Barbara Sorrentini dal Festival del Cinema di Cannes; Marco Aime introduce l'edizione 2024 dei Dialoghi di Pistoia; Armando Massarenti sul suo libro "Come siamo diventati stupidi" (Guerini e Associati); Laura Valli sul festival Up To You! nella bergamasca; Giada Baiamonte su "Totò e la sua radiolina" che apre la rassegna Nuove Storie "Prima le donne" all'Elfo Puccini...

    Cult - 21-05-2024

  • PlayStop

    EUROPAMENTE - Al voto con l'Europa in testa - E7

    "Il racconto dell'Europa: temi e toni della campagna elettorale" - ospite: Edoardo Novelli, docente di Comunicazione Politica e Sociologia dei Media.

    Clip - 21-05-2024

  • PlayStop

    Pubblica di martedì 21/05/2024

    Tra un paio di giorni inizia a Stresa il vertice dei ministri finanziari e dei governatori delle banche centrali dei paesi del G7. Ad accoglierli ci sarà una notizia – tra le altre - di cui sarebbe utile che si occupassero, e cioè i contenuti dell’ultimo report dell'associazione ReCommon. Cosa dice in estrema sintesi il rapporto? Senza controllo, le emissioni di gas serra associate alle più grandi banche dei paesi del G7 sono responsabili di una quantità di emissioni di Co2 superiore a quella di Italia, Germania, Regno Unito e Francia messe insieme. In tonnellate di Co2 emesse, ciò significa che le maggiori banche mondiali – attraverso le proprie attività di finanziamento - producono 2 miliardi e 700 milioni di tonnellate di Co2, mentre i quattro paesi (Italia, Germania, Regno Unito e Francia) emettono – presi insieme - “solo”, si fa per dire, 2 miliardi di tonnellate di Co2. Che cosa devono fare ministri e banchieri centrali per fermare i prestiti con cui si finanziano attività tossiche per il clima? A Pubblica Antonio Tricarico, attivista di ReCommon sulle campagne che riguardano la finanza pubblica e le multinazionali.

    Pubblica - 21-05-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 21/05/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare. A cura di Massimo Bacchetta

    Tutto scorre - 21-05-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di martedì 21/05/2024

    Ogni mattina il racconto di quel che propone l’informazione, i fatti e gli avvenimenti in presa diretta con i nostri inviati, i commenti e gli approfondimenti di esperte, studiosi, commentatrici e personaggi del mondo della politica. Dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 10. Una trasmissione di Massimo Alberti e Claudio Jampaglia; senza mai rinunciare alla speranza del domani.

    Giorni Migliori – Intro - 21-05-2024

  • PlayStop

    DANIELA PORTO - IL MIO POSTO E' QUI

    DANIELA PORTO - IL MIO POSTO E' QUI - presentato da Barbara Sorrentini

    Note dell’autore - 21-05-2024

Adesso in diretta