Approfondimenti

Renzi torna per fare il Renzi di sempre

Adesso Renzi può tornare a fare Renzi.

Ha vinto le primarie con una percentuale superiore alle peggiori preoccupazioni di Orlando, che temeva di vedere il suo competitor attorno al 65 per cento. Da ieri sera Renzi non ha più avversari dentro al Partito Democratico in grado di infastidirlo e ricomincerà a dettare la sua linea: dietro al rispetto formale per il Governo Gentiloni si cela un desiderio fortissimo di andare a votare il prima possibile. Fosse per lui, anche subito. Potrebbe riprendere a usare l’argomento che il dato del Sì al referendum è patrimonio suo e che alle elezioni politiche il Pd potrà ottenere di nuovo il 40 per cento, ripetendo la straordinaria affermazione delle europee del 2014 e facendo quindi a meno di qualsiasi alleanza. Non per niente, nelle prime dichiarazioni post primarie, ciò che resta delle minoranze interne, Orlando e Cuperlo, hanno iniziato subito a insistere sulla costruzione di una alleanza solida di centro sinistra. La prospettiva del centro sinistra veniva evocata negli stessi minuti anche dai dirigenti renziani, ma perde vigore. Del resto, la narrazione di Orlando, riportare a sinistra il Pd, non ha funzionato. Non ha scalfito il potere renziano. E il segretario rieletto ha già detto che di D’Alema e degli altri scissionisti non vuole più sentire parlare, mettendo in difficoltà Giuliano Pisapia che da esterno lavora al progetto di centro sinistra. Renzi si tiene tutte le porte aperte, vuole poter giocare la partita delle alleanze coi suoi tempi e coi suoi modi. Nel suo primo discorso da segretario rieletto ha di nuovo attaccato “quelli che sanno dire solo No”. Durante la campagna referendaria era il modo in cui bollava non solo il Movimento 5 Stelle ma anche le sinistre. E si ritorna a parlare, nei corridoi del Pd, di uno scenario per il dopo elezioni politiche che preveda le larghe intese, “con chi ci sta e con chi è necessario”. Senza escludere nemmeno l’ipotesi estrema di un Governo Pd-Forza Italia, se non ci fossero alternative.

Quello che è mancato in queste primarie del Partito Democratico è stato l’entusiasmo del passato. Rispetto alle primarie del 2013 non c’è stato il crollo della partecipazione temuto dai renziani ma l’affluenza è stata la più bassa da quando le primarie sono state istituite. Il calo è maggiore al Nord, comprese le regioni tradizionalmente favorevoli al Pd.  E’ dato soprattutto da una minor fiducia generalizzata. Molti elettori potenziali del Pd si sono tenuti lontani da Renzi, da Orlando, da Emiliano e non vedono un leader che li rappresenti. E’ questo il dato che Renzi dovrebbe tenere in maggiore considerazione e di cui si dovrebbe preoccupare di più.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 28/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 28/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 28/06/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 28/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Il demone del tardi di martedì 28/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 28/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 28/06/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 28/06/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di martedì 28/06/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 28/06/2022

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 28/06/2022

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate…

    From Genesis To Revelation - 28/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 27/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 28/06/2022

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 27/06/2022

    Le Nina’s Drag Queen raccontano cos'è „Tutta mia la città“, Oliviero Ponte di Pino svela le sorprese del PNRR in…

    Il Suggeritore Night Live - 28/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 27/06/2022

    1--Attentati di Parigi. Dopo 9 mesi di udienze si è chiuso oggi il processo del secolo. Nella sua ultima dichiarazione,…

    Esteri - 28/06/2022

  • PlayStop

    The Game di lunedì 27/06/2022

    1) G7, colpire le entrate di Putin. E’ l’obiettivo di nuove sanzioni e dell’ipotesi del price cap. Il commento dell’economista…

    The Game - 28/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 27/06/2022

    Dove ci si interroga sulla suoneria del neo eletto sindaco di Verona Damiano Tommasi. E' Britney Spears o no? Poi…

    Muoviti muoviti - 28/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un Boh. Mal di mare e vermi del polistirolo

    Con Andrea Bellati e Gaia Grassi

    Di tutto un boh - 27/06/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 27/06/2022

    Si parla con Emanuele Biggi del suo ultimo libro Micromondi. Storie di animali, piante e forme di vita nascosti in…

    Considera l’armadillo - 28/06/2022

  • PlayStop

    Jack di lunedì 27/06/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 28/06/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 27/06/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 28/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 27/06/2022 delle 12:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 28/06/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 27/06/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: la nuova edizione di Suoni Mobili a…

    Cult - 28/06/2022

Adesso in diretta