Approfondimenti

Renzi rischia anche nel Pd

Renzi ha affermato nella maniera più chiara e netta la sola cosa che avrebbe potuto dire dopo una sconfitta di questa portata: si è assunto personalmente la responsabilità, si è dimesso, si prepara all’atto finale, all’ultima possibilità che gli rimane, la resa dei conti dentro al Pd. Sulla carta ha ancora la maggioranza nel partito. L’incognita è: quanti continueranno a sostenerlo? E lui avrà ancora la forza per mantenere la segreteria?

Il controllo del Partito Democratico è la sua ultima possibilità per rilanciarsi gestendo dal Nazareno i passaggi più delicati dell’immediato futuro: la formazione del nuovo Governo, il congresso, la strada verso le elezioni politiche con la modifica della legge elettorale.

Ma il voto è una disfatta che potrebbe fare saltare anche gli equilibri formali dentro al Pd. Tra i candidati alla segreteria il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, è stato il più esplicito a chiedere una nuova guida. Tutte le minoranze però vogliono la testa di Renzi.

Il presidente del Consiglio dimissionario che invitava ieri notte i sostenitori del No a prendere l’iniziativa sulla legge elettorale si riferiva anche agli avversari interni al partito. E implicitamente l’iniziativa di cui si parla è più ampia che non la sola legge elettorale.

Ora le minoranze, in Parlamento e nel Pd, sono protagoniste. Le modifiche alla legge elettorale saranno difficilissime da approvare, con Grillo e Salvini che chiedono il voto subito e il Partito Democratico indebolito dalla dimensione della sconfitta.

Nel partito è cominciato di fatto il congresso. La forza di Renzi rimane l’assenza di una candidatura alla sua successione forte, unitaria e innovativa da parte delle minoranze. Il rischio immediato per il segretario è che dalla maggioranza si comincino a prendere le distanze.  Con un primo effetto, ad esempio, sulla formazione del Governo. Ne potrebbe scaturire una candidatura a Palazzo Chigi non facilmente controllabile, come potrebbe essere quella di Franceschini, per fare uno dei nomi di queste ore, a differenza di un Delrio o di un Padoan, più vicini al segretario.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 04/03/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 03/04/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 04/03/21 delle 19:48

    Metroregione di gio 04/03/21 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 03/04/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di gio 04/03/21

    1-Iraq, visita storica domani di papa Francesco. Si tratta di un viaggio pastorale ma anche politico. Il racconto i Laura…

    Esteri - 03/04/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di gio 04/03/21

    Sunday Blues di gio 04/03/21

    Sunday Blues - 03/04/2021

  • PlayStop

    Lavorare è roba da uomini

    We World, Elena Caneva, scuola, Andrea Mangiatordi

    1D2 - 03/04/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 04/03/21

    Si parla con Piero Milani del Centro Fauna Selvatica IL PETTIROSSO del lupo Ezechiele e del suo recupero

    Considera l’armadillo - 03/04/2021

  • PlayStop

    Jack di gio 04/03/21

    Colapesce e Dimartino inviati a Sanremo e intervista a Albi dello Stato Sociale sul suo EP solista

    Jack - 03/04/2021

  • PlayStop

    Stay Human di gio 04/03/21

    Stay Human di gio 04/03/21

    Stay human - 03/04/2021

  • PlayStop

    Memos di gio 04/03/21

    Vaccini, il mercato non ce la fa. Occorre una infrastruttura pubblica a livello europeo per produrli e distribuirli. E’ la…

    Memos - 03/04/2021

  • PlayStop

    Francesco Campolongo e Loris Caruso, Podemos: il populismo di sinistra

    FRANCESCO CAMPOLONGO E LORIS CARUSO - PODEMOS - IL POPULISMO DI SINISTRA - presentati da ALESSANDRO BRAGA

    Note dell’autore - 03/04/2021

  • PlayStop

    Cult di gio 04/03/21

    ira rubini, cult, willie peyote, sanremo 2021, matteo villaci, blocchi di ripartenza, generazione disagio, teatro della tosse, miniformat radiofonico, enrico…

    Cult - 03/04/2021

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 04/03/21

    I ricatti delle multinazionali del farmaco in America Latina; impossibilità di fissare visite ed esami non covid con il SSN:…

    37 e 2 - 03/04/2021

  • PlayStop

    Prisma di gio 04/03/21

    Vediamo i numeri degli ultimi giorni per capire quando arriva la zona rossa, andiamo all'Imperial College di Londra con una…

    Prisma - 03/04/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 04/03/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 04/03/21

    Rassegna stampa internazionale - 03/04/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 04/03/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 04/03/21

    Il demone del tardi - 03/04/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 04/03/21

    Fino alle otto di gio 04/03/21

    Fino alle otto - 03/04/2021

Adesso in diretta