Approfondimenti

Renzi all’angolo deve decidere

Matteo Renzi

La prima volta, dopo il primo giro di consultazioni di Roberto Fico, Renzi tentò di liquidare il modo con cui il reggente Pd Maurizio Martina le stava conducendo come un errore politico. Sbagliati i tempi e i modi dell’annuncio della disponibilità ‘dem’ al dialogo coi 5 Stelle, secondo l’ex segretario.

Dopo ieri pomeriggio, Renzi ha capito che Martina non è un ingenuo che commette errori ma è uno che fa sul serio. E ha iniziato a preoccuparsi.

Martina e Fico si sono mossi in una maniera tale che ora Renzi è con le spalle al muro. Se dirà no all’accordo Pd-M5S verrà considerato il responsabile del fallimento dell’intesa, e provocherà la peggiore delle crisi all’interno di un partito, il Pd, dove si confrontano linee politiche inconciliabili. Se invece dirà sì lo dovrà fare al prezzo di cambiare idea, smentendo se stesso. Di per sé non ci sarebbe nulla di squalificante, se non fosse che Renzi non è il tipo da arrivare secondo e accettare di non essere il leader.

L’alleanza Pd-M5S è lontanissima dai progetti del fu rottamatore. La direzione del Pd è il suo fortino blindato, più dei gruppi parlamentari. La settimana che ha messo in mezzo tra l’annuncio di Fico e Martina e la direzione servirà a creare le premesse per la sua decisione. Renzi controlla ancora la maggioranza del Partito Democratico e non ha intenzione di mollare la vita politica.

Potrebbe uscirne se facesse uno scatto, se decidesse di cercare di guidare in prima persona il percorso che porti a un accordo di governo tra Pd e 5 Stelle, se si rendesse protagonista della trattativa sui nomi e soprattutto sui programmi. Sarebbe una svolta ardita, ma gli consentirebbe di restare in gioco.

L’alternativa è sfasciare tutto. Non solo l’ipotesi di accordo per il governo -e Salvini, sull’altra sponda, ora che ha paura di avere perso il treno del governo potrebbe convincersi davvero a mollare Berlusconi, facendo risorgere la prospettiva Lega 5 Stelle- ma il partito stesso. Il Pd potrebbe uscire male dall’ennesimo clash. E Renzi ha sempre pronto nel cassetto la sua tentazione: andarsene, e fare un proprio movimento.

Matteo Renzi

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 02/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/02/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di sabato 02/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/02/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 02/07/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 07/02/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 02/07/2022

    25° “Voci per la libertà - Una canzone per Amnesty”; Biennale Teatro; Tiziana Ricci e l’arte; ; i consigli di…

    Good Times - 07/02/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 02/07/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 07/02/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 01/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Lezioni antimafia: Alberto Guariso e Gianfranco Schiavone

    Nono e ultimo incontro di “Lezioni di antimafia”. Gli ospiti sono Alberto Guariso, avvocato ASGI (Associazione Studi Giuridici Immigrazione) e…

    Lezioni di antimafia - 01/07/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/07/2022

    Dove non si saluta solo l'ultima puntata di "Muoviti, muoviti" ma anche un po' tutte le ultime puntate di oggi…

    Muoviti muoviti - 07/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 01/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/01/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 01/07/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 07/01/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/07/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 07/01/2022

  • PlayStop

    Gianluca Alzati, Volevo fare la corridora. La vita, la passione, le battaglie della campionessa di ciclismo Morena Tartagni

    GIANLUCA ALZATI – VOLEVO FARE LA CORRIDORA. LA VITA, LA PASSIONE, LE BATTAGLIE DELLA CAMPIONESSA DI CICLISMO MORENA TARTAGLI –…

    Note dell’autore - 07/01/2022

  • PlayStop

    I risparmi de Maria Cazzetta

    quando chiediamo agli ascoltatori dei loro vani tentativi di risparmiare piccole cifre per poi finire a spenderne di maggiori, tra…

    Poveri ma belli - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/07/2022

    a Welcome to Socotra i Cantieri Teatrali Koreja propongono „Alessandro „, La mostra „Luna Park dell‘anima, Coney Island“ di Maurizio…

    Cult - 07/01/2022

Adesso in diretta