Approfondimenti

Regione Lombardia e il caos tamponi. Cosa succederà da lunedì 14 settembre?

regione lombardia tamponi aeroporto

Con 49 voti contrari e 29 favorevoli è stata respinta ieri dal consiglio regionale della Lombardia la mozione di sfiducia nei confronti del governatore Attilio Fontana. Un esito scontato che, come spiegato oggi a Radio Popolare dal consigliere regionale PD Pietro Bussolati, è servito a mettere nero su bianco gli errori e le mancanze del governo regionale in questi mesi di pandemia, non ultimo il caos dei tamponi negli aeroporti che potrebbe riproporsi nei prossimi giorni con l’apertura delle scuole in tutta la Regione.

L’intervista di Lorenza Ghidini e Alessandro Braga al consigliere regionale Pietro Bussolati Prisma.

Cosa resta dopo il voto di ieri?

La mozione di sfiducia per noi era importante come atto politico, pur sapendo che difficilmente la maggioranza avrebbe mandato a casa questa giunta. Era importante perchè ci ha consentito di mettere in fila tutti i motivi per cui questa giunta è inadeguata a governare la Regione Lombardia, che sono molteplici e non solo sugli aspetti sanitari. Il confronto con la gestione della crisi pandemica in altre Regioni, dal Veneto all’Emilia-Romagna, è impietoso. Ma non dobbiamo dimenticare neanche il depauperamento della medicina territoriale e il ruolo dei medici di base che è stato umiliato nel corso degli anni. È famosa la frase di Giorgetti, braccio destro di Salvini, che ha detto “tanto dai medici di base chi ci va più?“: ci vanno gli anziani, ci vanno le persone che hanno problemi di cronicità e le persone che hanno un bisogno di salute di base e che non hanno risposte in Lombardia.
Per noi era importante rimettere in fila le tante motivazioni di inefficienza di Regione Lombardia con la preoccupazione che se dovesse tornare una nuova e forte ondata di virus la Regione rifarebbe gli stessi errori che sono stati fatti in autunno. La guida politica non è cambiata e non è stato cambiato neanche l’assessore al Welfare Gallera che è stato responsabile di errori gestionali. Questo ovviamente ci preoccupa non poco. E tuttora si stanno facendo gravi errori: mancano i guanti negli ospedali, c’è stato un ritardo nella gestione dei tamponi all’interno degli aeroporti della Lombardia – a differenza di altre Regioni – e sui vaccini antinfluenzali la Regione Lombardia è in pesante ritardo. E sappiamo quanto è importante, soprattutto per le categorie a rischio e in assenza di un vaccino specifico per il coronavirus, avere dosi di vaccino antinfluenzale che, ovviamente, verranno richieste in modo molto più massiccio rispetto agli altri anni.

A proposito di tamponi in Lombardia. Con la riapertura delle scuole i tempi di verifica dei casi sospetti faranno la differenza. Ogni Regione si sta organizzando, ma bisogna dire che l’esperienza dei tempi per tamponare e avere i risultati in Lombardia sono stati molto lunghi.

Regione Lombardia è partita in ritardo rispetto alle altre Regioni e quindi si è persa completamente il traffico di rientro di Ferragosto. Le altre Regioni si sono attrezzate non appena è stato reso noto che c’erano dei Paesi – Grecia, Spagna, Malta e Croazia in particolare – in cui il contagio stava rischiando di andare fuori controllo, per dotare gli aeroporti di tamponi rapidi da fare a tutti i passeggeri in arrivo da quei Paesi. Il Lazio ha condotto i test rapidi con procedura standard, dando ai cittadini una prima risposta immediata e verificando successivamente i casi più incerti, così da evitare che chi venisse indicato subito come positivo potesse andare in giro ad infettare gli altri. Questo in Lombardia non è stato fatto subito, la procedura è partita in ritardo di una settimana per responsabilità di Gallera e di Regione Lombardia, perchè chi gestisce gli aeroporti ha soltanto il compito di dare supporto tecnico e organizzativo. E questo lo dico perché Gallera è riuscito anche ad accusare i gestori dell’aeroporto.
Successivamente, con un ritardo di una settimana rispetto ad altre Regioni, non si è partiti con i test rapidi, che tuttora non vengono utilizzati nonostante siano stati inviati alla Regione Lombardia dal Ministro Speranza, ma coi tamponi. La Regione ha deciso di usare mille test rapidi per le carceri e di tenere gli altri in magazzino per non si sa quale utilizzo. In quei giorni, e l’ho verificato personalmente, le persone giunte in Lombardia hanno avuto grandi difficoltà nel fare i tamponi e hanno pensato di trovarsi in una nazione a sé stante, perché hanno iniziato a cacciare dalle file in aeroporto, con l’utilizzo della forza pubblica, tutte le persone che non erano lombarde dicendo che i tamponi venivano fatti solo ai cittadini lombardi.

Di fronte alla fotografia che ci sta facendo, cosa possiamo aspettarci da lunedì, quando riapriranno scuole e materne?

Peggio mi sento. Ieri, dopo la discussione della mozione di sfiducia, c’è stata la presentazione di tre mozioni sul tema della scuola e dei test, ma c’è stata la bocciatura e la chiusura a riccio della maggioranza e io sono fortemente preoccupato del fatto che questa incapacità di ascolto e di volontà di intervenire sulle questioni che vengono presentate alla maggioranza provocherà la stessa confusione che si è creata negli aeroporti, con persone che da 10-12 giorni stanno aspettando di tornare a lavoro perchè non hanno certezza e quindi sono costretti ad andare dai privati e pagarsi il tampone di tasca propria, un servizio che in altre Regioni è pubblico. La stessa cosa succederà anche nelle scuole, con la complicazione del fatto che stiamo parlando di una questione a catena, per cui se c’è un bambino infettato il test andrebbe fatto su tutti gli altri bambini. Questa è una situazione davvero grave che mette in difficoltà le famiglie.

(Potete ascolta l’intervista a partire dal minuto 30)

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 26/01/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 26/01/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 26/01/21 delle 07:15

    Metroregione di mar 26/01/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 26/01/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 26/01/21

    Considera l'armadillo mar 26/01/21

    Considera l’armadillo - 26/01/2021

  • PlayStop

    Jack di mar 26/01/21

    Jack di mar 26/01/21

    Jack - 26/01/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mar 26/01/21

    Stay Human di mar 26/01/21

    Stay human - 26/01/2021

  • PlayStop

    Favole al microfono di dom 24/01/21

    Antica leggenda Mohawk trascritta dal nostro ascoltatore Giorgio e letta da Marco Sambinello

    Favole al microfono - 26/01/2021

  • PlayStop

    Cult di mar 26/01/21

    ira rubini, cult, himmelweg, roberto abbati, teatro due parma, elfo puccini milano, juan mayorga, lydia cevedalli, note per la shoa,…

    Cult - 26/01/2021

  • PlayStop

    A come America del mar 26/01/21

    A come America del mar 26/01/21

    A come America - 26/01/2021

  • PlayStop

    Prisma di mar 26/01/21

    Prisma di mar 26/01/21

    Prisma - 26/01/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mar 26/01/21

    Rassegna stampa internazionale di mar 26/01/21

    Rassegna stampa internazionale - 26/01/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mar 26/01/21

    Il demone del tardi - copertina di mar 26/01/21

    Il demone del tardi - 26/01/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 26/01/21

    Fino alle otto di mar 26/01/21

    Fino alle otto - 26/01/2021

  • PlayStop

    Indie-Re di mar 26/01/21

    ..In questa puntata di Indie Re, Cecilia Paesante ha intervistato due artisti indipendenti italiani da far conoscere agli ascoltatori delle…

    Radio Muse Indie-re - 26/01/2021

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lun 25/01/21

    Jazz Anthology di lun 25/01/21

    Jazz Anthology - 26/01/2021

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di lun 25/01/21

    Bobi Wine

    Jailhouse Rock - 26/01/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di lun 25/01/21

    con Matteo Villaci. - punto quotidiano metro..- volontaria italiana in Croazia..- Servizio civile-cittadinanza attiva con arci..- studenti al primo giorno…

    A casa con voi - 26/01/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 25/01/21

    Ora di punta di lun 25/01/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 26/01/2021

  • PlayStop

    Esteri di lun 25/01/21

    1-Stati Uniti. Al via la procedura di impeachment di Trump nel Senato. ( Roberto Festa) ..2-Prova di dialogo tra Turchia…

    Esteri - 26/01/2021

Adesso in diretta