Approfondimenti

Ramon Mantovani: “Io per la Catalogna”

Ramon Mantovani è un ex deputato di Rifondazione Comunista.

Da tempo vive a Barcellona e nel giorno in cui il Governo di Madrid decide la linea dura contro la Catalogna propone un punto di vista “da sinistra” della questione catalana. In questa intervista a Radio Popolare, Mantovani sostiene le ragioni dell’autonomia della Catalogna.

Mantovani, da sinistra ci sono diverse voci critiche nei confronti degli indipendentisti catalani, descritti come ricchi egoisti che non vogliono più contribuire al benessere del resto della Spagna

Il movimento per l’autodeterminazione in Catalogna, che va dalla destra liberista fino all’estrema sinistra passando per tutti i partiti di sinistra è un movimento democratico -afferma Mantovani- ha un modello di società inclusivo, non è un nazionalismo etnico, è per esempio fortemente critico con il Governo di Madrid da decenni per le politiche sull’immigrazione. In Catalogna non sono mai stati d’accordo con le discriminazioni verso gli immigrati, qui gli immigrati sono integrati nella società. Già questo chiarisce che la situazione della Catalogna non c’entra nulla con altre parti d’Europa che hanno movimenti separatisti su basi etniche. Se qualcuno in Catalogna propugna una politica anti immigrazione è il Partito Popolare il cui massimo esponente è stato sindaco di Badalona con la parola d’ordine ripuliamo Badalona dagli immigrati”.

Il problema storico mai superato dei rapporti tra lo Stato centrale spagnolo e le comunità autonome, secondo Mantovani affonda le proprie radici nella genesi stessa della Spagna democratica. La transizione alla democrazia –sostiene in questa intervista- è stata fatta in continuità col regime franchista.

“La Costituzione spagnola è stata scritta da ministri di Franco e da gente che era venuta dall’esilio. E’ l’unica Costituzione d’Europa scritta dai fascisti. Certo, l’hanno scritta anche gli antifascisti ma gli antifascisti cosa avevano da mettere sul tavolo nel negoziato? Le loro Regioni e la mobilitazione della piazza. Gli altri (i franchisti, ndr) avevano l’esercito, la magistratura, la polizia, la guardia civil, cioè avevano tutte le strutture dello Stato intatte. Infatti qui la transizione alla democrazia è stata fatta in pura continuità con il regime fascista e il punto di saldatura è il Re che fu nominato da Francisco Franco”.

Sta sostenendo che esista un problema democratico oggi in Spagna?

E’ evidente che in Spagna c’è la democrazia ma ci sono punti di continuità col regime fascista. Uno di questi è il diritto all’autodeterminazione dei popoli basco, catalano e galiziano. Il Partito Socialista Operaio di Spagna (Il Psoe, ndr) ad esempio allora rivendicava il diritto all’autodeterminazione per questi tre popoli. Poi, nel tempo, andando al potere è diventato monarchico e contro il diritto all’autodeterminazione”.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 30/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 30/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 30/06/2022 delle 19:47

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 30/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 30/06/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 30/06/2022

  • PlayStop

    The Game di giovedì 30/06/2022

    Soldi, lavoro, avidità, disoccupazioni: il grande gioco dell’economia smontato ogni giorno da Raffaele Liguori.

    The Game - 30/06/2022

  • PlayStop

    Avenida Brasil di sabato 25/06/2022

    Speciale AGENDA BRASIL - Festival Internazionale di Cinema Brasiliano 2022 alla sua nona edizione milanese dal 6 all'8 luglio. Ospiti…

    Avenida Brasil - 25/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 30/06/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 30/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di giovedì 30/06/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 30/06/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 30/06/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 30/06/2022

  • PlayStop

    Snippet di sabato 25/06/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 25/06/2022

  • PlayStop

    Jack di giovedì 30/06/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 30/06/2022

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 29/06/2022

    Jazz Ahead 179 - Playlist: 1. Earthlings, Anteloper, Pink Dolphins, International Anthem, 2022 2. Delfin Rosado, Anteloper, Pink Dolphins, International…

    Jazz Ahead - 29/06/2022

  • PlayStop

    Raul Montanari, Il Cristo zen

    RAUL MONTANARI – IL CRISTO ZEN – presentato da SANDRO GILIOLI

    Note dell’autore - 30/06/2022

  • PlayStop

    Frigoriferi in bolla

    quando gli ascoltatori danno prova di grande sapienza domestica, salutiamo Gilberto Dindini della Cedola e continuiamo a tenere una sciarpa…

    Poveri ma belli - 30/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di giovedì 30/06/2022 delle 12:50

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 30/06/2022

  • PlayStop

    Cult di giovedì 30/06/2022

    A Bari “Lungomare di libri” in collaborazione col Salone del Libro di Torino, “Timpani”il laboratorio di ascolto musicale di “Welcome…

    Cult - 30/06/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 30/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 30/06/2022

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 30/06/2022

    IL VERTICE NATO SACRIFICA I CURDI. Orietta Moscatelli analista della rivista di geopolitica Limes, Eddi Marcucci attivista e combattente con…

    Prisma - 30/06/2022

  • PlayStop

    La NATO abbandona gli alleati curdi nelle mani di Erdogan

    La data del 29 giugno 2022 ha come filo conduttore l’ISIS, perché a Parigi è arrivata la sentenza del processo…

    Clip - 30/06/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di giovedì 30/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 30/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di giovedì 30/06/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 30/06/2022

Adesso in diretta