Approfondimenti

Rage Against the Machine, seconda reunion al Coachella 2020

Coachella Valley Music and Arts Festival

Con l’inizio dell’anno è stata confermata la nuova reunion dei Rage Against the Machine in occasione dell’edizione 2020 del Coachella Valley Music and Arts Festival, già teatro in una loro reunion nell’aprile 2007, sette anni dopo l’ultima esibizione dal vivo.

Ne abbiamo parlato a Jack con Damir Ivic di Soundwall. L’intervista di Matteo Villaci.

Il problema non è il Coachella di per sé, perché già la prima reunion dei Rage Against the Machine avvenne al Coachella nel 2007. Il problema è che è cambiato il Coachella. Nel mio articolo avevo solo sfiorato l’argomento, adesso posso svilupparlo.
Coachella è diventato un festival dove per ottenere un accredito puoi autodichiararti influencer e devi mandare il link dei tuoi account e dimostrare che hai un determinato numero di follower. Se ce l’hai, hai l’accreditamento da vip e tutto un pacchetto speciale. È una scelta più che legittima, ma il Coachella di qualche anno fa era tutt’altro. Era il rock che andava contro il mainstream e contro un certo tipo di classifiche e di impostazioni, contro le Celine Dion di turno. Al posto dei Rage Against the Machine ci avrei pensato un attimo prima di scegliere quella come platea per il ritorno. Capisco che ci sono legati e che l’hanno già usato, capisco anche il legame con la California, ma io ci sono rimasto male.

Al netto delle perplessità di chi si occupa di musica, riesci a darti una spiegazione di questa scelta?

È semplicissima: soldi. Non sto dicendo che loro sono avidi, ma che nel momento in cui fai partire una struttura come quella che può girare intorno ad un concerto dei Rage Against the Machine, pochi festival al Mondo possono permettersi di fare offerte di un certo tipo. E in più bisogna anche capire come sono i rapporti tra di loro. Apparentemente sono sempre stati buoni anche quando Morello andava da una parte e gli altre dall’altra. Che non sia facile vivere all’interno dei Rage Against the Machine anche un Chris Cornell avrebbe potuto testimoniarlo.
Far ripartire questa macchina è dura, c’è bisogno di un’offerta grossa. Poteva essere il Primavera Sound Festival, sarebbe potuto essere più divertente ripartire da lì. Pur con tutta l’apertura verso il pop e il mainstream, il Primavera di Barcellona ha realmente rappresentato un caposaldo di ciò che è indipendente e alternativo.

Cosa dobbiamo aspettarci da parte dei Rage su quel palco? E che tipo di pubblico dobbiamo aspettarci sotto quel palco?

Uno dei ricordi più belli e intensi della mia vita è stato vedere i Rage Against the Machine a Milano. Erano devastanti dal vivo e infatti quello che mi chiedo come sarà quell’impatto ora che vanno verso i 50 anni. Cosa sarà rimasto? Quanto rischiano di essere una cover di loro stessi? Quello che succede davanti al palco mi fa molta paura.
I prezzi dei biglietti del festival si sono moltiplicati in una maniera assurda per mille motivi. Il rischio è ci siano soltanto persone che vanno ad un festival non perché ci credono, ma perché fa figo essere al Coachella.

Foto dalla pagina ufficiale del Coachella Valley Music and Arts Festival su Facebook

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 05/08

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 08/05/2020

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 05/08

    A casa con voi di mer 05/08

    A casa con voi - 08/05/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 05/08

    Ora di punta di mer 05/08

    Ora di punta – I fatti del giorno - 08/05/2020

  • PlayStop

    Tamarindo di mer 05/08

    Tamarindo di mer 05/08

    Tamarindo - 08/05/2020

  • PlayStop

    50Special 3: Il folk conquista il mondo

    Mentre Joni Mitchell e i Fotheringay pubblicano dischi fondamentali, in Italia ci si consola con Little Tony

    50 Special - 08/05/2020

  • PlayStop

    50Special 4: La linguaccia dei Rolling Stones

    uno studente inventa il logo più famoso della storia della musica, mentre i Creedence Clearwater Revival pubblicano due capolavori

    50 Special - 08/05/2020

  • PlayStop

    Riff Raff di mer 05/08

    Riff Raff di mer 05/08

    Riff Raff - 08/05/2020

  • PlayStop

    Mille Bolle Blu di mer 05/08

    Mille Bolle Blu di mer 05/08

    Mille Bolle Blu - 08/05/2020

  • PlayStop

    Magic Box di mer 05/08

    ira rubini, cecilia di lieto, magic box, estate nei parchi letterari 2020, stanislao de marchesich, tiziana ricci, performing pac 2020,…

    Magic Box - 08/05/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore - 05/08/20

    CAMILLA RONZULLO - DOMANI E' UN ALTRO MONDO - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 08/05/2020

  • PlayStop

    LOGOS: Rock Fuorilegge 3 - Frank Zappa

    A cura di F.T. Sandman e Episch Porzioni. Il programma (che nel 2021 diventerà un libro con lo stesso titolo)…

    Logos - 08/05/2020

  • PlayStop

    La Febbra di mer 05/08

    La Febbra di mer 05/08

    La febbra - 08/05/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 05/08

    Prisma di mer 05/08

    Prisma - 08/05/2020

  • PlayStop

    Stile Libero: Culture in Movimento 05-08-20

    Diabolik [il film], Mario Gomboli, Andrea Pasini, Astorina, Charles Tolliver, John Zorn, The Dreamers, Prins Thomas, Hockey Dad, Nova Express

    Stile Libero - 08/05/2020

  • PlayStop

    Cambiavento di mar 04/08

    Cambiavento di mar 04/08

    Cambia vento! - 08/05/2020

Adesso in diretta