Approfondimenti

Gitanjali Rao la 15enne scienziata e mentore di altri bambini

Gitanjali Rao time cover

“Osserva, fai brainstorming, ricerca, costruisci e comunica”. È con queste parole, forse, che si potrebbe descrivere la ragione chiave per cui Gitanjali Rao è stata nominata Ragazza dell’anno dal Time. Rao, infatti, come dichiara la rivista statunitense non “si limita a ricercare strumenti scientifici e ad applicarli a problemi che riscontra nella vita di tutti i giorni” ma è anche una mentore che “mostra ad altri bambini come attingere alla loro curiosità, aspirando a creare una generazione di innovatori”.

Da giovane scienziata, Rao è stata ispirata da quelle parole, “osserva, fai brainstorming, ricerca, costruisci e comunica”, non solo nelle sue attività e progetti quotidiani ma anche nel tracciare le linee guida delle sue “sessioni di innovazione”, dei workshop in cui organizza laboratori e concorsi per gli studenti, suoi coetanei e non, che hanno recentemente raggiunto quota 30.000 partecipanti.

Si tratta di seminari in cui, come ha descritto la stessa Rao nell’intervista per il Time, basta dare una scintilla agli studenti, che se dapprima non sanno neanche da dove cominciare a lavorare, poi possono iniziare a progredire e tutta cambia. “Ciò”, come ha detto la giovane scienziata “significa che un’altra persona in questo mondo vuole inventarsi delle idee per risolvere i problemi”.

E di idee, Gitanjali Rao ne ha avute già parecchie nei suoi 15 anni di vita, investendo una moltitudine di campi di ricerca diversi. Per esempio, ha creato un dispositivo che permette di identificare il piombo nell’acqua potabile e ha ideato un’applicazione che mira a prevenire il cyberbullismo attraverso l’uso dell’intelligenza artificiale.

Un servizio che rileva le frasi che possono rappresentare pericolo di bullismo e, prima che l’utente invii il messaggio, gli dà la possibilità di modificarlo. Il fine, infatti, non è quello di punire il mittente ma di permettergli di ripensare a ciò che ha scritto, di rileggerlo e di poter capire come e perché si trattasse di qualcosa di offensivo. Un modo di concepire la scienza per aiutare le persone a crescere e a migliorare. 

La stessa scienziata ha dichiarato come il suo obiettivo sia quello di ispirare gli altri a fare lo stesso. “Perché, per esperienza personale, non è facile quando non vedi nessun altro come te”, ha affermato, riferendosi al fatto che il tipo di scienziato proposto dalla televisione sia un uomo bianco e più anziano, nonché al fatto che consideri strano che alle persone siano assegnati dei ruoli prefissati in base al loro sesso, alla loro età e al colore della loro pelle.

Anche per questo modo di concepire la scienza, quindi, su oltre 5000 giovani candidati americani dagli 8 ai 16 anni, Rao ha vinto il premio Ragazza dell’anno nella prima edizione assoluta della gara, che vuole essere un “barometro per i leader emergenti della generazione più giovane d’America”. 

Un concorso a misura di bambino, potremmo dire, che il Time ha deciso di istituire quest’anno in collaborazione con Nickledeon, il famoso canale televisivo per bambini.

Ragazzi che, come Roa sta facendo attualmente, ambiscono a creare strumenti per rilevare agenti bio-contaminanti nell’acqua, strumenti che possano essere allo stesso tempo accurati ed economici in modo da permetterne l’utilizzo nei paesi più poveri. Oppure, ‘bambini’, come Jordan Reeves, che usa il design e la sua mentalità progettuale per rendere il mondo più accessibile alle persone disabili, per esempio creando protesi 3D stampabili per altri bambini con differenza di arti. O, ancora, come Tyler Gordon, che tiene lezioni di pittura virtuali su Instagram, cercando di mostrare ad altri bambini come superare le loro paure e difficoltà con l’arte, come lui stesso è riuscito a fare.

Esempi di ragazzi e ragazze che si sono fatti spazio, che sono riusciti ad usare le loro potenzialità per plasmare il modo secondo i loro ideali, che sfruttano la loro influenza per esortare i coetanei a fare altrettanto ma che, come ha sottolineato Gitanjali Rao nell’intervista al Time, si trova ad affrontare  vecchi “problemi che non abbiamo creato ma che ora dobbiamo risolvere, come il cambiamento climatico e il cyberbullismo”.

Diana Novelletto

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 27/01/21 delle 19:47

    Metroregione di mer 27/01/21 delle 19:47

    Rassegna Stampa - 28/01/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Funk shui di gio 28/01/21

    Funk shui di gio 28/01/21

    Funk shui - 28/01/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 27/01/21

    Jazz Ahead di mer 27/01/21

    Jazz Ahead - 28/01/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 27/01/21

    A casa con voi di mer 27/01/21

    A casa con voi - 28/01/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 27/01/21

    Ora di punta di mer 27/01/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 28/01/2021

  • PlayStop

    Esteri di mer 27/01/21

    ..1-Il cambiamento climatico diventerà una priorità di sicurezza nazionale. Joe Biden firmerà una serie di decreti per la riduzione delle…

    Esteri - 28/01/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di mer 27/01/21

    Sunday Blues di mer 27/01/21

    Sunday Blues - 28/01/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di mer 27/01/21

    Uno di Due di mer 27/01/21

    1D2 - 28/01/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 27/01/21

    Considera l'armadillo mer 27/01/21

    Considera l’armadillo - 28/01/2021

  • PlayStop

    Jack di mer 27/01/21

    Jack di mer 27/01/21

    Jack - 28/01/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mer 27/01/21

    Stay Human di mer 27/01/21

    Stay human - 28/01/2021

  • PlayStop

    Memos di mer 27/01/21

    Giorno della Memoria, 27 gennaio 1945 la liberazione del campo di sterminio nazista di Auschwitz. Si ricordano le vittime della…

    Memos - 28/01/2021

  • PlayStop

    Cult di mer 27/01/21

    ira rubini, cult, giorno della memoria 2021, nannerel fiano, università statale di milano, nedo fiano, memoriale shoah milano, tiziana ricci,…

    Cult - 28/01/2021

  • PlayStop

    Matteo Corradini, Luci nella Shoah

    MATTEO CORRADINI - LUCI NELLA SHOAH - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28/01/2021

  • PlayStop

    psicoradio di mar 26/01/21

    Ritrovare l'affetto in RSA - C’era una signora molto apprensiva che spesso videochiamava la madre con skype. Alla madre appariva…

    Psicoradio - 28/01/2021

Adesso in diretta