Approfondimenti

“Raffaello 1520-1482” debutta alle Scuderie del Quirinale a Roma

  • Play
  • Tratto dal podcast
    Cult |
Raffaello 1520-1483

La grande mostra delle celebrazioni mondiali per i 500 anni della scomparsa di Raffaello Sanzio. 200 opere di cui 100 dello stesso Raffaello tra dipinti, disegni e cartoni preparatori in un percorso a ritroso dalla morte, avvenuta il 6 aprile 1520, agli inizi nella bottega del padre Giovanni de’ Santi ad Urbino.

Un terzo delle opere vengono dalle Gallerie degli Uffizi, come il Ritratto di Leone X, San Giovanni Battista, le splendide Madonne e l’autoritratto; La Fornarina da Palazzo Barberini ed altre opere dal Louvre, dal Prado o da Washington. I disegni di Raffaello architetto e primo conservatore di beni di quella Roma imperiale, delle opere antiche. Grazia e bellezza di un genio del Rinascimento.

L’intervista di Tiziana Ricci al Direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt a Cult.

Oltre il 30% delle opere in mostra arriva dagli Uffici.

Sì, circa 50 opere su un totale di oltre 200 arrivano dagli Uffici, ma abbiamo contribuito non soltanto attraverso le opere che abbiamo mandato a Roma. La mostra è nata fin dall’inizio come una collaborazione, la nostra curatrice e coordinatrice del Gabinetto dei Disegni e delle Stampe Marzia Faietti è uno dei curatori della mostra insieme a Matteo Lafranconi e un comitato scientifico internazionale che riunisce i maggiori esperti di Raffaello in tutto il Mondo.
C’è una collaborazione molto stretta alla base di questo evento espositivo ed è proprio grazie a questa che abbiamo messo in piedi una sfida scientifica di mettere insieme una narrazione che fa ripercorrere a tutti quanti, esperti e non esperti, le tappe e i temi principali per cui Raffaello è riconosciuto.

La mostra è intitolata Raffaello 1520-1482 perché è un percorso a ritroso che parte dalla morte dell’artista.

Sì, perché proprio alla fine della vita di Raffaello, che morì troppo presto all’età di 37 anni, c’è proprio una somma della sua vita e della sua carriera che mette tutto insieme. E così lo vediamo noi, che dobbiamo considerare che le narrazioni biografiche sono ricostruzioni che facciamo noi. Nella mostra iniziamo col Raffaello che ci è più vicino e si va indietro col grande momento di Roma sotto i due Papi, lo sviluppo della sua grande Bottega, l’importanza degli scavi e lo studio della scultura e architettura antica.

Si può dire che è stato un po’ l’antesignano dei conservatori, voleva salvare i resti della Roma imperiale e della Roma antica che andavano distrutti anche in quell’epoca dagli speculatori e, come diceva Raffaello, dalle persone ignoranti che non ne capivano il valore.

Certamente. Fu ufficialmente incaricato come praefectus marmorum et lapidum omnium, il primo soprintendente nella storia e anche il nostro lavoro di tutela e valorizzazione delle opere del passato prende avvio proprio con Raffaello e questo compito di tutelare degli scavi antichi e dei monumenti antichi dell’architettura per cui Roma era già famosissima in quel periodo.

Il Ritratto di Leone X, in bella mostra nella prima parte, è stato al centro di una polemica che ha anche portato alle dimissioni del comitato scientifico degli Uffizi. Lei invece ha deciso di prestarlo. Ci spiega il motivo di questa sua scelta?

Questo ritratto è fondamentale per la mostra. È stato grazie a Leone X se Raffaello aveva questo ruolo così importante nella cultura visiva dell’Urbe e di tutto il Mondo nel 1500. Questa opera non poteva mancare, è un’opera centrale nella concezione della mostra e senza di essa non sarebbe state possibile capire la relazione speciale tra Raffaello e il papa mediceo. I dubbi dei membri del comitato scientifico non riguardavano la conservazione dell’opera o la sicurezza del trasporto, perché è stato restaurato negli ultimi due anni.

Foto dalla pagina ufficiale su Facebook delle Scuderie del Quirinale

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 26/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 26/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/06/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 26/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 26/06/2022

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 26/06/2022

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 25/06/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 26/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/06/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 25/06/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 26/06/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 25/06/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 26/06/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/06/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 26/06/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/06/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 26/06/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 25/06/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 26/06/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 25/06/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 26/06/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 25/06/2022

    Il ricordo di Patrizia Cavalli con Paolo Massari; le sorelle terribili di Simenon; la festa del Naga; La maschera: un…

    Good Times - 26/06/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 25/06/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 26/06/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 25/06/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 26/06/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 25/06/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 26/06/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 25/06/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 26/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 24/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 24/06/2022

    1-Stati Uniti. Dopo una lunga crociata reazionaria abolito il diritto all’aborto federale. La sentenza della Corte suprema sarà applicata nella…

    Esteri - 26/06/2022

  • PlayStop

    The Game di venerdì 24/06/2022

    Puntata speciale dedicata alla memoria di Stefano Rodotà (1933-2017), il grande giurista e intellettuale morto il 23 giugno di cinque…

    The Game - 26/06/2022

Adesso in diretta