Approfondimenti

“Quello che serve”, su RaiPlay il documentario sul servizio sanitario nazionale

Servizio Sanitario Nazionale

Quello che serve“, il documentario di Chiara D’Ambros e Massimo Cirri con le musiche di Stefano Bollani, è disponibile gratuitamente su RaiPlay si tratta di un viaggio nel Sistema sanitario nazionale che si interroga su questa straordinaria macchina che fornisce cure, assistenza, accertamenti, medicine a tutti e senza chiedere denaro. Da dove arriva questa visione del mondo? La salute è un diritto?

Ne abbiamo parlato con Massimo Cirri a Cult. L’intervista di Barbara Sorrentini.

Come è nato il progetto e come si è trasformato in corso d’opera?

Il progetto è nato qualche anno fa quando, qualche anno più indietro, mi sono ammalato di una di quelle malattie che ti fanno interrogare sulla vita e la morte. Poi ho fatto l’errore di raccontare a Chiara D’Ambros, una bravissima videomaker che lavora per report, un’amica e una donna spietata, questa cosa che mi era sembrata stranissima: ti curano, anche con delle cure molto costose, e io non avevo pagato una lira. Perché? Perché c’è questa macchina straordinaria che è il sistema sanitario nazionale. Mi era sembrano un bellissimo meccanismo e io avrei voluto lasciar perdere lì, perchè non mi piaceva ripensare a quando ero malato, ma Chiara D’Ambros mi hai convinto a raccontarla e siamo andati un po’ in giro per l’Italia per cercare di capire quali sono le radici profonde e che sistema di valori c’è dietro una macchina così. Abbiamo raccontato come funziona questa macchina, come è nata e si è sviluppata. Abbiamo iniziato a raccontare un po’ di materiale su questo dicendo “che cosa importante è il servizio sanitario nazionale e la sua forza è il capitale umano”, chi ci lavora dentro con stipendi abbastanza bassi. Poi è successo che è arrivata la pandemia, eravamo tutti sui balconi a parlare dei sacrifici e delle morti degli operatori sanitari e con Chiara D’Ambros abbiamo cambiato e rimontato un po’ il progetto, tenendo alcune cose e raccontando questi valori profondi che adesso sono sotto gli occhi di tutti.

Tu ti metti abbastanza a nudo e ripercorri la tua storia anche andando a parlare con le dottoresse che hai incontrato. Cosa ti ha lasciato questo tipo di esperienza?

Sì, sono andato a salutare e portare la mia gratitudine alle oncologhe che mi avevano curato. Mi sono rimesso in gioco. L’idea era di prendere una cosa personale e cercare di farne qualcosa di collettivo. Adesso siamo tutti sui balconi ad applaudire i medici e gli infermieri, l’oncologa che mi ha curato – l’ho chiamata pochi giorni fa per dirle dell’uscita del documentario – mi ha detto di aver dei problemi a trovare una babysitter perché sia lei che suo marito, anche lui medico, dovevano tornare a lavorare. Diceva che nessun vuole andare perché è più facile infettarsi. A passare da eroe a untore ci metti davvero un attimo.

Ti sei fatto un’idea di cosa succederà al Servizio Sanitario Nazionale?

Bisogna un po’ farsene carico e iniziare un po’ a riflettere come collettività, come comunità, come singoli cittadini e come gente che va a votare, sui valori che sono dentro al servizio sanitario nazionale, aggredito insieme a tutto il lavoro pubblico da una campagna di stampa. Ricordate il Ministro Brunetta che ha sempre detto che il lavoro pubblico è un furto? Un pezzo del lavoro pubblico è quello che ti viene a prendere e ti intuba, e tu non paghi nulla. Detto in un altro modo, io credo che soltanto i rom abbiano un ufficio stampa peggiore di quello del servizio sanitario nazionale perché l’episodio di malasanità o il pezzo di garza lasciata nell’intestino durante un’operazione di appendicite si mangiano comunicativamente tutte le altre diecimila operazioni di appendicite in cui nessuno ti ha lasciato nulla dentro. Quando lo scorso anno ci sono state le elezioni politiche sono venuti da noi gli osservatori dell’OSCE a controllare le elezioni e hanno fatto una relazione che dice che le elezioni in Italia “si sono svolte in un regime di sostanziale rispetto per le regole” e dice che la campagna elettorale che ha portato alle politiche è stata “dominata dal tema dell’immigrazione“. I cittadini italiani, dice l’OSCE, sono stati privati del diritto di dibattere, e poi di andare a votare dopo aver ben dibattuto, dei temi più rilevanti e fondamentali come la scuola o la sanità pubblica.
E su questo siamo chiamati a rispondere e a riflettere.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 23/09/21 delle 19:51

    Metroregione di gio 23/09/21 delle 19:51

    Rassegna Stampa - 24/09/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Serve And Volley di ven 24/09/21

    Serve And Volley di ven 24/09/21

    Serve&Volley - 24/09/2021

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di gio 23/09/21

    Labirinti Musicali di gio 23/09/21

    Labirinti Musicali - 24/09/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di gio 23/09/21

    News Della Notte di gio 23/09/21

    News della notte - 24/09/2021

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di gio 23/09/21

    Musiche dal mondo di gio 23/09/21

    Musiche dal mondo - 24/09/2021

  • PlayStop

    Chassis di gio 23/09/21

    Chassis di gio 23/09/21

    Chassis - 24/09/2021

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di gio 23/09/21

    Quel che resta del giorno di gio 23/09/21

    Quel che resta del giorno - 24/09/2021

  • PlayStop

    Esteri di gio 23/09/21

    - Un trattamento disumano. L'inviato speciale degli Stati Uniti per Haiti si dimette dall'incarico dopo la decisione degli Usa di…

    Esteri - 24/09/2021

  • PlayStop

    The Game di gio 23/09/21

    Gkn, tra i lavoratori dello stabilimento di Campi Bisenzio. “Gkn è da 250 anni nel mercato, dall’epoca della prima rivoluzione…

    The Game - 24/09/2021

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di gio 23/09/21

    Muoviti muoviti di gio 23/09/21

    Muoviti muoviti - 24/09/2021

  • PlayStop

    Cryptospazzatura e Calendari

    le cryptovalute creano un sacco di rifiuti, come ci racconta Marco Schiaffino. Mentre Jennifer Radulovic ci spiega quel macello che…

    Di tutto un boh - 24/09/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 23/09/21

    Si parla con Monica Pais della Clinica Veterinaria Duemari di Oristano degli inceni di quest'estate in Sardegna, degli animali morti…

    Considera l’armadillo - 24/09/2021

  • PlayStop

    Jack di gio 23/09/21

    Jack di gio 23/09/21

    Jack - 24/09/2021

  • PlayStop

    Mia nonna in carriola

    quando cerchiamo di arricchirci trovando un tartufo da 80 chili, ma appuratane la difficoltà, sterziamo saggiamente sulle castagne

    Poveri ma belli - 24/09/2021

  • PlayStop

    Elezioni Comunali Milano 2021, viaggio nei quartieri: San Siro

    gli approfondimenti di Prisma nei quartieri di Milano alla vigilia delle Elezioni Comunali del 2021

    Clip - 23/09/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di gio 23/09/21 delle 12:51

    Seconda pagina di gio 23/09/21 delle 12:51

    Seconda pagina - 24/09/2021

  • PlayStop

    Cult di gio 23/09/21

    Cult di gio 23/09/21

    Cult - 24/09/2021

  • PlayStop

    Dehors e tavolini. Milano città all'aperto: vi piace?

    Tutto scorre di gio 23/09/21

    Tutto scorre - 24/09/2021

  • PlayStop

    Prisma di gio 23/09/21

    Raccontiamo la campagna elettorale di Roma e Torino, andiamo nel quartiere San Siro di Milano e chiudiamo con un collegamento…

    Prisma - 24/09/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 23/09/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 23/09/21

    Il demone del tardi - 24/09/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di gio 23/09/21 delle 07:49

    Seconda pagina di gio 23/09/21 delle 07:49

    Seconda pagina - 24/09/2021

Adesso in diretta