Approfondimenti

Quarant’anni dopo Mitterand, come sta la sinistra francese?

Pierre Larrouturou

Cerimonie di commemorazione, mostre, libri, reportage, interviste a chi c’era e a chi lo ha conosciuto… La Francia ricorda e celebra i quarant’anni dall’elezione di François Mitterrand. Il primo presidente di sinistra dal 1958, quello che ha saputo unire socialisti e comunisti in piena guerra fredda, il simbolo di una speranza per il futuro che il bilancio di quegli anni ha in parte tradito ma mai cancellato del tutto.

Tra i ricordi e le rievocazioni storiche, questo quarantesimo anniversario, a un anno dalle prossime elezioni presidenziali che secondo tutti i sondaggi vedranno un duello Macron / Le Pen, è soprattutto l’occasione di interrogarsi sull’eredità di Mitterrand. E su cosa rimanga oggi, a sinistra, della storica vittoria di allora. A parte la nostalgia, in realtà, pare resti ben poco. O forse è proprio perché la sinistra non è mai stata così divisa, frammentata e marginale nel paese che il sentimento che prevale in questi giorni è proprio la nostalgia dei tempi d’oro. Quella per un periodo storico in cui tutto sembrava possibile e la verginità politica dei socialisti li aveva protetti dall’usura e dagli scandali del potere. Considerato un uomo politico fuori dal comune, capace di approfittare delle occasioni politiche che si presentavano e soprattutto di far lavorare insieme delle sinistre che non riuscivano a dialogare, oggi Mitterrand non ha eredi degni di questo nome, anche se in tanti si rivendicano mitterrandiani. In compenso, personalismo e individualismo sono all’ordine del giorno. Nonostante le dichiarazioni più o meno pubbliche di voler fare fronte comune, infatti, socialisti, ecologisti, comunisti e France Insoumise non sono ancora riusciti a trovare un accordo per evitare la frammentazione alle elezioni presidenziali. Jean Luc-Mélénchon cercherà di andare da solo, questa volta nemmeno sostenuto dai militanti comunisti, che hanno appena deciso di candidare il loro segretario nazionale. Nel partito socialista, che nel 2017 aveva ottenuto meno del 7% con Benoît Hamon, le divisioni sono talmente profonde che ieri una parte dei vecchi tenori del partito, l’ex presidente François Hollande in testa, si è ritrovata per una commemorazione e una serie di conferenze in un castello dell’est della Francia. Mentre il segretario nazionale del partito è rimasto a Parigi per partecipare con gli ecologisti alla marcia per il clima.

Rispetto ai tempi di Mitterrand, quando a sinistra si votava essenzialmente PCF o PS, le varie etichette politiche sono impegnate in una battaglia di ego ma mancano di proposte politiche. Difficile quindi immaginare che nei prossimi mesi emerga una personalità che possa fare la sintesi di programmi che non ci sono, con un carisma in grado di canalizzare le correnti politiche e capace di riconquistare un elettorato sempre più tentato dall’astensione o dall’estrema destra. In questo contesto, e al di là del bilancio degli anni Mitterrand, è sicuramente più facile celebrare i quarant’anni di un mito anziché immaginare un futuro spinoso ed incerto.

Foto | Pierre Larrouturou, politico francese ed eurodeputato, durante uno sciopero per il clima a Bruxelles

  • Autore articolo
    Luisa Nannipieri
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 18/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 19/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di giovedì 18/08/2022 delle 21:00

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 19/08/2022

  • PlayStop

    Popsera di giovedì 18/08/2022

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione nella prima serata per tutta l’estate. Si comincia alle 18.35 con le notizie…

    Popsera - 19/08/2022

  • PlayStop

    La Portiera di giovedì 18/08/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 19/08/2022

  • PlayStop

    Democrazia, maneggiare con cura. Una difesa preventiva di valori e principi fondamentali

    Ospiti di Lele Liguori: Ota De Leonardis, sociologa, ha insegnato all’Università Bicocca, fa parte del comitato scientifico del Centro per…

    All you need is pop 2022 - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Ben Harper

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Ben Harper

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: The Zen Circus

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci ospita gli The Zen Circus

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Africa Unite

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista gli Africa Unite

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Emeli Sandé

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Emeli Sandé ospite di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Bloc Party

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. I Bloc Party ospiti di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Fantastic Negrito

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Fantastic Negrito ospite di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Xavier Rudd

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Xavier Rudd intervistato da Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Selah Sue

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Selah Sue

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di giovedì 18/08/2022 delle 15:34

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Cypress Hill

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. I Cypress Hill ospiti di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Franz Ferdinand

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Franz Ferdinand

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack Meets: Giovanni Truppi

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Giovanni Truppi

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Alt-J

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Alt-J

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Litfiba

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Litfiba

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Samuele Bersani

    Le interviste del magazine musicale di Radio popolare. Samuele Bersani

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Cimafunk

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Cimafunk

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Carmen Consoli

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Carmen Consoli

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Puntata 4 - Factory/In cerca di lavoro

    B. Springsteen, Working on the Highway, Factory, Highway Patrolman (Johnny Cash) W.A. Mozart, Concerto per flauto in Sol maggiore, op.…

    American Life - 19/08/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di giovedì 18/08/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Mario Venuti

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Mario Venuti

    Jack meets - 18/08/2022

Adesso in diretta