Approfondimenti

Quarant’anni dopo Mitterand, come sta la sinistra francese?

Pierre Larrouturou

Cerimonie di commemorazione, mostre, libri, reportage, interviste a chi c’era e a chi lo ha conosciuto… La Francia ricorda e celebra i quarant’anni dall’elezione di François Mitterrand. Il primo presidente di sinistra dal 1958, quello che ha saputo unire socialisti e comunisti in piena guerra fredda, il simbolo di una speranza per il futuro che il bilancio di quegli anni ha in parte tradito ma mai cancellato del tutto.

Tra i ricordi e le rievocazioni storiche, questo quarantesimo anniversario, a un anno dalle prossime elezioni presidenziali che secondo tutti i sondaggi vedranno un duello Macron / Le Pen, è soprattutto l’occasione di interrogarsi sull’eredità di Mitterrand. E su cosa rimanga oggi, a sinistra, della storica vittoria di allora. A parte la nostalgia, in realtà, pare resti ben poco. O forse è proprio perché la sinistra non è mai stata così divisa, frammentata e marginale nel paese che il sentimento che prevale in questi giorni è proprio la nostalgia dei tempi d’oro. Quella per un periodo storico in cui tutto sembrava possibile e la verginità politica dei socialisti li aveva protetti dall’usura e dagli scandali del potere. Considerato un uomo politico fuori dal comune, capace di approfittare delle occasioni politiche che si presentavano e soprattutto di far lavorare insieme delle sinistre che non riuscivano a dialogare, oggi Mitterrand non ha eredi degni di questo nome, anche se in tanti si rivendicano mitterrandiani. In compenso, personalismo e individualismo sono all’ordine del giorno. Nonostante le dichiarazioni più o meno pubbliche di voler fare fronte comune, infatti, socialisti, ecologisti, comunisti e France Insoumise non sono ancora riusciti a trovare un accordo per evitare la frammentazione alle elezioni presidenziali. Jean Luc-Mélénchon cercherà di andare da solo, questa volta nemmeno sostenuto dai militanti comunisti, che hanno appena deciso di candidare il loro segretario nazionale. Nel partito socialista, che nel 2017 aveva ottenuto meno del 7% con Benoît Hamon, le divisioni sono talmente profonde che ieri una parte dei vecchi tenori del partito, l’ex presidente François Hollande in testa, si è ritrovata per una commemorazione e una serie di conferenze in un castello dell’est della Francia. Mentre il segretario nazionale del partito è rimasto a Parigi per partecipare con gli ecologisti alla marcia per il clima.

Rispetto ai tempi di Mitterrand, quando a sinistra si votava essenzialmente PCF o PS, le varie etichette politiche sono impegnate in una battaglia di ego ma mancano di proposte politiche. Difficile quindi immaginare che nei prossimi mesi emerga una personalità che possa fare la sintesi di programmi che non ci sono, con un carisma in grado di canalizzare le correnti politiche e capace di riconquistare un elettorato sempre più tentato dall’astensione o dall’estrema destra. In questo contesto, e al di là del bilancio degli anni Mitterrand, è sicuramente più facile celebrare i quarant’anni di un mito anziché immaginare un futuro spinoso ed incerto.

Foto | Pierre Larrouturou, politico francese ed eurodeputato, durante uno sciopero per il clima a Bruxelles

  • Autore articolo
    Luisa Nannipieri
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 28/10/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 28/10/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 28/10/21 delle 07:15

    Metroregione di gio 28/10/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 28/10/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Poveri ma belli di gio 28/10/21

    Poveri ma belli di gio 28/10/21

    Poveri ma belli - 28/10/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di gio 28/10/21 delle 12:47

    Seconda pagina di gio 28/10/21 delle 12:47

    Seconda pagina - 28/10/2021

  • PlayStop

    Cult di gio 28/10/21

    Cult di gio 28/10/21

    Cult - 28/10/2021

  • PlayStop

    Tutto scorre di gio 28/10/21

    Tutto scorre di gio 28/10/21

    Tutto scorre - 28/10/2021

  • PlayStop

    Prisma di gio 28/10/21

    LA FINE DEL DDL ZAN. E ADESSO? Microfono aperto con Luca Paladini portavoce dei Sentinelli. CANNABIS TERAPEUTICA, CARENZA CRONICA NELLE…

    Prisma - 28/10/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 28/10/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 28/10/21

    Il demone del tardi - 28/10/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di gio 28/10/21 delle 07:49

    Seconda pagina di gio 28/10/21 delle 07:49

    Seconda pagina - 28/10/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 28/10/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 28/10/21

    Rassegna stampa internazionale - 28/10/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 28/10/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 28/10/21

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 28/10/2021

  • PlayStop

    Caffe nero bollente di gio 28/10/21

    Caffe nero bollente di gio 28/10/21

    Caffè Nero Bollente - 28/10/2021

  • PlayStop

    The weekly report di gio 28/10/21

    The Weekly Report di questa settimana ci porta nei luoghi di Bob Dylan a partire dalla pubblicazione di Like a…

    The Weekly Report - 28/10/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 27/10/21

    Jazz Ahead 145 - Playlist: ..1. Son Of, The Claudia Quintet feat. Eileen Myles, Evidence-Based, Flexatonic Records, 2021..2. Fetus, The…

    Jazz Ahead - 28/10/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mer 27/10/21

    News Della Notte di mer 27/10/21

    News della notte - 28/10/2021

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mer 27/10/21

    Gimme Shelter di mer 27/10/21

    Gimme Shelter - 28/10/2021

  • PlayStop

    Il giusto clima di mer 27/10/21

    Parliamo della crisi su tutti i mercati di risorse fossili con Simone Tagliapietra del Bruegel Think tank, del centenario della…

    Il giusto clima - 28/10/2021

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mer 27/10/21

    Quel che resta del giorno di mer 27/10/21

    Quel che resta del giorno - 28/10/2021

  • PlayStop

    Esteri di mer 27/10/21

    1-Portogallo: verso l’implosione della coalizione progressista che governa il paese da sei anni. Socialisti e il blocco delle sinistre radicali…

    Esteri - 28/10/2021

Adesso in diretta