Approfondimenti

Quando il Cairo era il faro della cultura nel mondo arabo

hafez

Assieme a Oum Kalsoum, a Farid El Attrache e a Mohamed Abdel Wahab, Abdel Halim Hafez è stato uno dei grandi che nel secolo scorso hanno fatto epoca rivoluzionando la musica egiziana, e hanno raggiunto nel mondo arabo una statura monumentale, circondati di una venerazione di massa che ha pochi paragoni nella musica del Novecento.

Proseguendo il suo importante lavoro di valorizzazione del modernariato arabo, l’etichetta francese Wewantsounds fa adesso uscire in vinile nella sua serie dedicata alle ristampe di musica araba Mawood, un classico di Hafez registrato nel 1971 e che non veniva ripubblicato in Lp dagli anni settanta.

Nato nel 1929 a una ottantina di chilometri dal Cairo, e morto prematuramente nel 1977, Abdel Halim Hafez aveva studiato all’Istituto di musica araba della capitale, distinguendosi nell’interpretazione di brani di Mohamed Abdel Wahab, che, nato nel 1902, era già un compositore affermato.
Hafez iniziò la sua carriera al principio degli anni cinquanta, diventando rapidamente una star della radio egiziana grazie all’impronta romantica del suo stile di cantante e a una musica che fondeva tradizione e modernità.

Dopo il colpo di stato degli ufficiali liberi e la presa del potere nel 1953 da parte di Nasser, Hafez diventò uno dei grandi artisti identificati con la rivoluzione egiziana guidata dal colonnello.
Forte del suo successo come cantante e favorito dall’aspetto attraente, alla metà degli anni cinquanta Hafez si lanciò anche in una carriera cinematografica, diventando un attore molto popolare.
Hafez lavorò con i maggiori compositori egiziani dell’epoca, fra i quali, oltre allo stesso Mohammed Abdel Wahab, Baligh Hamdi, l’autore della musica di Mawood, firmata per le parole dal poeta Mohamed Hamza: Baligh Hamdi è l’autore anche di Khosara Khosara, altra canzone interpretata da Abdel Halim Hafez che è stata campionata in Big Pimpin’, brano pubblicato nel 2000 dal rapper statunitense Jay-Z, con strascichi giudiziari sul copyright.

In Mawood Hafez parla al proprio cuore delle vicende sentimentali che ha vissuto, scusandosi per averlo portato di fallimento in fallimento, e arrivando alla conclusione che bisogna tenersi alla larga dall’amore. Il brano, alternando parti strumentali e cantate, con il respiro melodico della grande musica egiziana ma anche con aspetti di grande vivacità e dinamismo ritmici, ha la lunghezza chilometrica tipica delle canzoni egiziane dell’epoca, e occupa interamente le due facciate dell’album, per un totale di circa 47 minuti.
Altrettanto tipico della musica egiziana dei decenni ruggenti è l’impiego di una orchestra con strumentazione sia tradizionale che moderna, con coro e dovizia di archi ma anche con organo elettrico e chitarra elettrica: quest’ultima suonata da Omar Khorshid, giovane e innovativo chitarrista che negli anni sessanta e nei primi settanta accompagna oltre che Hafez anche Oum Kalsoum e Farid El Attrache, e che nel 1973 per ragioni politiche prende il largo e prosegue la sua carriera in Libano (ma che poi nel 1977 viene mandato dal presidente egiziano Sadat ad esibirsi alla casa Bianca per il presidente Carter in una delle cerimonie per la pace fra Egitto e Israele).

Infine, altro fatto tipico, il brano – come era abituale per i grandi della musica egiziana moderna, che raramente realizzavano album in studio – fu inciso dal vivo. Così, oltre ad offrirci una magnifica prestazione canora di Abdel Halim Hafez, l’album è un emozionante live, che fra ascolto assorto, esclamazioni di approvazione e incitamento, applausi, ovazioni, battimani nei passaggi ritmici, ci dà la misura della partecipazione appassionata del pubblico e del suo fantastico rapporto con la musica egiziana degli anni d’oro.

 

Foto | Informareonline

  • Autore articolo
    Marcello Lorrai
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 21/05 15:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 21-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 21/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 21-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 21/05/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 21-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jack di martedì 21/05/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 21-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 21/05/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 21-05-2024

  • PlayStop

    Cercasi McGyver

    quando testiamo l'abilità degli ascoltatori nel fai da te, eseguiamo una regalia di biglietti dell'Operazione Primavera attraverso un nuovo fiammante rebus sonoro e infine arriva la prima parte di una nuova puntata di Voeia de Laurà, dedicata all'oreficeria

    Poveri ma belli - 21-05-2024

  • PlayStop

    Intervista a ZeroCalcare: "Quando muori resta a me"

    L'intervista di Giulia Binazzi a ZeroCalcare in occasione dell'uscita del suo ultimo libro "Quando muori resta a me", pubblicato da Bao Publishing

    Clip - 21-05-2024

  • PlayStop

    Cult di martedì 21/05/2024

    Oggi a Cult: Barbara Sorrentini dal Festival del Cinema di Cannes; Marco Aime introduce l'edizione 2024 dei Dialoghi di Pistoia; Armando Massarenti sul suo libro "Come siamo diventati stupidi" (Guerini e Associati); Laura Valli sul festival Up To You! nella bergamasca; Giada Baiamonte su "Totò e la sua radiolina" che apre la rassegna Nuove Storie "Prima le donne" all'Elfo Puccini...

    Cult - 21-05-2024

  • PlayStop

    EUROPAMENTE - Al voto con l'Europa in testa - E7

    "Il racconto dell'Europa: temi e toni della campagna elettorale" - ospite: Edoardo Novelli, docente di Comunicazione Politica e Sociologia dei Media.

    Clip - 21-05-2024

  • PlayStop

    Pubblica di martedì 21/05/2024

    Tra un paio di giorni inizia a Stresa il vertice dei ministri finanziari e dei governatori delle banche centrali dei paesi del G7. Ad accoglierli ci sarà una notizia – tra le altre - di cui sarebbe utile che si occupassero, e cioè i contenuti dell’ultimo report dell'associazione ReCommon. Cosa dice in estrema sintesi il rapporto? Senza controllo, le emissioni di gas serra associate alle più grandi banche dei paesi del G7 sono responsabili di una quantità di emissioni di Co2 superiore a quella di Italia, Germania, Regno Unito e Francia messe insieme. In tonnellate di Co2 emesse, ciò significa che le maggiori banche mondiali – attraverso le proprie attività di finanziamento - producono 2 miliardi e 700 milioni di tonnellate di Co2, mentre i quattro paesi (Italia, Germania, Regno Unito e Francia) emettono – presi insieme - “solo”, si fa per dire, 2 miliardi di tonnellate di Co2. Che cosa devono fare ministri e banchieri centrali per fermare i prestiti con cui si finanziano attività tossiche per il clima? A Pubblica Antonio Tricarico, attivista di ReCommon sulle campagne che riguardano la finanza pubblica e le multinazionali.

    Pubblica - 21-05-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 21/05/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare. A cura di Massimo Bacchetta

    Tutto scorre - 21-05-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di martedì 21/05/2024

    Ogni mattina il racconto di quel che propone l’informazione, i fatti e gli avvenimenti in presa diretta con i nostri inviati, i commenti e gli approfondimenti di esperte, studiosi, commentatrici e personaggi del mondo della politica. Dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 10. Una trasmissione di Massimo Alberti e Claudio Jampaglia; senza mai rinunciare alla speranza del domani.

    Giorni Migliori – Intro - 21-05-2024

  • PlayStop

    DANIELA PORTO - IL MIO POSTO E' QUI

    DANIELA PORTO - IL MIO POSTO E' QUI - presentato da Barbara Sorrentini

    Note dell’autore - 21-05-2024

Adesso in diretta