Approfondimenti

Prove di intesa Pd-Forza Italia

Forza Italia in aula dice No alla fiducia al Governo Gentiloni.

Nelle sedi riservate, invece, sono già stati aperti canali con il Partito Democratico per affrontare il dossier della nuova legge elettorale.

“Magari alla fine non la voteranno ma sono interessati a un testo che vada bene anche a loro” -dicono dal Pd- “si lavora per una proposta da presentare prima del 24 gennaio”.

Ossia prima dell’udienza della Consulta sull’Italicum. Pd e Forza Italia discutono assieme di legge elettorale perché condividono la paura che Grillo, con un maggioritario vecchia maniera, si prenda tutto. Via il ballottaggio e correzioni in senso proporzionale.

L’idea inconfessabile di molti, in entrambi i partiti, sarebbe una legge che consentisse, dopo le elezioni, una “grande coalizione” sul modello tedesco. Un risultato del dialogo potrebbe essere, se non ci saranno intoppi, la “non ostilità” forzista sul percorso in aula. Sarebbe una stampella importante per garantire una chiusura della legislatura in tempi veloci.

L’altra stampella l’ha prefigurata in aula alla Camera Enrico Zanetti di Scelta Civica, ormai tutt’uno con Ala, il gruppo di Denis Verdini. Non votano la fiducia ma escono dall’aula. Se facessero la stessa cosa al Senato significherebbe abbassare il quorum della maggioranza. Oggi il Governo può contare su 169 voti compresi quattro senatori a vita su cinque considerato il No di Mario Monti, con una maggioranza a 161. I 20 bersaniani sono quindi potenzialmente in grado di creare molti problemi all’esecutivo, dopo aver firmato un documento in cui affermano che si riservano di non votare i provvedimenti sgraditi.

Ad esempio quelli sul lavoro. Incombe il pronunciamento della Cassazione che deve ammettere i referendum della Cgil. Il quesito sull’articolo 18, in particolare, è temuto perché costringerebbe la maggioranza a intervenire con delle modifiche, o in ogni caso a pronunciarsi, sul jobs act, uno dei cardini del Governo Renzi. Tanto che l’ipotesi più estrema sarebbe quella di andare a votare prima del referendum, che potrebbe essere fissato tra la metà di aprile e la metà di giugno. Sarebbe un grande azzardo politico ma posticiperebbe il referendum a dopo le elezioni politiche.

I più interessati a votare presto rimangono i renziani. Gli altri, meno. Non solo la minoranza Pd. Mentre Gentiloni era in aula alla Camera a illustrare il programma, si teneva una riunione del gruppo Pd. Tra le diverse componenti della maggioranza renziana sono emerse le sfumature. In Transatlantico esponenti vicini al Governo auspicavano momenti diversi, tra aprile e giugno. Molto dipenderà dall’assemblea del Pd di domenica prossima. Fonti vicine al segretario sussurravano che potrebbe addirittura arrivarci dimissionario. Retroscena a parte, la proposta che Renzi farà per il congresso farà capire qualcosa in più sulla durata della legislatura.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 16/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 16/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 16/05/2022 delle 19:47

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 16/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Gli speciali di lunedì 16/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 16/05/2022

  • PlayStop

    The Game di lunedì 16/05/2022

    1) L’Europa rallenta la sua crescita, la Commissione rivede al ribasso tutte le sue previsioni economiche. Per il 2022 un…

    The Game - 16/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 16/05/2022

    Dove si scopre che una signora a Mandello del Lario ha trovato una bomba a mano sgomberando il box e…

    Muoviti muoviti - 16/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di lunedì 16/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 16/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 16/05/2022

    Si parla con Tommaso Lisa del suo ultimo libro Insetti delle tenebre, coleotteri troglobi e specie relitte, Exorma edizioni, ma…

    Considera l’armadillo - 16/05/2022

  • PlayStop

    Jack di lunedì 16/05/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 16/05/2022

  • PlayStop

    Bidoni raccogli acqua

    quando ci ergiamo a campioni del risparmio energetico, elargiamo biglietti capibara, disquisiamo di biciclette e infine impariamo la lezione orwelliana…

    Poveri ma belli - 16/05/2022

  • PlayStop

    Il porto di Genova. O della multinazionale MSC?

    Sempre più mega-container e sempre più immense navi crociera. Genova sembra ormai destinata a una vera e propria invasione dal…

    Omissis - 16/05/2022

  • PlayStop

    Zoja Svetova, Gli innocenti saranno colpevoli. Appunti di un'idealista. La giustizia ingiusta nella Russia di Putin

    ZOYA SVETOVA - GLI INNOCENTI SARANNO COLPEVOLI. APPUNTI DI UN'IDEALISTA. LA GIUSTIZIA INGIUSTA NELLA RUSSIA DI PUTIN – presentato da…

    Note dell’autore - 16/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 16/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 16/05/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 16/05/2022

    Dario Leone sullo spettacolo “Bum ha i piedi bruciati” al Teatro Franco Parenti, dedicato a Giovanni Falcone, la mostra su…

    Cult - 16/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 16/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 16/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 16/05/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 16/05/2022

  • PlayStop

    Guarda che Lune di lunedì 16/05/2022

    Loghi che si consumano, simboli da abbattere, bare inclinate, abbiamo bisogno di memoria, di non fuggire via dall'orrore. Le merci…

    Guarda che Lune - 16/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 16/05/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 16/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lunedì 16/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 16/05/2022

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 15/05/2022

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non…

    Prospettive Musicali - 16/05/2022

Adesso in diretta