Approfondimenti

Prodi: “Occorre un centro sinistra unito”

“Senza uguaglianza la stessa crescita economica frena e le crepe nella coesione sociale fanno crescere i populismi, mettendo a rischio la stabilità democratica. La crescita o è inclusiva oppure non è”.

Il tono di Romano Prodi, mentre parla con noi, resta come al solito pacato, ma le sue parole sono pesanti e pongono una questione cruciale, ormai ineludibile per la sinistra, per i progressisti: il contrasto alle diseguaglianze. È un forte messaggio politico quello che emerge dal libro-intervista di Prodi Il piano inclinato, con il sottotitolo: “Cambiare si può e si deve” (edito da Il Mulino).

Il padre dell’Ulivo avverte i naviganti: se si insegue la destra sui programmi o se si punta ai consensi facili o se si cerca di far propri i temi agitati dai populisti, si va incontro a una sconfitta storica.

Un ragionamento quello di Prodi che si inserisce in un contesto che lo preoccupa fortemente, un piano inclinato in cui l’Italia sta scivolando all’interno di un’Europa frammentata, divisa, impaurita, incapace di affrontare insieme sfide epocali: la globalizzazione, le migrazioni, il terrorismo.

Da dove ripartire? Prodi indica dei percorsi per un futuro centro sinistra di cui auspica il ritorno (“una grande casa comune”), ricordando che per ora “mi sento uno senza casa, ma vivo in una tenda vicina al Pd”.

Percorsi che partono dalla lotta alle diseguaglianze, alle povertà, con il reddito minimo di cittadinanza per i più poveri, una politica fiscale mirata a finanziare il rafforzamento dello stato sociale e dello studio (“scuola, scuola, scuola”, scandisce tre volte Prodi). Ridare valore politico al lavoro, coinvolgendo i sindacati. “Inaccettabile” indebolire i corpi intermedi (scelta che Renzi fece da premier, oggi imitato dai Cinque Stelle). Innovazione e politiche industriali mirate sulle medie imprese.

Inequality

Professor Prodi, partiamo dalle diseguaglianze.

“Guardi, non riguardano solo l’Italia. Le disuguaglianze non sono solo un problema dell’Occidente. L’ingiustizia sociale attraversa il mondo. Le disparità sono aumentate anche in Cina e in India, negli Usa e nei Paesi europei. In Occidente siamo davanti a un’esclusione dai diritti di cittadinanza che coinvolge anche quel ceto medio che era considerato volano dello sviluppo economico e fulcro della stabilità, anche politica”.

Con quali conseguenze?

“Una piccola parte ha accresciuto il suo benessere, ma la maggioranza si è impoverita sotto gli effetti della crisi, a causa di una globalizzazione non governata, delle nuove tecnologie che bruciano posti di lavoro, senza creare nuova e stabile occupazione. Da un capitale che ha rinunciato spesso al suo ruolo di sostenere l’economia, dalle speculazioni finanziarie. Noi in questo contesto ci aggiungiamo la scarsa crescita. Ciò non è più accettabile, bisogna fermare questo ‘declino della speranza’”.

Tutelare chi è scivolato verso la povertà significa ripensare lo stato sociale.

“Sarò chiaro: oggi c’è un pensiero unico che vede il welfare come un peso, io penso al contrario che sia una risorsa”.

Lei pone la questione della redistribuzione del reddito. Facile a dirlo, ma concretamente cosa si può fare?

“Nel lungo periodo per aiutare le nuove generazioni c’è un solo strumento: scuola, scuola, scuola. Il nostro Paese ha un deficit di istruzione molto inferiore rispetto ad altri”.

E nel breve periodo?

“Bisogna ripristinare la tassa sulla casa per i redditi alti. Tutte le amministrazioni locali del mondo vivono sull’imposta sugli immobili, esentando le persone meno ricche. Non vedo perché questo non si debba fare anche in Italia”.

Accanto a questo?

“Ripristinare del tutto l’imposta di successione. Questa imposta nel secolo scorso ha dimostrato che ha temperato la diseguaglianza. Sarebbe giusto rimetterla come tassa di scopo, per sostenere i giovani nella scuola e nel lavoro”.

Lei ha espresso spesso una forte preoccupazione per la tenuta della coesione sociale, che colpisce in particolare i giovani. Cosa suggerisce?

“Lo sostengo da tempo e lo ribadisco: sarebbe utile per i giovani un periodo di servizio civile, mettendosi a disposizione delle persone e del loro territorio. Sarebbe un grandissimo valore aggiunto, un aiuto ai giovani, e alla coesione sociale”.

Intanto siamo un Paese con milioni di poveri.

“Lo so, è un dramma. Io penso che occorra un reddito minimo di cittadinanza da dare ai più poveri. Il reddito minimo di cittadinanza è un obbligo morale, ma va fatto pensando alle risorse che abbiamo. Non possiamo darlo a tutti, non abbiamo le risorse sufficienti”.

L’Italia cresce meno di altri Paesi, e il nostro sistema industriale langue… Come ripartire?

“Da produttività e innovazione. La crescita è fatta di queste cose qui, accanto alla riduzione della burocrazia. Oggi dobbiamo puntare sulla nostra eccellenza che è rimasta: le tante imprese medie. Ma serve un forte salto nell’innovazione, la costruzione di centri di ricerca qualificata su modello dei Fraunhofer tedeschi”.

Professor Prodi, per attuare tutti questi obiettivi, a partire dalla lotta alle diseguaglianze, occorre un governo di centro sinistra e una solida stabilità politica. Lei cosa pensa?

“Penso intanto che se non ci sarà una legge elettorale maggioritaria con i collegi uninominali, il nostro Paese avrà una situazione tipo la Spagna, con il ripetersi di elezioni, con la minaccia della speculazione internazionale che tornerebbe a colpire l’Italia. Oggi con il proporzionale si contraddice tutto quello che era stato detto: ‘la sera delle elezioni sapremo chi governa’. Dopo le elezioni inizierebbe l’incertezza, e questo mi fa paura”.

E l’idea dell’Ulivo è ancora attuale?

“Allora riuscimmo a mettere insieme i vari riformismi, liberalisti, socialisti, comunisti… per fare una politica comune nell’interesse del Paese. L’Ulivo nacque con una motivazione etica e politica fortissima. Poi la follia… fece finire quella esperienza. Oggi come si fa a riproporre quella situazione? Non vede le divisioni che ci sono a sinistra e non solo, le tensioni che si sono accumulate? E poi è una cosa di io cui non mi posso occupare. Ogni generazione ha i suoi compiti”.

E quindi oggi?

“Guardi, oggi ci vorrebbe qualcuno che sappia unire il Paese, sappia renderlo coeso, invece assisto con dispiacere a queste divisioni a sinistra che aumentano. E questo mi preoccupa molto perché allontana la possibilità di fare una vera politica riformista”.

E il suo rapporto con il Pd?

“Ho detto in questi giorni che ‘mi sento uno senza casa, ma vivo in una tenda vicina al Pd’. Penso che da un lato il Pd sia l’unica forza politica che mantiene la struttura di un partito. Ma queste continue divisioni, incertezze, oscillazioni – pensi solo al tema della legge elettorale – fanno sì che io mi trovi meglio in una tenda, sperando in una grande casa comune”.

Lei auspica una grande casa comune del centro sinistra?

“Certo, anche perché il Pd era nato come erede dell’Ulivo”.

Quindi lei dice che tocca al Pd rimettere in piedi questo centro sinistra?

“Esatto. E anche Pierluigi Bersani e Giuliano Pisapia devono fare la loro parte. Occorre un centro sinistra unito”.

RomanoProdi_IlPianoInclinato-196x300 1

  • Autore articolo
    Piero Bosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 14/06 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 14-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 14/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 14-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 14/06/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 14-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di venerdì 14/06/2024

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda le scorribande musicali dei due suonatori d’ottone in giro per la città, assecondate da artisti formidabili e straordinari.

    Slide Pistons – Jam Session - 14-06-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 14/06/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 14-06-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 14/06/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 14-06-2024

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 14/06/2024

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di Bologna e l’associazione Arte e Salute Onlus. Il progetto PSICORADIO è composto da due momenti intrecciati: un corso di formazione per operatori radiofonici rivolto a utenti dei servizi psichiatrici del dipartimento di salute mentale di Bologna e provincia, tenuto da professionisti della comunicazione guidati dalla direttrice della testata, prof. Cristina Lasagni (Università della Svizzera italiana). una testata radiofonica, Psicoradio, regolarmente registrata al tribunale di Bologna, che si occupa dei temi della salute mentale. I programmi di Psicoradio privilegiano i territori della psiche nei suoi incroci con il sociale e la cultura. Tutti gli argomenti – dalla cronaca all’arte – sono guardati da un punto di vista prevalentemente psicologico. Nelle trasmissioni si incrociano vari registri: poetici, informativi, ironici, scientifici, narrativi, autobiografici, assieme alle voci di chi la sofferenza psichica la sta attraversando. l corso di formazione per operatori radiofonici, articolato in tre anni, è tenuto da professionisti della comunicazione, della cultura, dell’arte, della psichiatria. Nel corso si apprendono i saperi classici del “fare radio”: quelli tecnici (registrazione, montaggio, regia); quelli giornalistici (l’intervista, l’inchiesta, ecc); quelli che servono per ideare e costruire una trasmissione, un palinsesto; e ciò che riguarda la programmazione musicale. Oltre ai contenuti prettamente comunicativi il corso aggiunge ambiti “psi”: per esempio, la psichiatria e la psicologia, nelle loro storie ed evoluzioni, ma anche terreni meno conosciuti ma oggi importanti come quelli dell’etnopsichiatria. Nei primi 5 anni di attività Psicoradio ha realizzato più di 220 trasmissioni nazionali, circa 20 trasmissioni per altre testate e 20 trasmissioni in diretta. Ha anche realizzato campagne di sensibilizzazione e comunicazione e convegni su temi cari alla redazione: nel 2008 la ricerca Follia scritta, sulle parole della salute mentale nella stampa nazionale, nel 2010 la campagna Basaglia piace solo in tv?, per la difesa della legge 180 e contro alcuni progetti di legge di modifica e nel 2011 Cronisti della mente, incontro delle radio che trattano la salute mentale.

    Psicoradio - 14-06-2024

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 14/06/2024

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. A cura di Elena Mordiglia.

    Sui Generis - 14-06-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 14/06/2024

    Nella puntata di Quel che resta del giorno del 14 giugno 2024, condotta da Luigi Ambrosio: Cecilia Strada risponde alle domande e dialoga con gli ascoltatori dopo l’elezione al parlamento europeo nelle fila del Partito Democratico. Alfonso Raimo dell’Huffington Post sulla settimana violenta della destra in Parlamento e la crisi del Movimento 5 Stelle. Mario Colosimo organizzatore del Pride di Roma, sul Pride e sulle conclusioni del G7 in tema di diritti civili. “Sarà un Pride pieno di frociaggine” ha detto, in polemica con le parole di Papa Bergoglio.

    Quel che resta del giorno - 14-06-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 14/06/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 14-06-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 14/06/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 14-06-2024

  • PlayStop

    Playground di venerdì 14/06/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 14-06-2024

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 14/06/2024

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana, gli approfondimenti musicali del periodo, in un ora che suona tanto e in cui si parla poco. Dalle 15:30 alle 16:30, ogni venerdi.

    Jack Box - 14-06-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 14/06/2024

    Nella prima parte ricordiamo Paolo Carù attraverso le parole di Guido Giazzi. Nella seconda parte intervistiamo le Goat Girl sul loro ultimo disco Below The Waste

    Jack - 14-06-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 14/06/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che con Andrea Pistorio, programmista multimediale e Andrea Leone, sound designer ha parlato del podcast Lago, veleni e resistenza su @raiplaysound, ma anche di @animal Equality e macellazione di cavalli, di Giornata mondiale della Tartaruga marina , di Riccio day a Lido di Pedrosa, di @Centro Recupero Ricci la Ninna e scopriamo che Andrea voleva essere volpe e Andrea, falco pellegrino.

    Considera l’armadillo - 14-06-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di venerdì 14/06/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 14-06-2024

Adesso in diretta