Approfondimenti

Primo trimestre, il Dragone cresce del 6,7%

Secondo i dati diffusi dall’Ufficio Nazionale di Statistica, nei primi tre mesi dell’anno, il Pil cinese è cresciuto del 6,7 per cento. Adesso ci sarà chi sottolinea che è il livello più basso degli ultimi venticinque anni – degli ultimi sette, se si considerano i trimestri – e chi invece rimarcherà che è del tutto in linea – anzi due decimali in più – rispetto al «nuovo normale» del 6,5 posto come obiettivo dalla leadership cinese. Entrambe le interpretazioni sono vere e non si escludono a vicenda.

Nell’ultimo quarto del 2015, l’economia cinese era cresciuta del 6,8 per cento. Si conferma quindi il rallentamento in corso, ma la netta ripresa degli investimenti – più 10,7 a marzo rispetto a febbraio – farebbe pensare che la fiducia stia ritornando. Il sospetto che dietro al presunto ottimismo ritrovato si nasconda uno stimolo fiscale è però alimentato dal fatto che gli investimenti privati sono cresciuti solo del 5 per cento a fronte del più 22 per cento di quelli pubblici.

A corroborare la tesi di quelli per cui «è tutto a posto», c’è però il fatto che le vendite al dettaglio sono cresciute del 10,5 per cento dal secondo al terzo mese dell’anno, il che lascerebbe intendere che la transizione da economia export oriented a modello basato sui consumi interni sarebbe in corso.Buone notizie pure dalla produzione industriale, che è aumentata del 6,8 per cento rispetto all’anno precedente, una brusca accelerazione in confronto al 5,4 di febbraio e un livello ben superiore alle aspettative del 5,9. Si tratta della crescita maggiore dal giugno dello scorso anno.

Un altro indicatore per misurare la salute dell’economia è quello dei prestiti bancari. Ebbene, la People’s Bank of China (PBOC) ha rilasciato i dati di marzo, comunicando che i nuovi finanziamenti sono cresciuti più delle aspettative: 1.370 miliardi di yuan contro gli 1.050 previsti. Anno su anno, i prestiti sono aumentati del 14,7 per cento, superando le previsioni che dicevano 14,5.

I dati tutto sommato incoraggianti erano stati anticipati ieri dal vice governatore della PBOC, Yi Gang, che parlando a un evento organizzato dalla Brookings Institution di Washington aveva detto di essere «abbastanza fiducioso» sul fatto che il Pil cinese crescerà tra il 6,5 e il 7 per cento quest’anno, sempre che l’economia degli Stati Uniti registri un aumento del 2 per cento. Yi aveva inoltre sottolineato come un certo numero di indicatori del primo trimestre mostrassero un’economia cinese «abbastanza robusta» e aveva citato i dati relativi a energia elettrica, trasporti, inflazione e costi di produzione. «Se il quadro economico delle due più grandi economie del mondo rientra nelle aspettative – ha detto Yi – esistono solide basi per combattere la debolezza della domanda globale». Di fronte alle recenti turbolenze della propria economia, Pechino ha spesso fatto ricorso alla spiegazione della difficile congiuntura internazionale

Tratto dal sito China Files

  • Autore articolo
    Gabriele Battaglia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 29/10/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 29/10/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 29/10/20 delle 19:47

    Metroregione di gio 29/10/20 delle 19:47

    Rassegna Stampa - 29/10/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    A casa con voi di gio 29/10/20

    A casa con voi di gio 29/10/20

    A casa con voi - 29/10/2020

  • PlayStop

    Esteri di gio 29/10/20

    1-Attentato islamista a Nizza. 3 persone uccise nei pressi della cattedrale Notre dame...“ è la Francia che è sotto attacco…

    Esteri - 29/10/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 29/10/20

    Ora di punta di gio 29/10/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 29/10/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di gio 29/10/20

    Uno di Due di gio 29/10/20

    1D2 - 29/10/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 29/10/20

    Considera l'armadillo gio 29/10/20

    Considera l’armadillo - 29/10/2020

  • PlayStop

    Jack di gio 29/10/20

    Intervista a Francesco Bianconi a cura di Margherita De Valle

    Jack - 29/10/2020

  • PlayStop

    Stay Human di gio 29/10/20

    Spazio Musica, Rino Gaetano, Marracash, The Who, Nirvana, Billie Eilish, Jamiroquai, The Pogues, Sting, Arctic Monkeys

    Stay human - 29/10/2020

  • PlayStop

    Memos di gio 29/10/20

    L’ospite di oggi è un grande studioso della contemporaneità, uno dei principali rappresentanti dell’antropologia culturale. E’ il professor Arjun Appadurai…

    Memos - 29/10/2020

  • PlayStop

    Luca Martinelli, L'Italia è bella dentro

    LUCA MARTINELLI - L'ITALIA E' BELLA DENTRO - presentato da CLAUDIO AGOSTONI

    Note dell’autore - 29/10/2020

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 28/10/20

    Jazz Ahead 97 - Playlist: 1. Billete, Aquiles Navarro and Thceser Holmes, Heritage of the Invisible II, International Anthem, 2020..2.…

    Jazz Ahead - 29/10/2020

  • PlayStop

    Cult di gio 29/10/20

    ira rubini, cult, lionello cerri, anteo spazio cinema, barbara sorrentini, cinema chiusi, daniele tyerzoli, trieste science fiction festival 2020, alexander…

    Cult - 29/10/2020

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 29/10/20

    Rispondiamo alle domande che sono arrivate; cerchiamo di capire perché molte volte l’app immuni e le strutture che sono intorno…

    37 e 2 - 29/10/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 29/10/20

    Prisma di gio 29/10/20

    Prisma - 29/10/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 29/10/20

    Rassegna stampa internazionale di gio 29/10/20

    Rassegna stampa internazionale - 29/10/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 29/10/20

    Il demone del tardi - copertina di gio 29/10/20

    Il demone del tardi - 29/10/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 29/10/20

    Fino alle otto di gio 29/10/20

    Fino alle otto - 29/10/2020

Adesso in diretta