Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di gio 23/01 delle ore 22:30

    GR di gio 23/01 delle ore 22:30

    Giornale Radio - 24/01/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 23/01

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 24/01/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 23/01 delle 19:48

    Metroregione di gio 23/01 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 24/01/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Let's spend the night together del gio 23/01

    Let's spend the night together del gio 23/01

    Let’s spend the night together - 24/01/2020

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 23/01

    Rotoclassica di gio 23/01

    Rotoclassica - 24/01/2020

  • PlayStop

    Scandale! di gio 23/01

    Scandale! di gio 23/01

    Scandale! - 24/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 23/01 (seconda parte)

    Ora di punta di gio 23/01 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 24/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 23/01 (prima parte)

    Ora di punta di gio 23/01 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 24/01/2020

  • PlayStop

    Esteri di gio 23/01

    1- A Lesbo il governo greco nega le cure mediche ai piccoli rifugiati. La denuncia di Medici senza frontiere (Tommaso…

    Esteri - 24/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 23/01

    Ora di punta di gio 23/01

    Ora di punta – I fatti del giorno - 24/01/2020

  • PlayStop

    Malos di gio 23/01 (seconda parte)

    Malos di gio 23/01 (seconda parte)

    MALOS - 24/01/2020

  • PlayStop

    Malos di gio 23/01 (prima parte)

    Malos di gio 23/01 (prima parte)

    MALOS - 24/01/2020

  • PlayStop

    Malos di gio 23/01

    Malos di gio 23/01

    MALOS - 24/01/2020

  • PlayStop

    Due di due di gio 23/01 (seconda parte)

    Parliamo con gli ascoltatori di programmi televisivi cui hanno partecipato come concorrenti. (seconda parte)

    Due di Due - 24/01/2020

  • PlayStop

    Due di due di gio 23/01 (prima parte)

    Ospite Lorenzo Campagnari, autore, conduttore e direttore artistico del Festival di SanNolo. (prima parte)

    Due di Due - 24/01/2020

  • PlayStop

    Due di due di gio 23/01

    Due di due di gio 23/01

    Due di Due - 24/01/2020

  • PlayStop

    Jack di gio 23/01 (prima parte)

    Jack di gio 23/01 (prima parte)

    Jack - 24/01/2020

  • PlayStop

    Jack di gio 23/01 (seconda parte)

    Jack di gio 23/01 (seconda parte)

    Jack - 24/01/2020

  • PlayStop

    Jack di gio 23/01

    Jack di gio 23/01

    Jack - 24/01/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 23/01

    Si parla con Paolo Casale, professore di biologia dell'Università di Pisa e coordinatore del Progetto europeo Life Medturtles per diminuire…

    Considera l’armadillo - 24/01/2020

  • PlayStop

    Radio Session di gio 23/01

    Radio Session di gio 23/01

    Radio Session - 24/01/2020

  • PlayStop

    Memos di gio 23/01

    L’Economist boccia la casa di proprietà. «Minaccia crescita, equità e fede nel capitalismo», ha scritto il settimanale britannico nell’articolo di…

    Memos - 24/01/2020

  • PlayStop

    Tazebao di gio 23/01

    Tazebao di gio 23/01

    Tazebao - 24/01/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

Butterfly e il riscatto di Puccini

“Ora mi sono convinto che il dramma deve essere in due atti… […] Il dramma deve correre alla fine senza interruzioni, serrato, efficace, terribile.”

Così scriveva Giacomo Puccini a Giulio Ricordi per chiarire lo spirito innovativo della sua “Madama Butterfly”, che aveva tratto da una pièce di David Belasco, a sua volta ispirata a un romanzo dello scrittore americano J. L. Long.

L’opera andò in scena al Teatro alla Scala il 17 febbraio 1904, nella versione in due atti che Puccini voleva e contro il parere di molti addetti ai lavori.

Fu “un linciaggio”, come affermò lo stesso compositore. Molti erano i avversari “artistici” di Puccini e le contestazioni nascondevano anche motivazioni politiche e sociali, come spesso era accaduto alla Scala.

Quella fu l’unica sera in cui “Madama Butterfly” venne proposta al pubblico con quella rivoluzionaria struttura. Da quel momento, l’opera fu spezzata, ridotta e adattata ai gusti dell’epoca.

A 112 anni da quel movimentato debutto, Butterfly ritorna in scena come Puccini l’aveva immaginata e lo riscatta, a più di un secolo di distanza, per volontà di Riccardo Chailly, che sarà sul podio il 7 dicembre 2016 in apertura della stagione lirica della Scala.

Dopo avere restituito al pubblico gli originali “Turandot” e “La fanciulla del West”, Chailly aggiunge un altro titolo pucciniano al ciclo che ha voluto avviare per riportare i capolavori del compositore alle versioni che lui stesso aveva firmato.

La regia di “Madama Butterfly” 2016 è affidata al pluripremiato regista lettone Alvis Hermanis, visionario e versatile artista che ha già stupito il pubblico scaligero con l’efficace regia di “Die Soldaten” di Zimmermann e ha firmato molti allestimenti di prosa già entrati nella storia del terzo millenio.

Ecco quello che Riccardo Chailly ed Alvis Hermanis hanno dichiarato, presentando l’allestimento di “Madama Butterfly”.

Ascolta Riccardo Chailly e Alvis Hermanis:

riccardo-chailly

alvis-hermanis

  • Autore articolo
    Ira Rubini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni