Approfondimenti

Presa Diretta: una Rai da anni’50

Il paradosso? Un servizio giornalistico realizzato con spirito pedagogico spostato in seconda serata per tutelare i minori mentre nella cosiddetta fascia protetta rimangono programmi, film e telefilm pieni di doppi sensi sessuali.

Riccardo Iacona, il creatore di Presa Diretta, commenta così la decisione della Rai di far slittare alle 22 la puntata di domenica 31 gennaio. Il motivo? Un servizio intitolato “Il Tabù del Sesso“, un reportage sulle difficoltà che incontra l’educazione sessuale. La solerte dirigenza della Rai ha pensato che potesse turbare il pubblico della prima serata.

“Mi sembra un eccesso di prudenza – dice Riccardo Iacona – La decisione è sbagliata. Non era un reportage a luci rosse. Anzi. Lo sforzo che facciamo con il programma è proprio quello di diffondere una certa cultura, come facciamo, per esempio, sulla questione delle violenze di genere. Da una parte bisogna sfatare i tabù e dall’altra si deve educare e prevenire. In questo caso, la puntata era tutta dedicata ai giovani. ”

La trasmissione, secondo i conduttore, era “altamente pedagogica”. A fronte di una tv che ammicca al sesso anche nelle fasce protette, far scivolare in seconda serata un programma serio e rigoroso come Presa Diretta è apparso “troppo punitivo” a Riccardo Iacona.

La si può chiamare censura? Non è un caso che la decisione sia arrivata nel week end del Family Day e delle pressioni dei settori cattolici più conservatori nei confronti dei parlamentari che devono votare il Ddl Cirinnà. Di fronte a nuove possibili polemiche portate avanti dai fautori della famiglia ortodossa e della Teoria Gender, i vertici di Viale Mazzini hanno deciso mettere ai margini (dello share televisivo) un programma dalla caratura di Presa Diretta.

Una decisione che ha il sapore antico della Rai democristiana degli anni’50 e ’60. Quella era la televisione del “comune senso del pudore”, censoria su ogni parola, fatto o immagine che non fosse consona. Ma era anche la Rai Tv che aveva una missione pedagogica ben precisa, nel suo complesso utile allo sviluppo di un paese che si trovava a metà strada tra la fine del secondo conflitto mondiale e gli anni del Boom Economico.  Nella decisione di spostare Presa Diretta c’è molto di quell’epoca. Anzi, per essere più precisi, rispetto a quell’epoca c’è molta più ipocrisia e meno pedagogia.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 28/10/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 29/10/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 28/10/20 delle 19:47

    Metroregione di mer 28/10/20 delle 19:47

    Rassegna Stampa - 29/10/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Funk shui di gio 29/10/20

    Funk shui di gio 29/10/20

    Funk shui - 29/10/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 28/10/20

    A casa con voi di mer 28/10/20

    A casa con voi - 29/10/2020

  • PlayStop

    Esteri di mer 28/10/20

    1- Votare negli Stati Uniti non è un diritto garantito per ..tutti. L’odissea degli elettori da New York al Wisconsin.…

    Esteri - 29/10/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 28/10/20

    Ora di punta di mer 28/10/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 29/10/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di mer 28/10/20

    Uno di Due di mer 28/10/20

    1D2 - 29/10/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 28/10/20

    Considera l'armadillo mer 28/10/20

    Considera l’armadillo - 29/10/2020

  • PlayStop

    Jack di mer 28/10/20

    Jack di mer 28/10/20

    Jack - 29/10/2020

  • PlayStop

    Stay Human di mer 28/10/20

    Stay Human di mer 28/10/20

    Stay human - 29/10/2020

  • PlayStop

    psicoradio di mar 27/10/20

    La puntata della settimana è dedicata a questa seconda ondata di Covid-19. Ci siamo domandati se e come i Dipartimenti…

    Psicoradio - 29/10/2020

  • PlayStop

    Memos di mer 28/10/20

    Lo spettro del debito pubblico italiano non si aggira più per l’Europa. Perchè l’agenzia americana di valutazione Standard&Poor’s, qualche giorno…

    Memos - 29/10/2020

  • PlayStop

    Sara Turetta, I cani della mia vita

    SARA TURETTA - I CANI DELLA MIA VITA - presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 29/10/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 28/10/20

    ira rubini, cult, maurizio principato risonanze, matteo ceschi, note per salvare il pianeta, vololibero edizioni, nordic film festival, linda gaardner,…

    Cult - 29/10/2020

  • PlayStop

    Doppio Click di mer 28/10/20

    Trump e il suo profilo Twitter; individuati gli hacker russi responsabili dei più clamorosi attacchi degli ultimi anni; Snowden ha…

    Doppio Click - 29/10/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 28/10/20

    Usa a una settimana dal voto, ne parliamo con l'americanista Mario Del Pero. La Regione Lombardia in ritardo coi tamponi…

    Prisma - 29/10/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 28/10/20

    Rassegna stampa internazionale di mer 28/10/20

    Rassegna stampa internazionale - 29/10/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 28/10/20

    Il demone del tardi - copertina di mer 28/10/20

    Il demone del tardi - 29/10/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 28/10/20

    Fino alle otto di mer 28/10/20

    Fino alle otto - 29/10/2020

Adesso in diretta