Approfondimenti

I lavoratori dimenticati dalla politica

I media sono in attesa di sapere cosa farà Donald Trump una volta alla Casa Bianca. Per quello che si è capito finora i personaggi che segneranno le scelte della prossima amministrazione americana potrebbero portare il Paese indietro di parecchio tempo, soprattutto sul fronte dei diritti. Anche in Europa, dove l’avvento di Trump preoccupa non poco, ci si interroga su quali potrebbero essere i prossimi prodotti politici della combinazione tra crisi economica e malessere sociale.

Il punto è proprio questo. Donald Trump, tra le altre cose, è anche il prodotto di una realtà socio-economica di cui molti si erano dimenticati. Gli avversari di Trump, compresi i mezzi d’informazione, hanno puntato sul profilo, quasi sempre discutibile, del futuro presidente degli Stati Uniti. Perdendo però di vista i motivi che lo hanno portato fino all’inattesa vittoria nelle elezioni presidenziali.

È quindi giusto cercare di capire quale sia la realtà che ha aperto a Donald Trump le porte della Casa Bianca. Lo abbiamo fatto con Antonio Callari, economista al Franklin and Marshall College di Lancaster, negli Stati Uniti.

Professor Callari, è giusto dire che la vittoria di Trump è anche il risultato di politiche economiche e sociali che hanno lasciato indietro una grossa fetta della società americana?

È assolutamente corretto. I lavoratori sono senza rappresentanza politica da parecchio tempo e per questo hanno perso la fiducia nei movimenti politici tradizionali. La logica conseguenza è stata quella di affidarsi a un personaggio come Trump. La classe lavoratrice ha consegnato il potere a Donald Trump, proprio in assenza di una vera ed efficace politica del lavoro. Si tratta di un processo lungo, che va indietro di almeno venti o trenta anni. Promesse e promesse ma nessuna salvaguardia dei diritti dei lavoratori. La mancanza di lavoro, la mancanza della sicurezza di un posto di lavoro è l’aspetto centrale del fenomeno Trump.

Quindi la tradizionale classe politica, fino a Barack Obama, non è stata capace di risolvere determinati problemi e ha lasciato diverse zone del paese in una situazione critica…

Certo, questo è il primo elemento come dicevo. Alla base c’è l’incapacità della classe politica nella risoluzione dei problemi legati al lavoro. Molte regioni che un tempo erano le ricche regioni industrializzate del paese ora sono in pessime condizioni. Perà c’è anche un altro elemento. La gente non si fida più dei politici. Non li vede più come suoi rappresentanti. Barack Obama, per esempio, aveva ottime intenzioni, la gente lo aveva capito, ma alla fine ha governato facendo patti con Wall Street, con il mondo della finanza e delle grandi corporazioni. Alla fine per gli americani Barack Obama non era più il presidente che difendeva i loro diritti. Era un presidente che faceva i patti che poteva fare con Wall Street. Per questo motivo i democratici hanno perso voti. I democratici non erano più visti come coloro che avrebbero lottato per i diritti della gente normale. Molti avrebbero preferito Sanders, che non faceva parte della classe politica, proprio come Trump.

Anche nella sua zona, la Pennsylvania, è successo questo, giusto? Zone che si sono sentite abbandonate dalla politica tradizionale e che hanno cambiato modo di votare…

Sì, e c’erano tanti segnali in questo senso già dai tempi di Bill Clinton. La gente iniziava a rendersi conto che i suoi interessi economici non erano considerati. Ma è anche vero che le condizioni di coloro che in qualche modo erano salvaguardati da Clinton e poi anche Obama non sono migliorate. I poveri sono rimasti poveri. E anche lì sono venuti meno i voti che avrebbero aiutato Hillary Clinton a battere Trump. Quindi da una parte i lavoratori ormai contrari alla classe politica tradizionale, dall’altra parte i poveri. Questa combinazione ha fatto vincere Trump.

  • Autore articolo
    Emanuele Valenti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 27/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 28/05/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 28/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 27/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 28/05/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 27/05/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 28/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 27/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 10 – Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Who shot ya - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 7 – Our Side Till We Die – Conflitto Tra Coste

    Our Side Till We Die – Conflitto Tra Coste

    Who shot ya - 28/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 27/05/2022

    1- Egitto. Lo sciopero della fame di Alaa Abdel Fattah, una sfida lanciata al Presidente Al Sisi. Da 56 giorni…

    Esteri - 28/05/2022

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia di venerdì 27/05/2022

    “Giustizia, Diritti e Memoria” È il titolo del nuovo e sesto ciclo di lezioni di antimafia che inizia martedì 15…

    Lezioni di antimafia - 28/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 27/05/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 2 – All Eyez On Me – Chi era Tupac Amaru Shakur

    All Eyez On Me – Chi era 2Pac Amaru Shakur

    Who shot ya - 28/05/2022

  • PlayStop

    I premi dell'Operazione Primavera - Scuola di Arte Applicata

    La Scuola di Arte Applicata di Milano mette a disposizione tre corsi online per una persona, relativi alla tecnica di…

    Clip - 27/05/2022

  • PlayStop

    I premi dell'Operazione Primavera - Viaggi&Miraggi

    L'agenzia Viaggi&Miraggi mette in palio un viaggio a Lanzarote per 2 persone, il nostro primo premio. Al1 e Disma hanno…

    Clip - 27/05/2022

  • PlayStop

    Puntata di venerdì 27/05/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 28/05/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 27/05/2022

    Tommaso Toma ricorda Andy Fletcher, Intervista a Cathy Lucas ( Vanishing Twins)

    Jack - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ramen Remix

    quando il dj emergente Niccolò Guffanti presenta il nuovo remix di Noi siamo i Robot da lui stesso eseguito, poi…

    Poveri ma belli - 28/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 27/05/2022 delle 12:49

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 28/05/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 27/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare: l'ultimo collegamento da Cannes con Barbara Sorrentini, Tiziana Ricci parla della…

    Cult - 28/05/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 27/05/2022

    Torniamo a parlare dei Medici di Medicina generale; le ultime decisioni prese dalla Regione in materia sanitaria; ci spostiamo a…

    37 e 2 - 28/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 27/05/2022

    GUERRA IN UCRAINA ANALISI E AGGIORNAMENTI. Con l'ex Ambasciatore Gianpaolo Scarante e Francesco Giumelli docente di Relazioni internazionali a Groningen…

    Prisma - 28/05/2022

Adesso in diretta