Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mar 10/12 delle ore 13:30

    GR di mar 10/12 delle ore 13:30

    Giornale Radio - 12/10/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 10/12

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 12/10/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 10/12 delle 07:15

    Metroregione di mar 10/12 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 12/10/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Cult di mar 10/12 (seconda parte)

    Cult di mar 10/12 (seconda parte)

    Cult - 12/10/2019

  • PlayStop

    Cult di mar 10/12 (prima parte)

    Cult di mar 10/12 (prima parte)

    Cult - 12/10/2019

  • PlayStop

    Note dell'autore di mar 10/12

    Note dell'autore di mar 10/12

    Note dell’autore - 12/10/2019

  • PlayStop

    A come America del mar 10/12

    A come America del mar 10/12

    A come America - 12/10/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 10/12 (terza parte)

    Prisma di mar 10/12 (terza parte)

    Prisma - 12/10/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 10/12 (seconda parte)

    Prisma di mar 10/12 (seconda parte)

    Prisma - 12/10/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 10/12 (prima parte)

    Prisma di mar 10/12 (prima parte)

    Prisma - 12/10/2019

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mar 10/12

    Il demone del tardi - copertina di mar 10/12

    Il demone del tardi - 12/10/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 10/12 (terza parte)

    Fino alle otto di mar 10/12 (terza parte)

    Fino alle otto - 12/10/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 10/12 (seconda parte)

    Fino alle otto di mar 10/12 (seconda parte)

    Fino alle otto - 12/10/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 10/12 (prima parte)

    Fino alle otto di mar 10/12 (prima parte)

    Fino alle otto - 12/10/2019

  • PlayStop

    From Genesis to Revelation di lun 09/12

    From Genesis to Revelation di lun 09/12

    From Genesis To Revelation - 12/10/2019

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lun 09/12

    Jazz Anthology di lun 09/12

    Jazz Anthology - 12/10/2019

  • PlayStop

    Basse Frequenze di lun 09/12

    Basse Frequenze di lun 09/12

    Basse frequenze - 12/09/2019

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di lun 09/12

    Jailhouse Rock di lun 09/12

    Jailhouse Rock - 12/09/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 09/12 (prima parte)

    Ora di punta di lun 09/12 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 12/09/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 09/12 (seconda parte)

    Ora di punta di lun 09/12 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 12/09/2019

  • PlayStop

    Esteri di lun 09/12

    Esteri di lun 09/12

    Esteri - 12/09/2019

  • PlayStop

    Malos di lun 09/12 (seconda parte)

    Malos di lun 09/12 (seconda parte)

    MALOS - 12/09/2019

  • PlayStop

    Malos di lun 09/12 (prima parte)

    Malos di lun 09/12 (prima parte)

    MALOS - 12/09/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Non sono solo canzonette

dittatura

La perversione del Di Maio pensiero -“dall’anno prossimo solo televoto”- e del Salvini pensiero (e ora ci si mette pure il presidente della Rai, Foa) consiste nello sfruttare l’occasione di una kermesse canora per riaffermare sotto traccia un concetto molto più ampio, che nulla ha a che fare con Sanremo, e che è il vero obiettivo della polemica costruita ad arte: la loro idea di “volontà popolare”.

Un’idea che non è affatto “volontà popolare” ma è plebiscito. Il plebiscito non è democrazia, è manipolazione delle masse che favorisce le soluzioni autoritarie. La vera volontà popolare, come egregiamente indica ad esempio la nostra Costituzione, si esprime attraverso tutti gli istituti che mediano la rappresentanza.

Quando tu mortifichi le istituzioni, azzeri il Parlamento, affermi che “il governo è sovrano”, fai appello al “popolo” per farti difendere dalla Legge o per dare forza alla la tua volontà politica, stai minando la democrazia. E il concetto di “popolo” assume il suo contorno più sinistro. Quello della mobilitazione permanente delle masse, tipica delle dittature.

C’è poi un ulteriore piano di realtà, funzionale al progetto: la negazione del valore della conoscenza, della cultura, della funzione dell’esperto. Che siano i medici nella questione vaccini o i giurati nella scelta di una canzone, non cambia nulla. E’ una modalità di “guerra rivoluzionaria” per fare saltare in aria tutti gli ostacoli al raggiungimento del potere. In nome del popolo. Facendo leva su sentimenti irrazionali che purtroppo sono diffusi anche laddove non ce lo si aspetterebbe (“e perché dovrei dar retta a quel signore, solo perché si definisce scienziato?”). Con un prezzo altissimo: la distruzione della competenza, quindi il declino culturale ed economico, e la distruzione della democrazia.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni