Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di sab 18/01 delle ore 08:30

    GR di sab 18/01 delle ore 08:30

    Giornale Radio - 18/01/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 17/01

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 18/01/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 17/01 delle 19:47

    Metroregione di ven 17/01 delle 19:47

    Rassegna Stampa - 18/01/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Mash-Up di ven 17/01

    Mash-Up di ven 17/01

    Mash-Up - 18/01/2020

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 17/01

    Doppia Acca di ven 17/01

    Doppia Acca - 18/01/2020

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di ven 17/01

    Musiche dal mondo di ven 17/01

    Musiche dal mondo - 18/01/2020

  • PlayStop

    Anni 10 addio! - Bollicine del 12/1/20 (prima parte)

    quali sono stati i dischi (e gli artisti) più rappresentativi del decennio che ci siamo appena lasciati alle spalle? Ne…

    Bollicine - 18/01/2020

  • PlayStop

    Anni 10 addio! - Bollicine del 12/1/20 (seconda parte)

    quali sono stati i dischi (e gli artisti) più rappresentativi del decennio che ci siamo appena lasciati alle spalle? Ne…

    Bollicine - 18/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 17/01 (seconda parte)

    Ora di punta di ven 17/01 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 18/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 17/01 (prima parte)

    Ora di punta di ven 17/01 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 18/01/2020

  • PlayStop

    Esteri di ven 17/01

    1-Iran: l’ayatollah Khamenei si schiera con i falchi del regime. Nel suo primo sermone del venerdì dopo otto anni la…

    Esteri - 18/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 17/01

    Ora di punta di ven 17/01

    Ora di punta – I fatti del giorno - 18/01/2020

  • PlayStop

    Arrivano i vostri di ven 17/01 (prima parte)

    Arrivano i vostri di ven 17/01 (prima parte)

    Arrivano i vostri - 18/01/2020

  • PlayStop

    Arrivano i vostri di ven 17/01 (seconda parte)

    Arrivano i vostri di ven 17/01 (seconda parte)

    Arrivano i vostri - 18/01/2020

  • PlayStop

    Arrivano i vostri di ven 17/01

    Arrivano i vostri di ven 17/01

    Arrivano i vostri - 18/01/2020

  • PlayStop

    ANGELO BRANDUARDI

    ANGELO BRANDUARDI

    Jailhouse Rock - 18/01/2020

  • PlayStop

    Snippet di sab 11/01

    ep. 161 “Something’s got a hold on me” di Etta James..La graffiante e inimitabile voce di Etta James è la…

    Snippet - 18/01/2020

  • PlayStop

    Due di due di ven 17/01 (seconda parte)

    Due di due di ven 17/01 (seconda parte)

    Due di Due - 18/01/2020

  • PlayStop

    Due di due di ven 17/01 (prima parte)

    Due di due di ven 17/01 (prima parte)

    Due di Due - 18/01/2020

  • PlayStop

    Due di due di ven 17/01

    Due di due di ven 17/01

    Due di Due - 18/01/2020

  • PlayStop

    Jack di ven 17/01 (seconda parte)

    Jack di ven 17/01 (seconda parte)

    Jack - 18/01/2020

  • PlayStop

    Jack di ven 17/01 (prima parte)

    Jack di ven 17/01 (prima parte)

    Jack - 18/01/2020

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di lun 13/01/2020 - Angelo Branduardi

    ANGELO BRANDUARDI

    Jailhouse Rock - 17/01/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

Perché Russia e Turchia rimangono “alleati”?

E’ condivisa dalle autorità turche e russe l’idea che l’attentato all’ambasciatore russo ad Ankara avesse come obiettivo il danneggiamento delle relazioni tra i due Paesi. Relazioni che con fatica la Turchia ha cercato di ricostruire dopo l’abbattimento del jet russo, avvenuto in una fase di braccio di ferro tra i due Paesi nel campo di forze siriano.

Una strana relazione: due Paesi con leader dalle caratteristiche autoritarie e autocratiche simili, legati da relazioni economiche vitali, ma sul fronte siriano schierati su lati opposti. Relazione di cui la Turchia continua ad avere bisogno e che anche la Russia in questo momento sembra non disdegnare, pur con mille riserve.

Entrambi i Paesi hanno rilasciato dichiarazioni distensive, nessun diplomatico russo è stato ritirato dalla Turchia e nessun ufficio consolare chiuso; da parte sua la Turchia ha espresso subito la determinazione a non permettere che l’attacco oscurasse i rapporti russo-turchi  e ha mostrato piena collaborazione sulle indagini, accettando senza riserve l’invio di investigatori da Mosca. In Russia lo stesso Vladimir Putin ha parlato di una provocazione mirata a minare i rapporti tra i due Paesi e il processo di pace in Siria promosso da Russia, Turchia e Iran.

Ma l’assassinio di un ambasciatore è un fatto gravissimo che difficilmente può rimanere senza conseguenze sulle relazioni internazionali dei Paesi coinvolti. Prevedere in che modo non è facile. Il coltello dalla parte del manico in questo momento sembra averlo la Russia: in una posizione di forza sul campo siriano e capace di influenzare la già traballante economia turca.  La Turchia invece è più debole avendo sostenuto parte dei ribelli anti Assad, sconfitti nella battaglia per Aleppo; è sconvolta da linee di frattura esterne e interne sempre più profonde a causa della spregiudicatezza del suo leader e offre il fianco ad attacchi terroristici di diverse nature.

Tutto in questa situazione lascia pensare che alla Turchia convenga tenersi stretto l’amico russo, anche se ingombrante. Ma c’è un elemento, un tasto sensibile che una volta schiacciato può generare reazioni incontrollate che vanno al di là delle convenienze: si tratta delle relazioni che la Russia intrattiene non solo con Assad, che Erdogan voleva spodestare per prendere il controllo su una porzione di Siria, ma  anche con gli autonomisti curdi di Turchia, con cui il conflitto è ripreso e si è aggravato.

Comunque in questo momento nelle relazioni fra i due Paesi, almeno a parole, prevalgono il raggiungimento della pace in Siria e la comune lotta contro il terrorismo.

  • Autore articolo
    Serena Tarabini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni