Approfondimenti

Per la Danimarca la Siria è un posto sicuro: le giovani rifugiate a rischio rimpatrio

Rifugiati Danimarca

Rahima Abdullah ha solo 21 anni, ma parla con la maturità tipica di quei ragazzi che in un giorno qualunque della loro giovane vita si sono svegliati e hanno capito che nel Paese dove sono nati e cresciuti non potevano più restare. Rahima è nata ad Aleppo e sei anni fa, insieme alla sua famiglia, è scappata dalla guerra per cercare una nuova vita in Danimarca.

Nel suo nuovo Paese la vita di Rahima riprende a scorrere come quella di una qualsiasi ragazza della sua età. Con le difficoltà di una nuova lingua da imparare e di una società nella quale inserirsi: cose che però tengono lontani i pericoli della guerra dalla sua vita e da quella di tante persone che come lei hanno chiesto asilo in Europa dopo lo scoppio del conflitto.

Ma nel 2019 molte cose sono cambiate: il governo danese ha stabilito che alcune zone della Siria sono sicure e che le persone che provengono da quelle regioni devono tornare. Rahima viene da Aleppo e non corre il pericolo del rimpatrio. Una delle sue amiche, invece, si trova da un giorno all’altro nella lista delle persone che devono lasciare la Danimarca.

La mia amica viene da Damasco e la sua richiesta per il permesso di soggiorno è stata rifiutata. È stato il primo caso di cui mi sono occupata ed è stato molto duro perché siamo molto unite. Ho combattuto per lei e per altre persone che sono nella stessa situazione qui in Danimarca perché anche io sono siriana e, anche se non vengo da Damasco e quindi non corro questo rischio, voglio aiutare altre persone.

A partire da quel momento e da diversi anni, Rahima non solo organizza grandi mobilitazioni per le persone che le chiedono aiuto, ma è anche la leader del Danish Refugee Council Youth.

Abbiamo creato una rete di persone che si occupano dei ragazzi che vengono in Danimarca. Organizziamo delle attività che li coinvolgano perché quando ti sposti in un altro Paese è molto importante che tu ti senta accolto dalle persone e parte di una società che ti vuole. Per i casi di quelli che invece rischiano il rimpatrio, abbiamo organizzato manifestazioni contro questa politica, abbiamo fatto raccontare a queste persone la loro storia, abbiamo fatto sentire la loro voce, attirato l’attenzione dei media.
Molti danesi non credono che la Siria sia pericolosa, ma dopo aver ascoltato le loro storie cambiano idea. Molti non sanno cosa sta succedendo nel nostro Paese, votano questi politici ma non sanno come stanno le cose. Quindi, è davvero importante che se ne parli sui giornali o in televisione perché la società danese deve conoscere quali sono le conseguenze di questa politica.

La Danimarca è l’unico Paese europeo e delle Nazioni Unite ad aver preso questa decisione in merito al ritorno in Siria delle persone che, ormai da anni, vivono e lavorano nel Paese. Rahima dipinge una società molto divisa sul tema dei rifugiati:

Molti politici in Danimarca sono contrari all’accoglienza dei rifugiati, ma quando il caso della mia amica e di altre persone sono finiti sui media, molte persone ci hanno sostenute, così come altre organizzazioni danesi che si oppongono a tutto questo.
Ci sono però anche tanti che pensano che i rifugiati debbano tornare nel Paese da dove vengono. La società in Danimarca è molto divisa.
Ma io sono qui perché c’è una guerra nel mio Paese. Lì avevo una bella vita ma quando la guerra è iniziata me ne sono andata perché la mia vita e quella della mia famiglia erano a rischio, per questo siamo venuti in Danimarca.
Ora però sono qui da tanti anni, parlo molto bene il danese e ho amici danesi, sto finendo il liceo e vorrei studiare scienze politiche all’Università il prossimo anno. Mi sento parte di questa società ormai e anche se la situazione dovesse tornare sicura in Siria, non voglio tornare perché mi sono impegnata tanto per integrarmi qui.
Non riesco a capire come la Danimarca sia l’unico Paese che vuole rimandare le persone a Damasco. Sembra che qui si siano dimenticati che in Siria c’è ancora il regime di Assad e queste persone tornerebbero nel Paese di un dittatore. Vorrei che il governo danese se lo ricordasse…

di Eleonora Panseri

Foto | DFUNK – Dansk Flygtningehjælp Ungdom

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 26/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 27/06/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di lunedì 27/06/2022

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music…

    Reggae Radio Station - 27/06/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di domenica 26/06/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 27/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di domenica 26/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/06/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 26/06/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 27/06/2022

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 26/06/2022

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 27/06/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 26/06/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 27/06/2022

  • PlayStop

    Mixtape di domenica 26/06/2022

    A compilation of favorite pieces of music, typically by different artists, recorded onto a cassette tape or other medium by…

    Mixtape - 27/06/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di domenica 26/06/2022

    Incantagioni, il nuovo libro di Mariano Tomatis, racconta sei storie di donne ribelli nel mondo del mentalismo; è uscito Prostitute…

    Sui Generis - 27/06/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 26/06/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 27/06/2022

  • PlayStop

    Rap Criminale di domenica 26/06/2022

    - Chi ha sparato a Tupac Shakur? - Chi ha ucciso Notorious B.I.G.? Perché si sono sciolti i NWA? -…

    Rap Criminale - 27/06/2022

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 26/06/2022

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci…

    C’è di buono - 27/06/2022

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 26/06/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 27/06/2022

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 26/06/2022

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 27/06/2022

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 26/06/2022

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 27/06/2022

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 25/06/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 27/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/06/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 25/06/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 27/06/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 25/06/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 27/06/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/06/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 27/06/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/06/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 27/06/2022

Adesso in diretta