Approfondimenti

Per fortuna, più che Unica non sono sola

unica

Mentre fa ancora eco il SORELLA NON SEI SOLA delle donne scese in piazza lo scorso 25 novembre a Roma, nelle stesse ore, Ilary Blasi ricorda al mondo il suo individualissimo essere UNICA. Il racconto in docufilm de la sua verità, pubblicato ex post la separazione che ha sconvolto gli animi dentro e fuori il Raccordo. Da romana, impossibile non vederlo. Altrettanto da donna e femminista, incuriosita soprattutto da quel lancio previsto un giorno prima della giornata internazionale contro la violenza sulle donne e di genere. Ammetto di aver premuto play carica di fiducia, in assetto da tifosa, sicura che là dentro avrei trovato la storia di una crescita, il racconto di un’evoluzione personale, giunta alla fine di una storia dolorosa il cui risultato è però una donna nuova, consapevole di se stessa, dei meccanismi che l’hanno resa vittima e che adesso vaffatutti, dopo un anno parlo io e, tra un caffè e un’asana yoga, demolisco il patriarcato. Okay. Forse avevo delle aspettative altissime ma è pur vero che in 20 anni di pane e Tottigò, per la me adulta che di Roma ha via via abbandonato non solo i quartieri ma anche i modelli che la caratterizzano, vedere finalmente la Regina consorte dell’ottavo Re, strapparsi le vesti della perfetta moglie e madre, era davvero una figata.
Invece no. Mi sono ritrovata a girare gli occhi annoiata e delusa che anche stavolta, abbiamo perso un’occasione. Partiamo dal fatto che nella storia ci sono gesti e azioni raccontate come normali e che trovano risalto solo quando si entra in clima tradimento. Totti che controlla il cellulare, chiama a rapporto Blasi e l’amica, mette il muso, il ricatto del senso di colpa e tanti altri. Avrei apprezzato, ogni volta, un pop up lampeggiante con la scritta “HEY! QUESTO È PATRIARCATO” o un “È SBAGLIATO ANCHE SENZA CORNA”. Mentre guardavo mi chiedevo come è possibile non dar di matto se anche il taxista conosceva i fatti tuoi prima ancor di te, che tutta Roma sapeva e che in entrambi i casi, non c’era dubbio fosse colpa tua (tralasciamo poi l’analisi sociologica culturale per cui dovremmo aprire il capitolo dei mores tipici di Roma, Urbe de chi se fa i c***i sua campa cent’anni). Insomma, mi sarei messa a urlare.
Ma la verità è che mi sarebbe piaciuta una riflessione che andasse oltre la risposta al gossip, alle chiacchiere da bar (o da taxi, appunto). Blasi invece è comprensiva, capisce la logica per cui i panni sporchi si lavano in casa, anche se l’impestano del tanfo. Solo che proprio non poteva crederci che della puzza ne fosse piena la sua Villa. E infatti piange. Aveva giurato! dice. Davanti a me e ai figli – mancava a Dio – e poi giù, ancora pianti.
Lì sale l’audience e a me scendono alle ginocchia.
Ma tutto questo pianto, dove va? Per citare un ragionamento dell’autrice e scrittrice Chiara Sfregola, che sposo in pieno e qui riformulo, è necessario trasformare il dolore da fine a mezzo, perché è arrivato il tempo di iniziare a liberarci della retorica per cui soffriamo per aver sbagliato, non per raggiungere un risultato difficile e uscire da una storia lo è sempre.
Solo che se sei bella, straricca e famosa è un po’ meno complicata o diciamolo, magari le persone comuni, le donne che vivono situazioni non dignitose, difficili o abusanti, non penso si preoccupino della collezione di scarpe e borse griffate. Insomma, è proprio perché 6 UNICA ma fino a un certo punto, che era per me necessario, non dico farsi carico della portata politica delle vicende personali ma almeno essere responsabile dei messaggi diffusi, senza ignorare completamente chi non gode dei tuoi stessi privilegi. Questo sì avrebbe reso il docufilm non solo uno gancio mediatico ben assestato, ma anche un gesto dal sapore vagamente femminista. (Di questi tempi, ce n’è sempre bisogno!)

  • Autore articolo
    Giulia Strippoli
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 25/02 10:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 25/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 25-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 25/02/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 25-02-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 25/02/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 25-02-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 25/02/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 25-02-2024

  • PlayStop

    Emergenza di sabato 24/02/2024

    La trasmissione sulle novità musicali della scena emergente italiana. Per chi crede nel talento dei giovani artisti o ha solo voglia di scoprire nuova musica. Le canzoni in primo piano, ma anche tanti ospiti che ci raccontano la loro storia. Conduce La Melchi. - @lamelchi_

    Emergenza - 24-02-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/02/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 24-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24-02-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 24/02/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 24/02/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 24-02-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/02/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 24-02-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/02/2024

    Ogni sabato dalle 17.35 alle 18.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni e il fedele Fela.

    Stay human - 24-02-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 24/02/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 24-02-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 24/02/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 24-02-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 24/02/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 24-02-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 24/02/2024

    con Margherita Buy su "Volare"; Vito Zagarrio parla di "Le seduzioni"; Giovanni Piperno e la storia di "16mm alla rivoluzione"; Velania A. Mesay presenta il documentario "Agape". Tra le uscite: "La zona d'interesse" di Jonathan Glazer; "Emma e il giaguaro nero" di Gilles de Maistre; "Night Swim" di Bryce Mc Guire.

    Chassis - 24-02-2024

Adesso in diretta