Approfondimenti

Per cosa sarà ricordato Hollande?

Il primo giorno di Macron presidente è stato tutto per lui, dall’Eliseo agli Champs Elysées, dall’Arco di trionfo alla prima visita ufficiale all’ospedale militare di Parigi al capezzale dei soldati francesi feriti nella guerra al jihadismo islamista. Tutto un simbolo. Per finire alla visita protocollare all’Hôtel de Ville, il municipio di Parigi, autorità amministrativa responsabile dei palazzi della Republica, Eliseo incluso. Parabola impeccabile per il nuovo monarca republicano, secondo il commento unanime dei media francesi.

Ma prima di entrare definitivamente nel regno del Principe Macron, un ultimo sguardo sintetico al suo predecessore appena uscito di scena, François Hollande, che del nuovo sovrano è stato l’ultimo e fondamentale padrino politico. Prima chiamandolo come consigliere all’Eliseo poi promuovendolo segretario aggiunto e infine nominandolo, a trentasei anni, ministro dell’Economia. Creando le condizioni per fare di un brillante e ambizioso ex banchiere mai eletto prima, senza partito e illustre sconosciuto fino a tre anni fa, l’ottavo presidente della Quinta repubblica e il più giovane capo di Stato francese dai tempi di Napoleone.

Hollande non nasconde una palese soddisfazione per questa inattesa e imprevedibile successione. Vorrebbe essere ricordato come il presidente che ha aperto la strada al rinnovamento e all’unità nazionale che Macron vuole incarnare; come il presidente che ha fatto fronte al terrorismo e ha promosso l’accordo internazionale sul clima di Parigi. E magari, tra qualche anno, far dimenticare di essere stato il primo presidente della quinta repubblica a rinunciare a ricandidarsi sommerso dall’impopolarità; di essere stato il presidente socialista che ha portato il partito cardine della sinistra francese dal 28 per cento del 2012 al 6 per cento del 23 aprile scorso, il peggior risultato di sempre per il partito rifondato da Mitterrand quarant’anni fa; di essere stato il presidente di sinistra che ha lasciato la gauche mai così divisa e rimpicciolita elettoralmente. E per finire di essere stato il presidente progressista e pro-europeo che ha lasciato il Fronte nazionale della famiglia Le Pen convincere dieci milioni di francesi a votare per un programma nazionalista e identitario.

  • Autore articolo
    Francesco Giorgini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 03/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/03/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di domenica 03/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/03/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 03/07/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 07/03/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 03/07/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 07/03/2022

  • PlayStop

    Mixtape di domenica 03/07/2022

    A compilation of favorite pieces of music, typically by different artists, recorded onto a cassette tape or other medium by…

    Mixtape - 07/03/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di domenica 03/07/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 07/03/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 03/07/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 07/03/2022

  • PlayStop

    Rap Criminale di domenica 03/07/2022

    - Chi ha sparato a Tupac Shakur? - Chi ha ucciso Notorious B.I.G.? Perché si sono sciolti i NWA? -…

    Rap Criminale - 07/03/2022

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 03/07/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 07/03/2022

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 03/07/2022

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 07/03/2022

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 03/07/2022

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 07/03/2022

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 02/07/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 07/02/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 02/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/02/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 02/07/2022

    Enzo Gentile ci racconta di Naturalmente Pianoforte, un festival toscano che prenderà il via il 20 luglio. Iasko e Kit…

    Stay human - 07/02/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 02/07/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 07/02/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 02/07/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 07/02/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 02/07/2022

    25° “Voci per la libertà - Una canzone per Amnesty”; Biennale Teatro; Tiziana Ricci e l’arte; ; i consigli di…

    Good Times - 07/02/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 02/07/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 07/02/2022

Adesso in diretta