Approfondimenti

Patente di immunità per la Sardegna? Parla l’assessore al turismo Giovanni Chessa

Regione Sardegna

La Regione Sardegna chiederà ai turisti che vogliono fare una vacanza nell’isola di certificare la propria negatività al COVID-19 con una sorta di patente di immunità, un documento che attesa di essersi sottoposto ad un tampone pochi giorni prima della partenza e che quel tampone ha dato risultato negativo.

Il sindaco di Milano Beppe Sala non ha accolto di buon grado la proposta della Sardegna e, pur senza nominare la Regione, ha lanciato un appello ai suoi concittadini invitandoli a scegliere Regioni più solidali come la Liguria per le proprie vacanze.

Abbiamo parlato della questione della patente di immunità con l’Assessore del Turismo, Artigianato e Commercio della Sardegna Giovanni Chessa. L’intervista di Lorenza Ghidini e Alessandro Braga a Prisma.

Come risponde al sindaco di Milano Beppe Sala che se l’è presa parecchio per la questione della “patente di immunità” per i milanesi che vogliono fare le vacanze da voi?

Io credo che il sindaco Sala deve capire che se uno va a casa sua, bussa e chiede il permesso prima di entrare. È una questione di educazione.

In che senso chiede il permesso?

Un sindaco non può permettersi di giudicare l’operato del Presidente della Regione, che amministrando deve fare il bene della propria Regione. Questo Sala dovrebbe impararlo. Oggi è una grande responsabilità fare il sindaco o il Presidente di Regione, si rischia di essere indagati per una fesseria.

Di cosa avete paura rispetto all’arrivo dei lombardi da questo punto di vista?

Non abbiamo nessuna paura e se i lombardi come sempre decidono di venire in Sardegna saranno accolti a braccia aperte. Il turismo italiano nazionale è di gran parte del nord Italia e ringraziamo tutti quelli che sceglieranno la Sardegna. Troveranno una Sardegna libera e potranno fare una vera vacanza libera come tutti gli anni. Non ci saranno divieti, ma chiediamo un piccolo sacrificio: garantire con un certificato medico che non hanno preso il COVID. Tutto qua. La certificazione sanitaria è questa: fare un test rapido, un tampone o quello che si trova sul mercato, e garantire in partenza che non hanno contratto questo virus. Noi diciamo “Vieni sano e riparti più sano”. La Sardegna è uscita dall’epidemia prima di altre Regioni e questo vantaggio lo deve garantire a tutela di tutti i turisti, sia di noi sardi e soprattutto di chi viene. Noi lo facciamo per tutelare le vacanze delle famiglie che scelgono la Sardegna. Noi stiamo aprendo le porte a tutti, ma lo stiamo facendo in modo onesto e trasparente, senza slogan. Abbiamo tante di quelle case vacanza prese d’assalto nei due mesi che hanno preceduto questo virus e ci sono tanti milanesi e tanti lombardi che sono stati accolti benissimo.

Non teme che questa questione del passaporto sanitario complicherà le cose e farà arrivare meno turisti? Bisognerà prenotare con un po’ di anticipo, magari si fa il tampone e chi garantisce che prima della partenza quella persona sia ancora sana?

L’altro giorno è arrivato un imprenditore dell’Emilia-Romagna, ha preso una Tachipirina per abbassarsi la febbre ed è passato al termoscanner dell’aeroporto di partenza. Questo vigliacco è venuto qui, è andato in hotel e in un’azienda di formaggi e latte: oggi sono tutti in quarantena, è tutto chiuso per colpa di questa persona che non solo ha dichiarato il falso, ma ha fatto di tutto per venire qui col virus in corso. Le sembra giusta una cosa del genere? Pensi al danno economico che ha fatto una sola persona infetta. Noi diciamo a tutte le persone che serve il buonsenso: chi decide di fare la vacanza, due giorni prima della partenza si organizza per farsi un test. Scusi eh, ma quando si va in Africa o nei Paesi del Sud America e si fanno i vaccini, tutte queste storie non esistono. Noi chiediamo una sola garanzia: fatevi un certificato, niente di più e niente di meno.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 14/07

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 14/07/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 14/07 delle 19:47

    Metroregione di mar 14/07 delle 19:47

    Rassegna Stampa - 14/07/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 14/07

    Ora di punta di mar 14/07

    Ora di punta – I fatti del giorno - 14/07/2020

  • PlayStop

    Tamarindo di mar 14/07

    Tamarindo di mar 14/07

    Tamarindo - 14/07/2020

  • PlayStop

    E la chiamano Estate di mar 14/07

    E la chiamano Estate di mar 14/07

    E la chiamano Estate… - 14/07/2020

  • PlayStop

    Queer as code di mar 14/07

    Queer as code di mar 14/07

    Queer as code - 14/07/2020

  • PlayStop

    Magic Box di mar 14/07

    Magic Box di mar 14/07

    Magic Box - 14/07/2020

  • PlayStop

    From Genesis to Revelation di mar 14/07

    From Genesis to Revelation di mar 14/07

    From Genesis To Revelation - 14/07/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di mar 14/07

    Note dell'autore di mar 14/07

    Note dell’autore - 14/07/2020

  • PlayStop

    Logos di mar 14/07

    Logos di mar 14/07

    Logos - 14/07/2020

  • PlayStop

    La Febbra di mar 14/07

    La Febbra di mar 14/07

    La febbra - 14/07/2020

  • PlayStop

    Prisma di mar 14/07

    Prisma di mar 14/07

    Prisma - 14/07/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 14/07

    Fino alle otto di mar 14/07

    Fino alle otto - 14/07/2020

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lun 13/07

    Jazz Anthology di lun 13/07

    Jazz Anthology - 14/07/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di lun 13/07

    A casa con voi di lun 13/07

    A casa con voi - 14/07/2020

Adesso in diretta