Approfondimenti

Parigi, attacco vicino all’ex sede di Charlie Hebdo: due feriti

Un attacco terroristico vicino alla vecchia sede di Charlie Hebdo.

A molti è sembrato di rivivere un incubo vecchio di cinque anni questa mattina quando, verso mezzogiorno, un uomo armato di un coltello da macellaio ha attaccato e ferito gravemente due persone davanti al numero sei della rue Nicolas Appert, nel decimo arrondissement di Parigi. Proprio davanti ai vecchi locali di Charlie Hebdo, la redazione del settimanale satirico vittima di un sanguinoso attentato nel gennaio del 2015.

L’uomo, un diciottenne noto alla polizia, è stato rapidamente arrestato vicino alla piazza della Bastille. Le forze dell’ordine hanno anche fermato una seconda persona su indicazione dei testimoni. Si tratta di un trentatreenne che era rimasto nei dintorni della scena del crimine. Per ora gli inquirenti stanno verificando che relazioni avesse con l’assalitore.

Il primo ministro, il Ministro dell’Interno e la sindaca di Parigi sono arrivati sul posto nel primo pomeriggio. Hanno condannato l’attacco vicino alla vecchia sede di Charlie Hebdo ed espresso il loro sostegno alle vittime. Un uomo e una donna, dipendenti di un’agenzia di stampa, che erano usciti per fumare una sigaretta. I due sono gravemente feriti ma non sono in pericolo di vita.
Insieme ai rappresentanti delle istituzioni ha preso la parola il procuratore antiterrorismo che sta seguendo l’inchiesta per tentato omicidio. Se al momento ci sono poche certezze sul profilo dell’indagato, gli inquirenti non hanno dubbi che si tratti di un attentato. Intanto per il luogo, altamente simbolico, in cui è avvenuto, ma soprattutto per il contesto. Il 2 settembre, infatti, si è aperto il processo per gli attentatati del gennaio 2015 a Charlie Hebdo e all’Hyper Cacher, rivendicati da Al-Quaida nella penisola arabica.

Le vignette del 2015 erano state ripubblicate recentemente

Proprio il giorno della prima udienza, Charlie Hebdo ha deciso di ripubblicare le vignette su Maometto che avevano fornito ai terroristi islamici il movente per uccidere dodici tra giornalisti, disegnatori e dipendenti del settimanale. Una scelta che ha provocato l’ira di Al-Quaida, che ha rinnovato le sue minacce al giornale.

La redazione di Charlie vive ancora sotto scorta e riceve quotidiane minacce di morte via mail, posta e social network ma con l’apertura del processo la situazione è diventata sempre più tesa. La settimana scorsa la direttrice delle risorse umane ha lasciato in fretta e furia casa sua per il rischio concreto di un attacco. L’attentato di oggi colpisce quindi un nervo scoperto e riesuma un trauma collettivo. Le numerose testimonianze di solidarietà in arrivo in queste ore non basteranno a placare.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 12/05/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 05/12/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 12/05/21 delle 19:49

    Metroregione di mer 12/05/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 05/12/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 12/05/21

    Jazz Ahead di mer 12/05/21

    Jazz Ahead - 13/05/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mer 12/05/21

    News Della Notte di mer 12/05/21

    News della notte - 05/12/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 12/05/21

    A casa con voi di mer 12/05/21

    A casa con voi - 05/12/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 12/05/21

    Ora di punta di mer 12/05/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 05/12/2021

  • PlayStop

    Esteri di mer 12/05/21

    1- Le operazioni militari a Gaza continueranno. L’annuncio del governo israeliano a poche ore dall’arrivo dell’emissario di Joe Biden. Nello…

    Esteri - 05/12/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di mer 12/05/21

    Sunday Blues di mer 12/05/21

    Sunday Blues - 05/12/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di mer 12/05/21

    Uno di Due di mer 12/05/21

    1D2 - 05/12/2021

  • PlayStop

    Jack di mer 12/05/21

    Ospite della puntata Zibba intervistato da Matteo Villaci

    Jack - 05/12/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 12/05/21

    Si parla con Isabella Pratesi, direttrice Conservazione WWF Italia della campagna di sms solidali 45585 SOS Leone per combattere il…

    Considera l’armadillo - 05/12/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mer 12/05/21

    Stay Human di mer 12/05/21

    Stay human - 05/12/2021

  • PlayStop

    Memos di mer 12/05/21

    Democrazia europea cercasi. Il 9 maggio scorso, festa dell’Europa, c’è stato il lancio della “Conferenza per il futuro dell’Europa”. Un’assemblea…

    Memos - 05/12/2021

  • PlayStop

    Roberto Escobar, Il mondo di Woody

    ROBERTO ESCOBAR - IL MONDO DI WOODY - presentato da BARBARA SORRENTINI

    Note dell’autore - 05/12/2021

  • PlayStop

    Cult di mer 12/05/21

    ira rubini, cult, ruben jais, la verdi dal vivo, tatiana oleaer, nuovi incorci 21, scuola di teatro paolo grassi milano,…

    Cult - 05/12/2021

  • PlayStop

    Doppio Click di mer 12/05/21

    ATT su iPhone: tutti bloccano il tracciamento; aggiornamento privacy di Whatsapp; Signal trolla Facebook; anche Google Play migliora la privacy;…

    Doppio Click - 05/12/2021

  • PlayStop

    Prisma di mer 12/05/21

    Aggiornamenti da Gaza e un'analisi della situazione tra Israele e Palestina con Davide Lerner. Riunione Stato Regioni su riaperture, ne…

    Prisma - 05/12/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 12/05/21

    Rassegna stampa internazionale di mer 12/05/21

    Rassegna stampa internazionale - 05/12/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 12/05/21

    Il demone del tardi - copertina di mer 12/05/21

    Il demone del tardi - 05/12/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 12/05/21

    Fino alle otto di mer 12/05/21

    Fino alle otto - 05/12/2021

Adesso in diretta