Approfondimenti

Una palma d’oro che fa ridere

Palma d’oro a sorpresa a “The Square” di Ruben Ostlund, il regista svedese già conosciuto per “Forza maggiore” e che ha vinto con un film divertente che descrive il cinismo di un gallerista d’arte, costretto a fare i conti con una serie di sfortune che gli cascano addosso.

C’erano film migliori in questa 70ª edizione tanto, forse un po’ troppo vilipesa dalla critica.  Un’edizione che per ansia di celebrazione ha costruito un festival specchio dei tempi, con una selezione senza maestri (a parte Michael Haneke, che poteva stare tranquillamente fuori concorso), ma con registi ancora ‘giovani’ e con un cinema che mescola ricerca e passione per i film, soprattutto del passato (si pensi a Hazanavicius o a Todd Haynes, a Ozon e a Doillon).

Inoltre, la scelta di proporre le prime nuove puntate di “Twin Peaks” di David Lynch e la sfida di prendere in concorso due film prodotti per Netflix.

Tornando al palmarès, giusto il premio all’attrice Diane Kruger che dedica la palma a tutte le vittime del terrorismo, tema trattato nel film di cui lei è protagonista, “In the fade” di Fatih Akin.

Inspiegabili due premi a Lynne Rimsey: uno per l’attore Joaquin Phoenix, l’altro per la sceneggiatura confusa del film “You were never really here” in ex aequo con il regista greco Yorgos Lanthimos per il bel film “The killing of the sacred deer”.

Giusto il Premio della Giuria al russo Zvyaginstev, che con “Nelyubov-Senza amore” meritava la Palma d’Oro. Così come Robin Campillo, favorito fino all’ultimo alla Palma d’Oro e sostenuto fino all’ultimo dal Presidente della giuria Pedro Almodovar, si accontenta del Gran Prix, per il suo intenso dramma sull’Aids in “120 battiti al minuto“.

Azzeccata e perfetta la regia di Sofia Coppola per “L’Inganno” e inevitabile il premio Speciale 70esimo all’attrice australiana Nicole Kidman.

  • Autore articolo
    Barbara Sorrentini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 28/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 28/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 28/06/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 28/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Di tutto un boh di martedì 28/06/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 28/06/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 28/06/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 28/06/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 28/06/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 28/06/2022

  • PlayStop

    La GKN lombarda: la storia della Cromoplastica di Verdellino

    Lo scorso fine settimana la proprietà della Maier Cromoplastica di Verdellino ha portato via, nottetempo, alcuni macchinari necessari alla produzione…

    Clip - 28/06/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di martedì 28/06/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 28/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 28/06/2022 delle 12:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 28/06/2022

  • PlayStop

    Avni Doshi, Zucchero bruciato

    AVNI DOSHI - ZUCCHERO BRUCIATO – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28/06/2022

  • PlayStop

    Cult di martedì 28/06/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: la libraia Mariana Marenghi parla del contest…

    Cult - 28/06/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 28/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 28/06/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di martedì 28/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 28/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 28/06/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 28/06/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di martedì 28/06/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 28/06/2022

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 28/06/2022

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate…

    From Genesis To Revelation - 28/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 27/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 28/06/2022

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 27/06/2022

    Le Nina’s Drag Queen raccontano cos'è „Tutta mia la città“, Oliviero Ponte di Pino svela le sorprese del PNRR in…

    Il Suggeritore Night Live - 28/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 27/06/2022

    1--Attentati di Parigi. Dopo 9 mesi di udienze si è chiuso oggi il processo del secolo. Nella sua ultima dichiarazione,…

    Esteri - 28/06/2022

  • PlayStop

    The Game di lunedì 27/06/2022

    1) G7, colpire le entrate di Putin. E’ l’obiettivo di nuove sanzioni e dell’ipotesi del price cap. Il commento dell’economista…

    The Game - 28/06/2022

Adesso in diretta