Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mer 22/01 delle ore 13:30

    GR di mer 22/01 delle ore 13:30

    Giornale Radio - 22/01/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 22/01

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 22/01/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 22/01 delle 07:16

    Metroregione di mer 22/01 delle 07:16

    Rassegna Stampa - 22/01/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 16/01

    Il caso dell'ospedale di Abbiategrasso; caso disabilità e ATM; le domande degli ascoltatori.

    37 e 2 - 22/01/2020

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 09/01

    Le liste di attesa; accessibilità alle piattaforme on line della sanità; il caso Zarotin.

    37 e 2 - 22/01/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 22/01 (prima parte)

    Cult di mer 22/01 (prima parte)

    Cult - 22/01/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 22/01 (seconda parte)

    Cult di mer 22/01 (seconda parte)

    Cult - 22/01/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 22/01

    Considera l'armadillo mer 22/01

    Considera l’armadillo - 22/01/2020

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di lun 20/01/2020 - Eminem

    EMINEM

    Jailhouse Rock - 22/01/2020

  • PlayStop

    Radio Session di mer 22/01

    Radio Session di mer 22/01

    Radio Session - 22/01/2020

  • PlayStop

    AVENIDA BRASIL - 19/01/20

    Playlist: 1.Transmutaçao, Guilherme Kastrup, Punto di Mutaçao, 2018 2. Giuramento (versione di G. Barbieri per Rosa di Pixinguinha e Otavio…

    Avenida Brasil - 22/01/2020

  • PlayStop

    Stile Libero: Culture in Movimento 21-01-20

    Andrea Vercesi, Jethro Tull, Jonathan Wilson, Jama, John Fogerty and Bruce Springsteen, Frank Zappa

    Stile Libero - 22/01/2020

  • PlayStop

    Memos di mer 22/01

    Memos di mer 22/01

    Memos - 22/01/2020

  • PlayStop

    Tazebao di mer 22/01

    Tazebao di mer 22/01

    Tazebao - 22/01/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di mer 22/01

    Note dell'autore di mer 22/01

    Note dell’autore - 22/01/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 22/01/2020 (seconda parte)

    Cult di mer 22/01 (seconda parte)

    Cult - 22/01/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 22/01/2020 (prima parte)

    Cult di mer 22/01 (prima parte)

    Cult - 22/01/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di ven 10/01

    SANDRONE DAZIERI - LA DANZA DEL GORILLA - Presentato da:BARBARA SORRENTINI

    Note dell’autore - 22/01/2020

  • PlayStop

    L'altro martedì 21/01/20

    40 anni in diretta! 1980-2020..Conduce Eleonora Dall’Ovo..A teatro chi non perdere. Tutti gli spettacoli che parlano di noi...Stefano Paolo Giussani…

    L’Altro Martedì - 22/01/2020

  • PlayStop

    Barrilete Cosmico di mer 22/01

    Barrilete Cosmico di mer 22/01

    Barrilete Cosmico - 22/01/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 22/01 (terza parte)

    Prisma di mer 22/01 (terza parte)

    Prisma - 22/01/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 22/01 (seconda parte)

    Prisma di mer 22/01 (seconda parte)

    Prisma - 22/01/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 22/01 (prima parte)

    Prisma di mer 22/01 (prima parte)

    Prisma - 22/01/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

Palestina al bivio, unità contro Israele

La Palestina è sempre più sola. Il governo israeliano si è fortificato dopo l’elezione di Donald Trump in America e porta avanti una strategia che allontana la prospettiva di una soluzione a due stati. Il governo palestinese, intanto, fa i conti con i suoi problemi interni. Mustafa Barghouti, leader del partito Iniziativa nazionale palestinese (Pni), è stato ospite a Milano del Festival “Palestina Terra mia” e ci ha raccontato com’è la situazione.

La situazione è molto pericolosa – ha detto Mustafa Barghouti – principalmente perché il governo israeliano è vicino e molto supportato dall’amministrazione del presidente Trump. E le attività dei coloni sono in fermento. In più, abbiamo un problema sempre più serio di violazione dei diritti umani: ogni giorno ci sono molte persone che vengono arrestate dai soldati israeliani senza motivo, specialmente ragazzini. Quindi siamo molto preoccupati, perché nei prossimi giorni sono previste una serie di marce pacifiche di protesta contro l’occupazione e abbiamo paura che la reazione di Israele sarà violenta. La situazione direi che è esplosiva”.

Anche a Gaza la situazione è tesa soprattutto dopo il fallito attentato al primo ministro palestinese Rami Hamdallah che viaggiava su un convoglio all’altezza di Beit Hanun. L’Autorità nazionale palestinese, guidata dal presidente Abu Mazen, ha accusato Hamas di essere responsabile dell’attacco ma l’organizzazione ha negato di essere coinvolta. Tra le due fazioni non c’è serenità nonostante l’accordo per la riconciliazione siglato a dicembre con la mediazione egiziana. Ma Hamas non ha per il momento ceduto i poteri di Gaza al premier palestinese come invece era previsto.

Questo attacco è un crimine – ha affermato Barhouti – ed è stato condannato da tutti i palestinesi, tutti i gruppi, senza eccezione e pensiamo che sia stato compiuto da chi non vuole l’unità palestinese perché favorisce l’occupazione israeliana. Questo attacco è inaccettabile – ha aggiunto – e mette in pericolo la riconciliazione tra Hamas e Fatah che è molto tesa ma l’unica soluzione per stemperare tutto questa è tornare indietro a un sistema democratico, dobbiamo creare un sistema partecipativo di condivisione del potere e dobbiamo fare in modo che la gente possa scegliere i propri leader democraticamente. Ora siamo a un bivio. La soluzione è accettarci gli uni gli altri, perché nessun partito in Palestina può farcela da solo, nè nel West Bank né in Gaza”.

Qualche giorno fa la sedicenne Ahed Tamimi è stata condannata a 8 mesi di carcere solo per aver schiaffeggiato un soldato ed è diventata un simbolo della resistenza palestinese ma come la sua ci sono centinaia di altre storie.

Lo ha confermato il leader di Pni:

Ci sono oltre 215 bambini nelle carceri israeliane al momento. La giustizia israeliana è razzista, non è giustizia. Solo per darmi un’idea. Ahed è stata condanna a 8 mesi per uno schiaffo, mentre il soldato israeliano che a Hebron ha ammazzato un ragazzino senza motivo è stato condannato a 9 mesi di prigione.

Mustafa-Barghouti

  • Autore articolo
    Bianca Senatore
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni