Approfondimenti

Open Arms, salvati dal naufragio 253 migranti. Il racconto di Riccardo Gatti

Open Arms Salvataggio Migranti

Riccardo Gatti, capo missione di Open Arms, è intervenuto oggi a Prisma per raccontare il dramma dell’ultima notte di salvataggi nel Mediterraneo centrale, la quasi totale assenza di collaborazione da parte delle autorità e la lunga attesa per un porto sicuro in cui approdare e far sbarcare i 253 migranti attualmente a bordo.

L’intervista di Lorenza Ghidini e Claudio Jampaglia a Prisma.

Abbiamo letto che i soccorsi di ieri sono stati veramente drammatici. Ci racconta questa giornata che si è conclusa con l’ennesimo soccorso?

Sì, purtroppo questa è la realtà di quello che succede nel Mediterraneo centrale. È stato un soccorso drammatico anche dal giorno prima. Noi stavamo cercando questa imbarcazione tra tante altre dalla mattina del giorno prima e l’abbiamo trovata ieri solo perché abbiamo ricevuto l’indicazione da un aereo di Frontex. Una volta che siamo arrivati abbiamo proceduto, come sempre, a mettere in sicurezza le persone e passare loro i salvagente. Mentre stavamo finendo di passare i salvagente si è sfondato il suolo di questa imbarcazione. Da lì un centinaio di persone sono finite in acqua. Potete immaginare cosa vuole dire. Più di cento persone in acqua, due lance da soccorso che hanno a bordo quattro soccorritori. La situazione è diventata subito tragica. Siamo riusciti a soccorrerle tutte. Sei di queste persone sono entrate in arresto cardio-respiratorio. Cinque si sono riprese, ma una non ce l’ha fatta, il piccolo Joseph. Altre cinque le abbiamo trovate annegate fin da subito.
Quando poi abbiamo fatto rotta verso nord per incontrarci con le imbarcazioni e gli elicotteri della Guardia Costiera per procedere alle evacuazioni mediche ci siamo imbattuti in un altro barcone e da lì abbiamo dovuto procedere al soccorso di altre 64 persone.

Come stanno queste persone? E dove vi state dirigendo?

La nottata è passata praticamente quasi senza dormire, stiamo procedendo ancora con il triage e il controllo medico delle persone che non erano in situazione critica. La nottata è stata veramente dura e adesso siamo nelle vicinanze di Lampedusa, fuori dalle acque territoriali. Mezz’ora fa abbiamo richiesto per la seconda volta il porto di sbarco. Adesso abbiamo a bordo 253 persone e cinque cadaveri. Quello del piccolo Joseph è stato evacuato ieri grazie all’aiuto della Guardia Costiera italiana che ringraziamo davvero perché sembrava di essere tornati indietro nel tempo con un livello di appoggio e collaborazione che contraddistingueva tutte le operazioni fino al 2017.

Da parte dei governi continua ad esserci una chiara volontà di non intervenire. Non è cambiato nulla negli ultimi nove mesi?

Ora come ora dire che è cambiato qualcosa è irreale. Sì, ieri per la prima volta da anni c’è stato un cambiamento: un aereo di Frontex ha segnalato. Negli anni quello che era altamente funzionante è scomparso, è stato distrutto. Tutto è iniziato a cambiare quando il Ministro dell’Interno era Minniti ed iniziò a fare degli accordi con la Libia. Da lì, parallelamente alla criminalizzazione delle ONG, è venuto meno questo coordinamento. E adesso come adesso purtroppo non c’è nessuno. Le uniche informazioni, quando arrivano, sono informazioni di Alarm Phone che allerta le autorità competenti e ci mette in copia. Se non fosse così grave si potrebbe dire che è qualcosa di assurdo.
La cosa veramente preoccupante è che le autorità sanno dove sono le imbarcazioni da soccorrere perchè questi assetti sono gli stessi che poi passano le informazioni alla sedicente guardia costiera libica per far sì che vengano intercettate. Questa sorta di respingimenti collettivi per procura è il sistema che si è portato avanti in questi giorni. Stranamente ieri un assetto di Frontex ha fatto quello che dovrebbe fare per obbligo normativo: allertare l’imbarcazione più vicina che può dedicarsi al soccorso in mare.

(Potete ascoltare l’intervista a partire dal minuto 4)

Foto dalla pagina Facebook di Open Arms

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 25/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 25/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 25/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 25/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 25/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 25/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 25/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Rassegna stampa internazionale - 25/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 25/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di mercoledì 25/05/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 25/05/2022

  • PlayStop

    Hexagone di mercoledì 25/05/2022

    Un viaggio alla scoperta della musica francofona con Alberto Visconti. Alberto Visconti, già voce e leader del gruppo L’Orage, propone…

    Hexagone - 25/05/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di martedì 24/05/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 25/05/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di martedì 24/05/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 25/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 24/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/05/2022

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 24/05/2022

    Dal 14 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantunesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare…

    L’Altro Martedì - 25/05/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 24/05/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 25/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 24/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 24/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 24/05/2022

    - Guerra In Ucraina. La Russia comincia ad ammettere in modo implicito le sue difficoltà sul campo. - Cina. ”'sparare…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 24/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 24/05/2022

    1) “La pandemia ha avuto effetti di rilevanza storica, che vanno al di là di quelli sanitari, ovviamente importanti”. Parla…

    The Game - 25/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 24/05/2022

    Dove ci si getta sull'attualità raccontando, con ascoltatori e ascoltatrici, la grandinata che sta colpendo il nord di Milano. Poi…

    Muoviti muoviti - 25/05/2022

  • PlayStop

    Intervista a Emilio Isgrò di Tiziana Ricci

    Ricordiamoci cosa significa la cancellatura per Emilio Isgrò: non significa annullare, nascondere, togliere di mezzo, bensì esaltare un testo, proteggerlo,…

    Clip - 24/05/2022

Adesso in diretta