Approfondimenti

Omotransfobia, cosa aspettarsi dalla Legge Zan? Parla Fabrizio Marrazzo

Camera dei Deputati - Legge Zan

Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center di Roma, è intervenuto a Radio Popolare nelle ore in cui alla Camera è partita la discussione sulla Legge Zan contro l’omotransfobia. L’intervista di Barbara Sorrentini a Fino Alle Otto.

Come vi state preparando per affrontare la discussione di oggi sulla Legge contro l’omotransfobia?

Noi adesso stiamo analizzando le novità del giorno perché abbiamo appreso solo ieri che ci saranno ben 7 emendamenti che verranno presentati dalla maggioranza. Uno di questi dovrebbe accogliere le nostre istanze. Quelle che incidono, in particolare sull’articolo 3 della Legge Zan, che noi abbiamo più volte definito “salva omofobi”. Senza le nostre modifiche quell’articolo va a depotenziare la Legge in quanto consentirebbe e farebbe diventare lecite le affermazioni che si basano sulle proprie convinzioni. Ad esempio, ci sono persone convinte, a qualunque titolo e grado dal docente all’operaio, che l’omosessualità sia una malattia. Bene, senza le modifiche, loro possono dire quello che vogliono essendo tutelati da questo articolo. Noi abbiamo fatto tutta una serie di proteste contro questo articolo. Il 17 ottobre eravamo in 50 piazze d’Italia per reclamare l’ingiustizia dell’articolo 3. Oggi la maggioranza ha affermato la presenza di 7 emendamenti e noi li vogliamo vedere.

Gli altri aspetti vi convincono? Cosa vi aspettate dalla discussione di oggi? Mi riferisco in particolare ai parlamentari come Meloni che daranno battaglia.

Noi sappiamo che la maggioranza alla Camera ha numeri ampi. Le opposizioni possono fare quello che vogliono. Se la maggioranza vuole approvare il testo può farlo con grande serenità. Il problema è che ci sono dissidi interni alla stessa maggioranza. I cosiddetti catto-dem sono contrari all’introduzione di questa Legge. Lo stesso articolo 3 nasce per trovare un compromesso. Questa legge in realtà sarebbe un’estensione della legge Mancino contro la diffusione dell’odio. Molti atti antisemiti sono stati perseguibili grazie alla parte della legge sul contrasto alla propaganda d’odio. Questo articolo per le persone Lgbt è stato eliminato e in più è stato aggiunto il controverso articolo 3 che addirittura rende lecite le frasi omofobe. Quindi c’è questo grosso nodo da risolvere. Poi c’è la questione dei centri antiviolenza del fondo per le vittime dell’omofobia che per fortuna è stato introdotto nella finanziaria grazie al supporto della senatrice Maiorino, quindi sarebbe operativo indipendentemente dall’approvazione della legge sull’omofobia. Poi è ovvio, è un fondo ancora abbastanza piccolo. Si parla di 30/50.000 euro per capoluogo di provincia. Non basteranno certo, soprattutto in una realtà come Milano. Ma è comunque un segnale, un primo passo. Quello che vogliamo ribadire è che le vittime non è che denunciano perché c’è la legge ma chiedono sostegno solo se ci sono elementi concreti. Come per la questione della violenza sulla donne. Molte di loro non denunciano, ma usufruiscono dei servizi di case famiglia o di centri anti-violenza per cambiare vita.
Per quello che riguarda il dibattito di oggi, oltre alla presentazione dei 7 emendamenti, c’è la votazione delle pregiudiziali di costituzionalità. Queste sono a scrutinio segreto ma sia oggi che domani non ci aspettiamo sorprese. Speriamo che nel segreto dell’urna non ci siano ripensamenti.

Quindi la Legge Zan potrebbe già andare al voto tra oggi e domani?

Tra oggi e domani dovrebbe superare le questioni di pregiudizialità. Poi la prossima settimana dovrebbe esserci la discussione e la votazione degli emendamenti. Ecco, questa è la fase più delicata perché vogliamo capire se queste modifiche migliorano effettivamente la legge. Sappiamo che oltre a quelli della maggioranza ci sono migliaia di emendamenti presentati dall’opposizione. Non li abbiamo ancora vista ma ecco crediamo che siano peggiorativi. Ecco, la situazione degli emendamenti è importante perché leggi contro l’omofobia erano già in precedenza passate alla Camera. Ma erano diventate, con le modifiche, leggi che anziché tutelare le vittime discriminate andava semplicemente a dare un lascia passare agli omofobi. Queste leggi si sono poi arenate in Parlamento perché non producevano nulla di positivo.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 04/12/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 12/04/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 04/12/20 delle 07:16

    Metroregione di ven 04/12/20 delle 07:16

    Rassegna Stampa - 12/04/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 04/12/20

    Ora di punta di ven 04/12/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 12/04/2020

  • PlayStop

    Follow Friday di ven 04/12/20

    Follow Friday di ven 04/12/20

    Follow Friday - 12/04/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di ven 04/12/20

    Uno di Due di ven 04/12/20

    1D2 - 12/04/2020

  • PlayStop

    Jack di ven 04/12/20

    Jack di ven 04/12/20

    Jack - 12/04/2020

  • PlayStop

    Stay Human di ven 04/12/20

    Stay Human di ven 04/12/20

    Stay human - 12/04/2020

  • PlayStop

    Memos di ven 04/12/20

    Covid-19, tra vaccini e cause profonde. Utilizzare i primi, senza rimuovere le seconde. L’arrivo più o meno certificato dei primi…

    Memos - 12/04/2020

  • PlayStop

    Massimo Filippi ed Enrico Bonacelli, Divenire invertebrato

    MASSIMO FILIPPI ED ENRICO BONACELLI - DIVENIRE INVERTEBRATO - presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 12/04/2020

  • PlayStop

    Cult di ven 04/12/20

    Cult di ven 04/12/20

    Cult - 12/04/2020

  • PlayStop

    C'e' Luce di ven 04/12/20

    Agnese Bertello, facilitatrice, esperta di progettazione partecipata, dibattito pubblico e processi deliberativi, ci spiega come lavora la convenzione dei cittadini…

    C’è luce - 12/04/2020

  • PlayStop

    Prisma di ven 04/12/20

    Prisma di ven 04/12/20

    Prisma - 12/04/2020

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 04/12/20

    Il Giorno Delle Locuste di ven 04/12/20

    Il giorno delle locuste - 12/04/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di ven 04/12/20

    Il demone del tardi - copertina di ven 04/12/20

    Il demone del tardi - 12/04/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 04/12/20

    Fino alle otto di ven 04/12/20

    Fino alle otto - 12/04/2020

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 03/12/20

    Rotoclassica di gio 03/12/20

    Rotoclassica - 12/04/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di gio 03/12/20

    con Alessandro Diegoli. - punto con metro..- il panettone equo e solidale del Garabombo..- Margherita Redaelli da Bruxelles..- Marco Schiaffino…

    A casa con voi - 12/03/2020

Adesso in diretta