Approfondimenti

Oltre 100mila contagi sul lavoro: lo certificano i dati parziali l’Inail

contagi lavoro

Hanno superato i 100.000 i contagi sul lavoro certificati dall’Inail. Il 70% riguardano donne. Gli infortuni riconosciuti durante la seconda ondata hanno superato quelli della prima. Segno che il tema della sicurezza nei luoghi di lavoro è stato trascurato.
Il rapporto tra contagi e lavoro è un grande rimosso dal discorso pubblico.

A dare una panoramica, seppur parziale e fortemente sottostimata restano i dati Inail, che però non coprono tutti gli ambiti lavorativi, e spesso – denunciano i sindacati – l’infortunio da COVID non viene riconosciuto. Non a caso 7 su 10 arrivano dal settore socio-sanitario, seguiti dagli uffici pubblici.

È clamoroso che gli infortuni siano più numerosi nella seconda ondata, quando ci sarebbe stato tutto il tempo di prepararsi. Anche incentivando lo smart working: rimasto invece un’eccezione nel privato, fortemente diminuito nel pubblico, ed i numeri si vedono. Dai dati Inail praticamente scompare il settore privato: o una sorta di paradiso, o i conti non tornano, eppure solo qualche giorno fa Assolombarda sottolinea come le aziende con assenze da COVID siano state il 56% in Brianza, il 53% a Milano.

La deputata del PD, Chiara Gribaudo sottolinea le carenze di personale di chi dovrebbe controllare, e come siano stati disattesi i punti del protocollo sulla sicurezza sottoscritto da sindacati e parti sociali. Ma proprio il tema dei contagi da lavoro e delle conseguenze è un tema ignorato dalle misure del governo. La Prof.ssa Francesca Russo, capa del dipartimento Prevenzione del Veneto, osserva che nella sua regione l’incremento di contagio più elevato si è avuto fra i 25 e i 64 anni, ma l’incremento di mortalità è nella fascia d’età più alta.

A quali conclusioni arriva La Prof.ssa Russo? Testuali: “Il mondo produttivo si infetta di più e fa da vettore per gli anziani che finiscono in ospedale e talvolta muoiono». In altri termini: si infetta chi lavora, che essendo giovane se la cava, ma poi torna a casa e contagia, a volte uccide, il padre o il nonno. Secondo il virologo Pregliasco il Veneto non si può considerare certo un’eccezione: eppure le misure continuano a concentrarci soltanto su una parte della catena del contagio. Quella che riguarda il lavoro è stata ed è ignorata, e i dati Inail lo dicono con chiarezza.

  • Autore articolo
    Massimo Alberti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 27/01/21 delle 19:47

    Metroregione di mer 27/01/21 delle 19:47

    Rassegna Stampa - 28/01/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Funk shui di gio 28/01/21

    Funk shui di gio 28/01/21

    Funk shui - 28/01/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 27/01/21

    Jazz Ahead di mer 27/01/21

    Jazz Ahead - 28/01/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 27/01/21

    A casa con voi di mer 27/01/21

    A casa con voi - 28/01/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 27/01/21

    Ora di punta di mer 27/01/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 28/01/2021

  • PlayStop

    Esteri di mer 27/01/21

    ..1-Il cambiamento climatico diventerà una priorità di sicurezza nazionale. Joe Biden firmerà una serie di decreti per la riduzione delle…

    Esteri - 28/01/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di mer 27/01/21

    Sunday Blues di mer 27/01/21

    Sunday Blues - 28/01/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di mer 27/01/21

    Uno di Due di mer 27/01/21

    1D2 - 28/01/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 27/01/21

    Considera l'armadillo mer 27/01/21

    Considera l’armadillo - 28/01/2021

  • PlayStop

    Jack di mer 27/01/21

    Jack di mer 27/01/21

    Jack - 28/01/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mer 27/01/21

    Stay Human di mer 27/01/21

    Stay human - 28/01/2021

  • PlayStop

    Memos di mer 27/01/21

    Giorno della Memoria, 27 gennaio 1945 la liberazione del campo di sterminio nazista di Auschwitz. Si ricordano le vittime della…

    Memos - 28/01/2021

  • PlayStop

    Cult di mer 27/01/21

    ira rubini, cult, giorno della memoria 2021, nannerel fiano, università statale di milano, nedo fiano, memoriale shoah milano, tiziana ricci,…

    Cult - 28/01/2021

  • PlayStop

    Matteo Corradini, Luci nella Shoah

    MATTEO CORRADINI - LUCI NELLA SHOAH - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28/01/2021

  • PlayStop

    psicoradio di mar 26/01/21

    Ritrovare l'affetto in RSA - C’era una signora molto apprensiva che spesso videochiamava la madre con skype. Alla madre appariva…

    Psicoradio - 28/01/2021

Adesso in diretta