Approfondimenti

Un cessate il fuoco a Gaza è ancora lontano, le manifestazioni antitetiche di Milano e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di sabato 4 novembre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Una cessazione delle ostilità a Gaza è un lontano miraggio, complice la paura statunitense che un cessate il fuoco giovi ad Hamas; due manifestazioni a Milano hanno espresso punti di vista contrapposti sul tema della guerra in Medio oriente; ancora allerta per piogge e inondazioni in Toscana e nel Nord Italia; è morta a 89 anni la produttrice cinematografica Marina Cicogna.

Un cessate il fuoco a Gaza è ancora lontano

A Gaza, nessun posto è sicuro. Lo ha ribadito oggi il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, dopo 24 ore in cui i bombardamenti israeliani sulla striscia hanno colpito scuole, ospedali e ambulanze. Guterres ha condannato l’attacco di ieri fuori dall’ospedale Al Shifa, dove è rimasto coinvolto anche un convoglio di ambulanze che trasportava feriti verso il valico di Rafah. Oggi, secondo il ministero della salute di Hamas, tre scuole dell’Unrwa sono state colpite.

Secondo la portavoce dell’agenzia dell’Onu per i rifugiati palestinesi,  ci sono anche diversi bambini tra le vittime. L’esercito israeliano ha negato di aver colpito una scuola nel campo di Jabalia, dove sarebbero morte almeno 15 persone, ma ha ammesso che l’esplosione potrebbe essere stata il risultato del fuoco israeliano diretto su un altro obiettivo nelle vicinanze. 

Secondo Israele, poi, Hamas avrebbe sparato con mortai e missili anticarro sulla strada Salah al-Din che l’esercito israeliano aveva lasciato libera per consentire – tra le 13 e le 16 di oggi – lo spostamento della popolazione dal nord al sud di Gaza. Secondo l’esercito di Tel Aviv, questo dimostrerebbe che il gruppo agirebbe per impedire alla popolazione di evacuare. 

La situazione umanitaria nella striscia è gravissima e tutte le organizzazioni umanitarie avvertono che la catastrofe è dietro l’angolo.

Una richiesta di un cessate il fuoco è arrivata oggi anche dai leader arabi che hanno incontrato ad Amman il segretario di stato statunitense Anthony Blinken. 

Blinken ha ribadito la posizione americana, ovvero che un cessate il fuoco sarebbe controproducente perché permetterebbe ad Hamas di riorganizzarsi, ma ha chiesto nuovamente la creazione di pause umanitarie. 

Il segretario di stato americano ha anche fatto sapere che i leader della regione sono d’accordo che lo status quo di Hamas a Gaza non può continuare.

Mattia Serra è ricercatore dell’Ispi per il Medio Oriente

“Restiamo Umani”, lo slogan del corteo milanese per la pace in Palestina

(di Alessandro Braga)

Sono state due piazze antitetiche, non speculari. La distanza reale, poco più di un chilometro. Quello che divide largo Cairoli, dove c’era la manifestazione lanciata dal leader della Lega Matteo Salvini, e piazza Missori, dove si è concluso il corteo organizzato dalla rete “Milano antifascista, antirazzista, meticcia e solidale” per dire “stop war, stop racism”. La distanza ideale, molta di più. 

Se voleva essere una sfida, il risultato è stato netto. Per il milanista Salvini, una sconfitta come quella della sua squadra del cuore nell’ultimo derby, e senza nemmeno il gol della bandiera. In piazza per la difesa dei valori dell’Occidente e contro il fanatismo jihadista c’erano alcune centinaia di persone, poco più di mille. Il segretario della Lega ha abbandonato i toni barricaderi e bellicosi che qualcuno poteva aspettarsi, per vestire i panni del pacificatore. “Siamo in piazza per dimostrare che non abbiamo paura”, ha detto il leader leghista ringraziando chi ha manifestato. Prima di lui, negli interventi di altri esponenti leghisti, la solita retorica della sicurezza e della lotta all’invasione e poco più. A poche centinaia di metri invece le migliaia di persone che hanno sfilato contro tutte le guerre, con i palestinesi in prima fila, a chiedere la fine del massacro a Gaza. Un corteo rumoroso, con anche della rabbia per quello che sta accadendo in Palestina, ma che, e a qualcuno non sarà piaciuto, non ha lasciato adito a interpretazioni faziose. Alla fine, la richiesta era scritta sulla bandiera palestinese che apriva il corteo: restiamo umani.

Ancora allerta arancione in Toscana dove si contano sette morti per l’alluvione

Sarà ancora allerta arancione sulla regione, dove nelle prossime ore sono attese altre piogge e temporali. Molte zone sono allagate, migliaia le utenze senza luce, a Prato e in altri comuni sono state evacuate centinaia di persone dalle zone più a rischio. Il bilancio delle vittime è salito a 7.

Chiara Brilli, Controradio Firenze: 

Piogge, temporali e vento forte sono attesi su gran parte dell’Italia, compreso il Sud.

La protezione civile ha aggiornato le allerte meteo. Oltre alla Toscana, sarà allerta arancione in Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Veneto e Liguria. Allerta gialla in altre 15 regioni. L’efficacia del sistema di prevenzione e allarme meteo resta al centro del dibattito. Al meteorologo Carlo Cacciamani, direttore di ItaliaMeteo ed ex dirigente della protezione civile, abbiamo chiesto se il sistema tiene conto di condizioni climatiche profondamente mutate negli anni. 

Addio alla produttrice cinematografica Marina Cicogna

(di Barbara Sorrentini)

La chiamavano la “contessa di Cinecittà” per il suo forte legame con il cinema e per la dinastia da cui discendeva. Nipote del conte Giuseppe Volpi di Misurata, ex Ministro delle Finanze e di Confindustria fu il fondatore nel 1932 della Mostra d’Arte Cinematografica al Lido di Venezia, dando il nome alla Coppa Volpi che viene tuttora consegnata come Premio per il miglior attore e la miglior attrice. Il padre di Marina invece, Cesare Cicogna era stato co-produttore di Ladri di biciclette. Con questo carico sulle spalle Marina ha sempre lavorato nel mondo del cinema. Nata nel 1934 a Roma, ha vissuto tra la Capitale, Milano e Cortina frequentando l’alta borghesia degli imprenditori e la dolce vita romana. Quindi con i soldi e la visione artistica, unite alle conoscenze dei più grandi produttori hollywoodiani dell’epoca, è sempre riuscita a portare alla luce film molto celebri: Pasolini, Visconti, i film con Alberto Sordi, Sergio Leone. Con Elio Petri vinse nel ‘71 l’Oscar con Indagine al di sopra di ogni sospetto e l’anno dopo la Palma d’oro con La classe operaia va in paradiso. Marina Cicogna ha fatto molto parlare di sé per le sue relazioni, come quella ventennale con l’attrice Florinda Bolkan e un flirt giovanile con Alain Delon, Franco Rossellini e l’ultima compagna di vita Benedetta Gardona. Nel 2023 ha ricevuto il David di Donatello alla Carriera, insieme all’uscita della sua autobiografia Ancora spero. Una storia di vita e cinema.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 24/02 13:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Good Times di sabato 24/02/2024

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli appuntamenti fissati dal calendario, ma anche le occasioni offerte dall’ozio. Un dispenser di proposte e suggestioni per vivere al meglio il proprio tempo libero. Tutti i sabati, dalle 11.30 alle 13, Good Times è il nostro viaggio nelle proposte del fine settimana. E insieme il nostro augurio per trascorrere giorni belli e momenti felici. Conduce Elena Mordiglia.

    Good Times - 24-02-2024

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 24/02/2024 - ore 11:30

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 24-02-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 24/02/2024

    Nel rugby il terzo tempo è il dopo partita, quando gli animi si rilassano, si beve e si mangia insieme: questo è lo spirito con cui nasce questa trasmissione, che potrebbe essere definita una sorta di “spin off” di Esteri – in onda tutte le sere dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 19:30 – oppure, prendendo in prestito la metafora sportiva, un “terzo tempo” di Esteri. Sarà una mezz’ora più rilassata rispetto all’appuntamento quotidiano, ricca di storie e racconti, ma anche di musica. A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 24/02/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 24-02-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 24/02/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 24-02-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 24/02/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 24-02-2024

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 24/02/2024

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda le scorribande musicali dei due suonatori d’ottone in giro per la città, assecondate da artisti formidabili e straordinari.

    Slide Pistons – Jam Session - 23-02-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 23/02/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 23-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 23/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-02-2024

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 23/02/2024

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di Bologna e l’associazione Arte e Salute Onlus. Il progetto PSICORADIO è composto da due momenti intrecciati: un corso di formazione per operatori radiofonici rivolto a utenti dei servizi psichiatrici del dipartimento di salute mentale di Bologna e provincia, tenuto da professionisti della comunicazione guidati dalla direttrice della testata, prof. Cristina Lasagni (Università della Svizzera italiana). una testata radiofonica, Psicoradio, regolarmente registrata al tribunale di Bologna, che si occupa dei temi della salute mentale. I programmi di Psicoradio privilegiano i territori della psiche nei suoi incroci con il sociale e la cultura. Tutti gli argomenti – dalla cronaca all’arte – sono guardati da un punto di vista prevalentemente psicologico. Nelle trasmissioni si incrociano vari registri: poetici, informativi, ironici, scientifici, narrativi, autobiografici, assieme alle voci di chi la sofferenza psichica la sta attraversando. l corso di formazione per operatori radiofonici, articolato in tre anni, è tenuto da professionisti della comunicazione, della cultura, dell’arte, della psichiatria. Nel corso si apprendono i saperi classici del “fare radio”: quelli tecnici (registrazione, montaggio, regia); quelli giornalistici (l’intervista, l’inchiesta, ecc); quelli che servono per ideare e costruire una trasmissione, un palinsesto; e ciò che riguarda la programmazione musicale. Oltre ai contenuti prettamente comunicativi il corso aggiunge ambiti “psi”: per esempio, la psichiatria e la psicologia, nelle loro storie ed evoluzioni, ma anche terreni meno conosciuti ma oggi importanti come quelli dell’etnopsichiatria. Nei primi 5 anni di attività Psicoradio ha realizzato più di 220 trasmissioni nazionali, circa 20 trasmissioni per altre testate e 20 trasmissioni in diretta. Ha anche realizzato campagne di sensibilizzazione e comunicazione e convegni su temi cari alla redazione: nel 2008 la ricerca Follia scritta, sulle parole della salute mentale nella stampa nazionale, nel 2010 la campagna Basaglia piace solo in tv?, per la difesa della legge 180 e contro alcuni progetti di legge di modifica e nel 2011 Cronisti della mente, incontro delle radio che trattano la salute mentale.

    Psicoradio - 23-02-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 23/02/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-02-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 23/02/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-02-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 23/02/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 23-02-2024

Adesso in diretta