Approfondimenti

La frana di Ischia, il corteo di Roma contro la violenza sulle donne e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di sabato 26 novembre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Disastro ambientale a Ischia dove per una frana ci sono vittime e danni ingenti, a Roma sfila il corteo contro la violenza sulle donne, ancora più di centomila persone senza luce a Kiev, muore improvvisamente il ministro degli esteri bielorusso, nuovo aumento in vista per i biglietti dei mezzi pubblici milanesi, addio a Irene Cara star di Fame e Flashdance.

Un morto e almeno dieci dispersi per la frana sull’isola di Ischia

Una vittima accertata e 12 dispersi è il bilancio della frana che ha colpito Ischia nella località di Casamicciola, una tragedia che ha come causa immediata e forti piogge della scorsa notte ma che colpisce una zona ad alto rischio idrogeologico dove negli anni non è stato fatto nulla per prevenire tragedie come quella di oggi.

“C’è un morto, una decina i dispersi” è la dichiarazione del Prefetto di Napoli il quale ha convocato una riunione alla quale hanno partecipato diversi esponenti del governo, da Meloni in videoconferenza a Tajani e Sangiuliano in presenza a Napoli. Una passerella. Salvini invece da Milano aveva lanciato la notizia di otto morti, prima di essere smentito. Non si è parlato invece del dissesto idrogeologico della zona.

Noi abbiamo raggiunto il giornalista Pasquale Racalco che si trova a Ischia:

 

In piazza a Roma contro la violenza sulle donne

(di Anna Bredice)

Il rumore delle chiavi di casa e poi il grido muto, sono stati i momenti più significativi insieme alle tante voci di donne che hanno testimoniata dal corteo che ha attraversato oggi un pezzo di Roma, sotto un cielo grigio che poi si è aperto al sereno. Il suono dei mazzi di chiavi sventolati si è sentito in tutto il percorso, un modo per richiamare l’attenzione sulle violenze che molto spesso avvengono in casa oppure il suono, raccontavano oggi, di quando torniamo a casa da sole la sera per farci coraggio. Nella grande piazza a metà del percorso, a Santa Maria Maggiore, le decine di migliaia di persone si sono sedute a terra per un minuto per il grido muto, un minuto di silenzio dedicato a tutte le donne uccise, e poi il grido liberatorio di “Non una di meno”. Un grande corteo con tanti striscioni, cartelli, moltissimi giovani, quasi la maggioranza, studentesse, ventenni, e molti ragazzi che camminavano con loro. Le studentesse lamentano la mancanza di educazione all’affettività nelle scuole, è uno degli obiettivi mancati anche in questa manovra economica. In uno striscione in mezzo al corteo anche il nome di Giorgia Meloni, “noi ti faremo la guerra”, era scritto, sotto accuse le politiche e le idee di un governo di destra, con una visione patriarcale che rischia di togliere ciò che le donne hanno ottenuto. Tantissime attiviste di centri antiviolenza nel corteo, il loro racconto dice molto delle attività sul territorio svolte soprattutto da volontari, ma con mancanze grandi di soldi, finanziamenti e di coordinamento con altre strutture. Uno striscione infine con il nome delle 104 donne uccise quest’anno, “tante, troppe” ha detto la ragazza che lo portava con sé.

Guerra in Ucraina: ancora in tanti senza luce a Kiev

“La Commissione europea pagherà per spedire 40mila tonnellate di grano ucraino tramite due navi”. Lo ha annunciato la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, in un video messaggio al summit “Grain from Ukraine” organizzato da Kiev.

Ma l’emergenza principale rimane quella energetica oggi con larghe fette di territorio al freddo e al buio. L’azienda ucraina per la distribuzione dell’elettricità Dtek ha scritto su Facebook un messaggio ai cittadini della capitale promettendo che pur essendo previsti altri blackout a Kiev, da oggi non dureranno più di 5 ore di seguito.

Sono almeno 130mila le persone senza luce a Kiev. E i black out si susseguono in tutto il Paese.

La morte misteriosa del ministro degli esteri bielorusso

E’ morto il ministro degli esteri della Bielorussia, Vladimir Makei e la sua morte diventa un caso.

L’agenzia di stato bielorussa ha parlato di morte improvvisa per il ministro che aveva 65 anni e non ha aggiunto altro. Mosca si dice scioccata per la sua morte.

Da Kiev le autorita ucraine sostengono che potrebbe essere stato avvelenato. Makei viene descritto da Kiev come uno dei pochi in bielorussia a non essere stato sotto l’influenza russa.

Nuovo aumento dei biglietti del metrò in vista a Milano

Il Comune di Milano ha intenzione di aumentare nuovamente il biglietto dei mezzi pubblici. Lo ha annunciato oggi l’assessore alla mobilità Arianna Censi, durante l’inaugurazione denlla nuova tratta m4. 

Il sindaco Giuseppe Sala ha chiesto al governo di intervenire, perché senza fondi statali sarebbe a rischio l’attuale livello del servizio, ma non tutti nella maggioranza sono d’accordo.  L’aumento, nel mezzo della crisi energetica e una inflazione a livelli storici, potrebbe essere intorno al 10%. Quindi da due euro, a due e venti.   

“Probabilmente andremo in questa direzione in ragione dell’adeguamento Istat”. Ha detto l’assessore alla mobilità Arianna Censi. A Radio Popolare l’assessora ha confermato che l’aumento riguarderà solo il biglietto ordinario, escludendo dunque gli abbonamenti. 

Un’ipotesi di aumento era già emersa quest’estate, sulla base dell’adeguamento richiesto dalla regione. Ma già allora nella maggioranza non tutti erano d’accordo nello scaricare i costi sull’utenza. 

Tra loro il consigliere del Partito democratico, Alessandro Giungi. “Io avevo espresso la mia contrarietà quest’estate, quando si era ventilata la possibilità”, ha dichiarato Giungi. “Ancora non c’è stato l’aumento – ha aggiunto il consigliere comunale – stiamo parlando di una eventuale possibilità, tra l’altro legata ad un adeguamento Istat anche in questo caso riportabile a una decisione di regione Lombardia. Io però non ho ancora avuto comunicazione ufficiale in quanto consigliere comunale di alcunché. Mi riservo di potermi esprimere anche in consiglio comunale e in commissione”.  

Addio alla cantante e attrice Irene Cara

E’ morta Irene Cara, artista che resterà per sempre legata al film che la rese famosa come attrice e autrice della colonna sonora, Flashdance. Nata nel Bronx, di origini afro cubane, divenne una icona pop grazie a quel film. Il ricordo di Tommaso Toma:

 

 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 30/01/2023

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 30/01/2023

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 30/01/2023 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 30/01/2023

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Cult di lunedì 30/01/2023

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica,…

    Cult - 30/01/2023

  • PlayStop

    Storie di Giusti: Fernanda Wittgens

    Nel ventennale della creazione del Giardino dei Giusti di Milano, Fondazione Gariwo ci propone sei ritratti di Giusti che sono…

    Clip - 30/01/2023

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 30/01/2023

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 30/01/2023

  • PlayStop

    Note dell’autore di lunedì 30/01/2023

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è…

    Note dell’autore - 30/01/2023

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 30/01/2023

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 8.30 alle 10.00, il venerdì dalle…

    Prisma - 30/01/2023

  • PlayStop

    Rights now di lunedì 30/01/2023

    Cancellare i diritti con il consenso popolare: la tripla crisi epocale - guerra, clima, pandemia - lo rende possibile. Rights…

    Rights now – Il settimanale della Fondazione Diritti Umani - 30/01/2023

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di lunedì 30/01/2023

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 30/01/2023

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di domenica 29/01/2023

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music…

    Reggae Radio Station - 30/01/2023

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 29/01/2023

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non…

    Prospettive Musicali - 30/01/2023

  • PlayStop

    News della notte di domenica 29/01/2023

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 30/01/2023

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 29/01/2023

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 30/01/2023

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 29/01/2023

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 30/01/2023

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 29/01/2023

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 30/01/2023

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 29/01/2023

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla…

    Bollicine - 30/01/2023

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 29/01/2023

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei…

    Archivio Ricordi - 30/01/2023

  • PlayStop

    Soulshine di domenica 29/01/2023

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro…

    Soulshine - 30/01/2023

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 29/01/2023

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 30/01/2023

Adesso in diretta