Approfondimenti

Il corteo per le vittime di Cutro, l’incertezza sul fronte di Bakhmut e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di sabato 11 marzo 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. LA commozione supera la rabbia al corteo di Cutro in ricordo delle vittime del naufragio; dissidi tra i mercenari Wagner e l’esercito russo nella battaglia di Bakhmut; è altissimo il numero di dimissioni dal lavoro in Italia nell’ultimo anno; il fallimento della Silicon Valley BAnk ha gravi ripercussioni sul mondo crypto e sulle startup dell’hi-tech; ignoranza e cinismo, questi gli ingredienti del Karaoke di Meloni e Salvini che cantano “la canzone di Marinella” senza capirne il testo.

A Cutro un grande corteo in ricordo delle vittime

(di Mattia Guastafierro)

Doveva emergere lo sdegno per le tante stragi in mare, doveva esserci la rabbia per i gesti del governo. Di certo l’indignazione era grande, ma era composta. Oggi il corteo di Steccato di Cutro si è trasformato piuttosto in un grande momento di commozione collettiva. Troppo vivido ancora il dolore per le vittime che il mare crotonese ogni giorno continua a restituire. Il cielo plumbeo ha accompagnato i primi passi del corteo. Il vento caldo ha fatto ondeggiare senza sosta le bandiere che lo componevano. C’erano quelle dei sindacati, dell’Anpi, di Libera, delle ong a cui il governo in tutti i modi sta tentando di ostacolare il soccorso in mare. C’è chi dice 5mila, chi dice 10mila, erano tante le persone in fila in silenzio per le strade della cittadina jonica. In testa la croce fatta coi resti del barcone spezzato. A portarla in spalla anche l’ex sindaco di Riace, Mimmo Lucano, simbolo dell’accoglienza di questa terra che non si riconosce nei modi del governo.
All’arrivo in spiaggia, luogo del naufragio, il cielo si è aperto. Il sole ha illuminato la sabbia. Le persone hanno piantato fiori nella battigia. I familiari delle vittime hanno intonato canzoni della loro terra d’origine. Il loro canto si è perso tra le onde.

A Bakhmut si combatte anche una battaglia di propaganda

Continuano anche oggi le notizie contrastanti e di segno opposto da Bakhmut, la città del Donbass dove si stanno concentrando da settimane i combattimenti più feroci della guerra in Ucraina. 

Il capo dei mercenari della Wagner, Prigozin, ha detto oggi che i suoi uomini sarebbero a un chilometro dal centro della città, nonché in controllo della parte orientale della città.

Fonti britanniche invece riportano un quadro dove i militari filo Mosca si starebbero dissanguando per cercare di prendere la città.

Gli Ucraini da postazioni rinforzate fanno un micidiale “tiro al bersaglio” sui mercenari russi, causando altissime perdite: è quanto sostiene il ministero della Difesa britannico, da fonti di intelligence, citato dal Guardian. Secondo i militari britannici, il fiume Bahmutka costituisce ora di fatto la linea del fronte.

Ma un’altra notizia riguarda proprio il destino della Wagner. Alcuni reparti dei mercenari di Prigozin sarebbero stati sostituiti da reparti dell’esercito regolare russo. Tra il Cremlino e la Wagner è in corso da tempo un braccio di ferro.

L’Italia non è un Paese per lavoratori

(di Massimo Alberti)

Sono quasi 2 milioni 200 mila le dimissioni registrate nel 2022, in aumento del 13,8% rispetto al 2021. Solo nell’ultimo trimestre c’è stato un lieve calo. E’ quanto emerge dalla nota trimestrale sulle comunicazioni obbligatorie del ministero del Lavoro, relativa all’ultimo trimestre 2022. Nel 2022 sono risaliti anche i licenziamenti: oltre 751 mila, in aumento del 30,2% rispetto al 2021, dopo la fine del blocco. 

Nel lavoro italiano non c’è mai stata una mobilità cosi forte come negli ultimi due anni, e non è una buona notizia. Non lo è perché come temuto, la fine del blocco dei licenziamenti decretata da Draghi è costata almeno 200mila posti di lavoro, che viste di pari passo all’andamento del precariato indicano la profonda ristrutturazione di un modo di lavorare che scambia lavoro stabile con lavoro precario. Tra le altre cose, è forse anche una delle cause del secondo aspetto, quello delle uscite volontarie. Un fenomeno che in Italia è ancora molto da indagare,  ma che sia fuga all’estero (anche l’emigrazione giovanile aumenta), cambio verso un lavoro migliore, o fuga senza rete dal lavoro, resta un sintomo: in Italia si lavora male e si sta male al lavoro. C’è un problema oggettivo di condizioni materiali, la precarietà appunto, gli stipendi bassi, gli orari inconciliabili con una qualità di vita accettabile, ma anche la fine di un’epoca in cui era il lavoro a definire la propria identità e la propria vita. E che lascia un po’ tutti smarriti: lascia smarriti i sindacati, che ancora non san bene come maneggiarlo, lascia smarriti gli imprenditori, il cui piangisteo quotidiano ospitato da troppi giornali sui giovani che non vogliono lavorare è una risposta violenta ed ideologica per auto assolversi dal una situazione creata da loro stessi insieme alla politica, con norme che ascoltando solo le voci delle imprese vanno ad esasperare proprio le condizioni da cui i giovani scappano, per giustificarsi poi con quella stessa ideologia “dei fannulloni”. I numeri dicono che il segnale è forte è chiaro. Servirà a poco far finta di nulla.

Crack di Silicon Valley Bank: si rischia l’effetto domino

(di Andrea Di Stefano)

Non è una nuova Lehman Brothers, ma il fallimento sostanziale della Silicon Valley Bank rischia di produrre un terremoto nel mondo dell’high-tech che deve fare i conti con lo sgonfiamento della bolla prodotta anche dal periodo covid. Si tratta del sedicesimo istituto per raccolta degli Stati Uniti, con 209 miliardi di dollari di depositi e del secondo crack dopo quello della Walt Washington Mutual nel 2008. Il Federal Deposit Insurance Corp, l’organismo di controllo che ha preso il controllo della banca, ha garantito l’accesso ai depositi da lunedì sino al massimo stabilito dalla protezione dei risparmiatori, cioè 250000 dollari per tutti gli altri, privati o aziende. Si apre una lunga e complessa procedura fallimentare, che potrebbe anche non produrre le perdite integrali delle somme o degli investimenti effettuati. Le vittime principali del crack sono le startup, gli operatori del mondo delle criptovalute. Oggi Sirklo, una delle più importanti stable coin, ha annunciato di aver bloccato nei conti della Silicon Valley Bank 3,3 miliardi di dollari, scatenando un’ondata di vendite sull’intero comparto. Le dimensioni della nuova crisi finanziaria sono di difficile perimetrazione perché il repentino incremento dei tassi deciso dalla Fed, che in meno di un anno ha portato da zero al 4,75% il tasso ufficiale di sconto, potrebbero mandare in crisi il gigantesco mercato dei mutui, producendo insolvenze dei clienti e nuovi crack nel comparto bancario esposto verso l’immobiliare.

Il karaoke cinico e ignorante di Meloni e Salvini

(di Claudio Agostoni)

Meloni e Salvini, alla festa di compleanno di quest’ultimo, hanno fatto il karaoke cantando “La canzone di Marinella”. Due, probabilmente gli elementi che hanno consentito loro di cantare la canzone di De André. L’ignoranza e il cinismo.

Ignoranza perché non si sono ricordati che la “Canzone di Marinella” è ispirata all’omicidio di Maria Boccuzzi avvenuto il 28 Gennaio 1953. Nata in Calabria nel 1920, era arrivata a Milano come emigrante quando aveva solo nove anni. Diventata ragazza aveva creduto che in quella città che correva verso il futuro ci fosse spazio anche per i suoi sogni. Ma a Milano non c’è stato nessun miracolo per Maria Boccuzzi. A Milano, dopo aver lavorato come operaia, cercò invano gloria nel mondo dello spettacolo, finendo su una strada e morendo a 33 anni, ritrovata cadavere il 28 gennaio 1953 nel fiume Olona, alla periferia della città.

Nessun sogno si è realizzato anche per le tante Maria Boccuzzi affogate nel mare di quella Calabria da dove era emigrata la protagonista della canzone di De André. Non hanno potuto nemmeno cercare di realizzarlo il loro sogno, perché sono affogate prima di arrivare nella loro “Milano”. Il cinismo dei due politici sta qui: cantare questa canzone mentre nel mare della Calabria continuano a venire a galla i corpi di nuove Marie Boccuzzi…

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 20/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 20/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 20/05/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 20-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di lunedì 20/05/2024

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 20/05/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 20-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 20/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-05-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 20/05/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 20-05-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 20/05/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 20-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lunedì 20/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 20-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 20/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 20-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 20/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 20-05-2024

  • PlayStop

    Playground di lunedì 20/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Malika Ayane

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Malika Ayane

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Selton

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista i Selton

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di lunedì 20/05/2024

    Mash Up è un dj set di musiche e parole diverse, anzi diversissime, che si confondono fra loro all’insegna di un tema diverso.  Anzi, “si pigliano perché non si somigliano”.  Conduce, mixa, legge e ricerca il vostro dj per Matrimoni Impossibili, Piergiorgio Pardo aka Pier Nowhere Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack di lunedì 20/05/2024

    Ospite della puntata Malika Ayane con il nuovo singolo Sottosopra

    Jack - 20-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 20/05/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha iniziato la settimana dedicata a #Anche gli animali votano, in vista delle elezioni europee con Gianluca Felicetti, presidente di @LAV Lega Antivivisezione per definire la politica sugli altri animali, ma anche di Giornata mondiale delle api, @oasi Smeraldino, di Ribellione Animale contro il Food&Science Festival e il bambino morto per i morsi del cane, @oipa

    Considera l’armadillo - 20-05-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 20/05/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 20-05-2024

Adesso in diretta