Approfondimenti

La battaglia di Bakhmut, la crisi Usa-Cina per il pallone aerostatico e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di domenica 5 febbraio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. L’Ucraina affronta una delle battaglie più dure della guerra proprio mentre lo scandalo sulla corruzione mina dall’interno le basi del governo; la crisi Cina-Usa sul presunto pallone-spia sembra va riconsiderata in un’ottica di rapporti strategici; Bonaccini e Schlein si avviano alla sfida per la segreteria del PD; Cospito resta al 41bis nel carcere di Opera, controllato dai medici; stupisce il silenzio del Comune di Milano dopo le manifestazioni di protesta dei ciclisti contro i pericoli mortali della strada.

La battaglia di Bakhmut diventa sempre più cruenta

Guerra in Ucraina: sono due le notizie delle ultime ore. La prima è il caso del ministro della difesa del governo di Kiev Reznikov. La sua posizione è sempre più difficile: le indagini sulla corruzione nell’apparato statale ucraino è arrivata a sfiorarlo. E Zelenski vuole dimostrare agli alleati europei nella guerra con Mosca che è pronto a fare pulizia anche in vista dell’avvicinamento all’Unione europea. Ma contemporaneamente c’è la battaglia di Bakhmut, la città del Donbass che Mosca vuole conquistare a tutti i costi e dove si sta combattendo una fase tra le più cruente. La città non è ancora caduta anche se per l’esercito ucraino la situazione è sempre più difficile, come ha detto lo stesso Zelenski.

Il racconto dell’inviato in Ucraina del Corriere della Sera Andrea Nicastro

 

Il pallone della discordia tra Usa e Cina

(di Martina Stefanoni)

Sul giornale del partito comunista cinese, la decisione di Washington di abbattere il pallone con un missile viene paragonata all’uccisione di un moscerino con un cannone, e viene definita un precedente a cui gli Stati Uniti dovrebbero stare attenti, dato che spesso conducono ricognizioni ravvicinate alle porte della Cina sotto mentite spoglie civili. “Se gli Stati Uniti non considerano la differenza, perché dovrebbe la Cina?” conclude l’articolo.

Allo stesso tempo, però, diversi analisti osservano come la scelta della parole usate dal ministero degli esteri cinese nel reagire all’abbattimento del pallone mostra in realtà una volontà di non alzare eccessivamente i toni. Parlando ad esempio di violazione delle norme internazionali e non del diritto internazionale, Pechino mantiene più basso il livello dello scontro. Così come la frase del comunicato in cui si dice che la Cina “salvaguarderà risolutamente diritti e interessi legittimi delle società interessate” mostra un tentativo di dimostrare che il governo cinese non è direttamente coinvolto con il lancio del pallone. Xi Jinping, infatti, deve trovare il giusto equilibrio tra le richieste del fronte nazionalista interno che chiede reazioni più dure contro gli Stati Uniti e la necessità di non far degenerare lo scontro con gli Stati Uniti, con i quali Pechino ha bisogno di mantenere un canale di comunicazione per risollevare la crisi economica che sta affrontando a seguito della politica Zero Covid. 

Il delicato equilibrio tra i due Paesi, però, potrebbe subire un ulteriore scossone se Kevin McCarthy, il neo eletto speaker della camera dovesse visitare Taiwan, come ipotizzato da lui stesso nei giorni scorsi. 

Schlein e Bonaccini al ballottaggio aperto per la segreteria del PD

(di Anna Bredice)

Nelle città dove la prossima domenica si voterà, il dibattito sulle alleanze regionali e i programmi elettorali si intrecciano con la scelta del prossimo segretario del partito democratico. Date abbastanza vicine una all’altra per mischiare anche i piani di discussioni. Sono iniziati in questo week end i primi congressi di circolo del Pd e un dato è ormai chiaro e conferma le previsioni: i primi due candidati che dovrebbero andare alle primarie aperte del 26 febbraio sono Stefano Bonaccini e Elly Schlein. Oggi gli staff dei due candidati non hanno fornito gli ultimi dati perché ad esempio da alcune regioni come la Sicilia non ci sono ancora numeri definitivi, in ogni caso gli esponenti vicini a Bonaccini indicano che lui avrebbe superato il 50 per cento dei voti, con oltre il 13 per cento di vantaggio rispetto a Elly Schlein. La candidata, seconda per ora in questa graduatoria, non ha fornito numeri oggi, ma da Viareggio, dove si trovava oggi per una iniziativa, ha fatto sapere che dai circoli toscani le sta arrivando parecchio sostegno. E’ chiaro comunque che Gianni Cuperlo e Paola de Micheli con questi dati, del tutto parziali, sono fuori dalle primarie aperte del 26 febbraio. Cuperlo oggi in una intervista denuncia che l’intero establishment del partito si è schierato con i primi due candidati, anche se Elly Schlein si era presentata proprio come candidata segretaria di un Pd che vorrebbe privo di correnti e aree di appartenenza. Sono congressi che risentono di una situazione molto particolare: dopo dieci anni di governo il Pd è per la prima volta all’opposizione di un governo di destra che sta dimostrando di non rispettare nemmeno alcune regole fondamentali del mandato dei parlamentari, come quello delle visite ai detenuti e poi si tratta di un congresso che per la prima volta potrebbe ribaltare nelle primarie aperte ad elettori e simpatizzanti il risultato dei congressi di circolo, cambiando non solo il nome del segretario ma anche l’idea di come affrontare un periodo lungo di opposizione. Nel Lazio e nella Lombardia la gran parte dei congressi avverranno dopo il risultato delle regionali, il 18 e 19, con un quadro chiaro della prima prova elettorale anche per la destra di Giorgia Meloni.

Cospito nel carcere di Opera sotto monitoraggio medico

Trascorre le ore di socialità con altri tre detenuti che come lui sono al centro clinico di Opera in regime di 41 bis. Niente passeggiata all’esterno a causa delle sue condizioni di salute precarie. E’ la situazione carceraria di Alfredo Cospito, l’anarchico trasferito lunedì scorso nel padiglione Servizio Assistenza Integrata del penitenziario milanese dove è sotto stretto monitoraggio medico in sciopero della fame  da 109 giorni. Personale sanitario e magistrati stanno monitorando l’evoluzione della situazione e se il suo stato di salute dovesse precipitare verrà trasferito nel reparto di medicina penitenziaria dell’ospedale San Paolo. Da quando, qualche giorno fa, il 55enne ha deciso di rifiutare anche gli integratori è aumentato il rischio di crisi cardiache. Per questo è sempre più concreto il ricovero ospedaliero, anche se non si sa quando avverrà.

Sicurezza per i ciclisti: il comune di Milano per ora tace

(di Claudio Jampaglia)

Su quanto chiedono il migliaio di persone convenute in Piazzale Loreto sabato con le loro biciclette il sindaco, paradossalmente anche lui ciclista, non si è voluto pronunciare. E non sappiamo se lo farà a breve con dei provvedimenti o magari in consiglio comunale domani pomeriggio. Ma è un silenzio che pesa. Non solo per quei 15 nomi e cognomi di ciclisti morti nelle strade di questa “famosa città civile” nell’ultimo anno, ma anche per il modo in cui la 38enne Veronica d’Incà è stata uccisa in Piazzale Loreto, travolta da un camion senza essere vista, manco si trovasse in uno svincolo autostradale. Da mesi si chiede al sindaco di dare una spinta maggiore all’opera riformatrice sulla mobilità a due ruote, prima di tutto con più sicurezza, quella vera. I vantaggi sono netti e le proposte proprio ciò che fanno le città con cui Beppe Sala siede nei board dell’associazione C40 per le città sostenibili:  ciclabili vere, quartieri a 30 all’ora, strade pedonali davanti alle scuole. Concetti presenti anche nei programmi elettorali della sua maggioranza su cui qualcosa la giunta fa. Qualcosa, appunto. E allora perché  Sala non dice: avete ragione, dobbiamo fare più e meglio? Cosa sta succedendo al sindaco con i calzini arcobaleno che si allontanava dal Pd, avvicinandosi ai Verdi, proprio sui temi della sostenibilità e delle città green? Da mesi il sindaco parla di buchi di bilancio, di soldi che mancano, di solitudine dei comuni e dei sindaci. Sembra quasi un altro uomo dal primo mandato. Chi glielo fa notare, anche nella sua maggioranza, si sente rispondere: non disturbate il conducente.  Le catene umane ciclistiche in Viale Monza, corso Buenos Aires, Via Galvani, la continua mobilitazione per la ciclabile non realizzata sul Ponte della Ghisolfa, e i mille di Piazzale Loreto di ieri rischiano di essere uno spartiacque per la sua storia di sindaco. 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 20/04 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 19/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 19-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 19/04/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Snippet di sabato 20/04/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 20-04-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 20/04/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-04-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 20/04/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 20-04-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 20/04/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 20-04-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 20/04/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 20-04-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 20/04/2024

    Ogni sabato, dalle 17.35 alle 18.30, musica, libri e spettacoli che ci aiutano a 'restare umani'. Guida spirituale della trasmissione: Fela.

    Stay human - 20-04-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 20/04/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 20-04-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 20/04/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 20-04-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 20/04/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 20-04-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 20/04/2024

    con Costanza Quatriglio sul documentario "Il cassetto segreto"; Vanina Lappa su "In nessun posto al mondo"; Simona Bosco Ruggeri con "Il paese dei jeans in agosto". Mauro Gervasini presenta il 72° Trento Film Festival. Tra le uscite: Civil War di Alex Garland; Non volere volare di Hafsteinn Gunnar Sigurosson; Cattiverie a domicilio di Thea Sharrock; Back to black di Sam Taylor Johnson; Vita da gatto di Guillaume Maidatchevsky; Brigitte Bardot forever di Lech Majewski.

    Chassis - 20-04-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 20/04/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 20-04-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 20/04/2024

    Il "Festival del Contrabbando culturale", in Valposchiavo e a Tirano; Elisa Vincenzi presenta il suo libro “Yoga che emozione!”, oggi alla Libreria delle ragazze e dei ragazzi; Daniele Biacchessi, giornalista e scrittore, il consiglio di lettura e il suo “Eccidi nazifascisti. L'armadio della vergogna”, Jaca Book; la XII edizione de La Volpe e l'Uva LA VOLPE E L'UVA, del Boccaccio, trasloca ai giardini in via Piero della Francesca. Poi cinema, arte, teatro e GialloCrovi sui libri che diventano film.

    Good Times - 20-04-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 20/04/2024

    Nel rugby il terzo tempo è il dopo partita, quando gli animi si rilassano, si beve e si mangia insieme: questo è lo spirito con cui nasce questa trasmissione, che potrebbe essere definita una sorta di “spin off” di Esteri – in onda tutte le sere dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 19:30 – oppure, prendendo in prestito la metafora sportiva, un “terzo tempo” di Esteri. Sarà una mezz’ora più rilassata rispetto all’appuntamento quotidiano, ricca di storie e racconti, ma anche di musica. A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 20-04-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 20/04/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 20-04-2024

  • PlayStop

    Autismo, certificazioni Dsa e handicap per minori

    Nella puntata del 12 aprile siamo tornati a parlare di autismo e in particolare di diagnosi. Con la dottoressa Antonella Costantino, neuropsichiatra infantile e Direttora Uonpia della Fondazione Policlinico, abbiamo poi proseguito parlando di certificazioni Dsa e dell'handicap ai fini scolastici. Molte informazioni utili su come muoversi e come seguire correttamente le procedure.

    37 e 2 - 20-04-2024

Adesso in diretta