Approfondimenti

L’estrema difficoltà sanitaria di Gaza, lo scontro sindacati-governo sullo sciopero generale e le altre notizie della giornata

Gaza bombardamenti ANSA

Il racconto della giornata di sabato 11 novembre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La guerra in Medio Oriente coinvolge sempre di più gli ospedali di Gaza, ormai quasi tutti chiusi, tanto che i feriti hanno superato la capacità dei pochi punti sanitari ancora aperti; scontro politico tra Cgil-Uil e il governo, dopo le minacce di Salvini di ricorrere alla precettazione; il PD di Schlein riempie le piazze ma continua ad avere detrattori sulla carta stampata; Stellantis disinveste in Italia, nonostante le promesse in senso opposto del ministro Urso.

Ospedali di Gaza chiusi: i feriti non possono essere curati

La situazione dei 2 ospedali di gaza city, Al Quds e Al Shifa, resta centrale in questa fase della guerra di Israele a Gaza. I feriti continuano ad affluire nell’unico ospedale funzionante, al-Ahli. “Il numero di feriti ha superato la capacità dell’ospedale” ha scritto su X Fadel Naim, chirurgo dell’ospedale. Oggi un portavoce del ministero della Sanità di Gaza, gestito da Hamas, aveva dichiarato che l’ospedale al-Shifa, il più grande della Striscia, è chiuso e non può fornire alcun servizio. Sono 700 i pazienti in pericolo all’ospedale di Al Shifa, il direttore ha detto di esser pronto ad evacuare se Israele lo consentirà. Israele accusa Hamas di aver rifiutato l’offerta di 300 litri di carburante. La mezzaluna Rossa Palestinese aveva detto che anche l’ospedale di Al Quds è fermo per mancanza di corrente elettrica. 

E c’è stato un nuovo attacco di Netanyahu all’ONU: “Il segretario generale ha criticato Israele invece di quei selvaggi di Hamas” le parola del primo ministro  cui ha replicato Guterres “Le leggi di guerra prevedono la protezione dei civili e l’esercito israeliano non lo sta facendo”. Proprio oggi l’Onu ha denunciato un raid israeliano su una propria sede nella striscia, con numerosi morti.

Anche oggi Israele ha detto di aver concesso 7 ore di corridoi per il deflusso della popolazione civile dal nord al sud della striscia., e di aver creato un passaggio anche da Al Shifa, notizia mai confermata da parte palestinese. Oggi la tv statunitense NbC aveva diffuso la notizia di un accordo raggiunto per uno scambio di prigionieri, citando un funzionario della Casa Bianca. Ma un altro portavoce ha smentito, confermando che i negoziati continuano. Ma poco dopo, Hamas ha comunicato di aver sospeso i negoziati proprio per la situazione negli ospedali, ha detto un funzionario palestinese alla Reuters.  

Nelle ultime ore c’è stato un aumento degli scambi a fuoco anche sul confine nord, tra Israele ed Hezbollah libanesi. Almeno tre i lanci di razzi dal Libano ed altrettanti gli attacchi israeliani, che dichiarano 7 soldati feriti e di aver colpito quella definita “una cellula terroristica”. Intanto il primo ministro israeliano Netanyahu ha rilasciato una lunga intervista alla CNN. Sui piani del dopoguerra Netanyahu ha nuovamente escluso l’ipotesi, fatta anche dagli USA, di cedere il controllo di Gaza all’Autorità Palestinese. “Dopo aver distrutto Hamas ci dovrà essere un involucro militare israeliano”, ha detto il capo di governo di Tel Aviv. 

A Parigi, intanto, oltre 100mila persone hanno partecipato alla “Marcia contro l’antisemitismo” promossa dai presidenti delle due camere del Parlamento. Non ha partecipato il presidente Macron che ha inviato un messaggio. Presenti alcuni esponenti dell’estrema destra.

Scontro tra sindacati e governo sullo sciopero del 17 novembre

(di Massimo Alberti)

È sempre più un caso politico la giornata di scioperi territoriali proclamata per venerdì 17 da Cgil e Uil contro la manovra economica del governo. Dopo le minacce di precettazione di Salvini, ieri la commissione di garanzia ha convocato i sindacati.

“È uno sciopero generale a cui si applicano le normative dello sciopero generale”, replica la Cgil, “non lo modificheremo. Il garante faccia il garante e non risponda al potere politico.” dice a Radio Popolare Stefano Malorgio, segretario generale della Filt CGIL.

In effetti la convocazione di domani da parte del garante ha poco di tecnico, e molto di politico. Arriva, infatti, dopo l’indebita ingerenza del ministro delle infrastrutture Salvini, che puntualmente cerca di stroncare ogni sciopero. Più grave perché stavolta lo sciopero contesta proprio le scelte economiche del governo. La Lega rispolvera tutti i luoghi comuni: lo sciopero del venerdì, per cominciare, come se nel fine settimana i servizi pubblici essenziali non funzionassero. La convocazione ad orologeria dopo le minacce di precettazione di Salvini evidenzia un altro nodo che viene al pettine, la norma sempre più restrittiva sul diritto di sciopero in Italia, che chiede almeno 10 giorni tra un’astensione e l’altra e la limitazione temporale nei servizi pubblici. Cioè di fatto di anestetizzare gli effetti di disagio che uno sciopero si propone. Una preoccupazione decisamente pelosa, sui disservizi causati dagli scioperi, che non si vede quando i disservizi quotidiani del trasporto pubblico sono causati dal sotto finanziamento e dalla trascuratezza, come ad esempio Trenord, nella Lombardia a trazione leghista. Per questo a Cgil e Uil si chiede di escludere i settori dei trasporto aereo e dell’igiene ambientale, e di rimodulare quello dei vigili del fuoco e del trasporto pubblico locale e ferroviario, perché “vicini” ad altre proclamazioni. “È uno sciopero generale a cui si applicano le normative dello sciopero generale”, replica la Cgil. Alla maggioranza gli scioperi non piacciono, e sta cercando di bloccare anche quello dei medici del 5 dicembre. Sul piano generale, prosegue il tentativo di restringere le maglie al diritto di sciopero: resta in parlamento la proposta di vietarne la proclamazione nei servizi pubblici ai sindacati non firmatari di contratti nazionali, un attacco alla libertà sindacale garantito dalla costituzione.

Il successo della manifestazione del Pd a Roma non piace ai commentatori della politica

(di Claudio Jampaglia)

Non sono bastate 50mila persone e la prova superata della piazza e del palco per salvare la segretaria del Pd dalle insinuazioni di troppa sinistra, troppi temi, quasi le rinfacciano al troppa gente. A nove mesi dal parto delle primarie per una leader donna, giovane, che rivendica l’essere di sinistra, sono in tanti sui giornali ovviamente e sui social ad aver ancora da rosicare. E quindi il giorno dopo è tutto un misurare alleanze, sondaggi e ironizzare sui temi di cambiamento e coraggio proposti dal palco di Piazza del Popolo. C’è chi addirittura ha cercato di sostenere che la folla acclamava più Giuseppe Conte, inseguito da un mantra che gli urlava più che sussurrava “restate uniti”. Oggi il leader dei 5stelle fa sapere che rimangono una forza autonoma con un suo percorso sempre avanti, in trincea, ma che il dialogo col Pd si intensificherà. Disperato, invece, Calenda che dice sarebbe ora di costruire un’alternativa per un programma di governo ragionevole, ma invece di sedersi al tavolo con lui, il Pd va in piazza con Conte. Irragionevole. Insomma tutti a cercare di minimizzare e grattare la base che si allarga del Pd di Schlein che fissa nello scontro con il governo il suo obiettivo. Si ma per vincere le elezioni non basta, scrivono i cronisti di politica a cui Schlein non è masi stata molto simpatica. In effetti ci vogliono i voti e fino a prova contraria il barometro politico in questi anni ha premiato chi ha creduto nelle istanze dal basso, più che nelle sirene centriste, lo testimonia l’alleato Conte e ancora di più la prima presidente del consiglio donna. E quindi ha ragione la segretaria a parlare di speranza e a guardare là dove i voti sono mancati davvero. La campagna per le Europee inizia ora.

Sempre meno FIAT in Italia

Un chiaro segnale di disimpegno dall’Italia, alla faccia delle promesse fatte con e dal governo. Stellantis ha inviato, senza comunicarlo al sindacato, 15mila mail per invitare altrettanti impiegati degli stabilimenti italiani alle dimissioni volontarie, proponendo incentivi di uscita al lavoro fino a 100mila euro. Solo a luglio il ministro del made in Italy Urso, aveva promesso un accordo imminente con Stellantis per la produzione in Italia di un milione di veicoli. Accordo ribadito ancora ieri in un intervento pubblico dal ministro, ma decisamente smentito dall’atto dell’azienda. Il calo di produzione, in Italia, è costante, e soprattutto in Piemonte aumenta parallelamente la cassa integrazione. 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 21/06 7:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 21-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 20/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 20/06/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 20-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 21/06/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 21-06-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di venerdì 21/06/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 21-06-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 21/06/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 20-06-2024

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 20/06/2024

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma che si intitolerà Labirinti Musicali: ovvero un titolo generico da contenitore di storie, aneddoti, curiosità legate tra di loro da un qualsivoglia soggetto/percorso/monografia proposto da uno di noi in forma di racconto, con ascolti ad esso legati, sempre con buona alternanza di parole e di musica. Uno spazio radiofonico che può essere la storia di un disco, un libro, un personaggio anche famoso, ma proposta da angolazioni nuove, curiose. Non una lezione, quasi una confidenza all’orecchio di un ascoltatore. I labirinti sono luoghi reali e circoscritti, e allo stesso tempo irreali: sono la sorpresa, sono l’incontro, sono l’imprevisto…e anche la musica è qualcosa che si muove in uno spazio acustico-temporale ben determinato, qualcosa che ci stupisce e sparisce dietro un angolo per poi farci ritornare al punto di partenza senza avere avuto il tempo di memorizzarne il percorso melodico, armonico, ritmico. Ci perdiamo nella musica proprio come in un labirinto, e la ritroviamo nei meandri più nascosti della mente… Viviamo in un labirinto di idee diverse nel quale ognuno di noi deve trovare un proprio spazio, e per uscire da questo labirinto dobbiamo affidarci alla nostra ragione…e al potere semantico della musica. Nel Medioevo si diceva che il labirinto è come la vita, e la vita come un labirinto. Ma nel labirinto non ci si perde, nel labirinto ci si trova. Con la complicità della musica.

    Labirinti Musicali - 20-06-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 20/06/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-06-2024

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 20/06/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 20-06-2024

  • PlayStop

    4° puntata: la Milizia e l'Aventino

    Il fascismo tenta di ripulirsi l'immagine dopo il delitto Oldani e di dissociarsi dagli aggressori. Intanto nello stesso giorno della morte del tranviere a Roma i partiti di opposizione abbandonano il Parlamento e si ritirano sull'Aventino.

    Domani sciopero -1924: Attilio Oldani, morte di un tranviere antifascista - 20-06-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 20/06/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 20-06-2024

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 20/06/2024

    1-Giornata mondiale del rifugiato. Raddoppiati gli sfollati nei 10 paesi più colpiti da inondazioni e Secondo il rapporto Oxfam nell’ultimo decennio sono passati da 3,5 milioni a 8 milioni. 2- Medio oriente. Aumenta il rischio di guerra totale tra libano e Israele Il punto con iol giornalista Marco Magnano 3- Francia. Il 30 giugno prossimo la scelta sarà tra tre concezioni del popolo e altrettante visioni della democrazia. Lo speciale di Esteri 4-Diario americano. In Louisiana introdotta la storia dei 10 comandamenti nelle scuole pubbliche 5- World music. Urge restituire alle popolazioni locali gli archivi sonori e audiovisivi raccolti dalle ex potenze coloniali.

    Esteri - 20-06-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 20/06/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 20-06-2024

  • PlayStop

    Playground di giovedì 20/06/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 20-06-2024

  • PlayStop

    Sapore Indie di giovedì 20/06/2024

    Sapore Indie è la trasmissione per connettersi al presente e scoprire le novità più rilevanti della musica alternative internazionale. Tutti i giovedì alle 15.30, con Dario Grande, un'ora di esplorazione tra le ultime uscite di artisti grandi e piccoli, storie di musica e vite underground. Per uscire dalla bolla dei soliti ascolti e sfuggire l’algoritmo, per orientarsi nel presente e scoprire il suono più rigenerante di oggi. ig: https://www.instagram.com/dar.grande/

    Sapore Indie - 20-06-2024

  • PlayStop

    Jack di giovedì 20/06/2024

    Nella prima parte parliamo dell'artista Indiano Diljit Dosanji con Gurbaaz. Nella seconda parte ospitiamo Don Claudio Burgio per parlare della comunita Kayros, della sua etichetta Kayros Music e dell'accordo con Island (Universal)

    Jack - 20-06-2024

Adesso in diretta