Approfondimenti

Il discorso di Mattarella sul lavoro, il Sudan abbandonato a se stesso e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di venerdì 28 aprile 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il Presidente della repubblica è costretto a richiamare ancora una volta la politica a svolgere bene i suoi compiti, questa volta il tema è quello del lavoro; alla commemorazione di Sergio Ramelli, Ignazio La russa parla di pacificazione ma glissa sui saluti romani; la guerra civile in Sudan mostra alle telecamere internazionali sono luna piccola parte della sua crudezza; il capo dei mercenari della Wagner ventila la possibilità di sciogliere la brigata, in polemica coi vertici russi; a Milano è stata trovata morta una neonata, il cui piccolo cadavere è stato abbandonato in un cassonetto per abiti usati; Napoli si prepara al primo match-point scudetto.

Lavoro: Mattarella richiama la politica ai dettami della Costituzione

(di Alessandro Braga)

Il tono, come sempre, garbato. Le parole, ferme. Il significato profondo, in filigrana, ma nemmeno troppo, sta tutto in un passaggio. In quel “dobbiamo saper inverare i principi costituzionali nei nuovi modelli produttivi con eguale saldezza”. Che la Costituzione sia il faro dell’agire quotidiano del capo dello Stato non è una novità. Ma guarda caso, nell’ultimo periodo, i suoi richiami ai dettami della nostra Carta sono sempre più frequenti. Non c’è nulla di improvvisato nel discorso di Sergio Mattarella. Così come in occasione del 25 aprile, anche per il Primo Maggio il presidente della Repubblica sceglie con minuziosa precisione i termini da usare. Quel che ne esce è allo stesso tempo una fotografia, a tratti impietosa, della reale condizione del mondo del lavoro in Italia e uno sprone a tutte e tutti per cambiare le cose. C’è la dignità del lavoro nei pensieri di Mattarella, quando dice che “non bisogna arrendersi all’idea che possa esistere il lavoro povero”. Bisogna affermare con forza il carattere del lavoro come primo, elementare, modo costruttivo di redistribuzione del reddito prodotto”. E ancora, un netto No alla precarietà dilagante, per un lavoro che sia “antidoto a discriminazioni e illegalità”. Tutto questo deve essere “assillo per tutti, in primis per le istituzioni”. Istituzioni che non possono accettare le differenze di genere, i tanti (troppi) infortuni sui luoghi di lavoro, le difficoltà per i giovani a trovare un impiego. Quei giovani a cui il presidente fa gli auguri per “un buon concertone”, di festa e di lotta. Ci sta anche un’altra frecciatina, non troppo velata, al governo e ai suoi tentennamenti di fronte a “quella ineguagliabile opportunità che è il Pnrr”. E infine, quel triplice Evviva con cui chiude il suo discorso, da applausi: “Viva il lavoro. Viva il Primo Maggio. Viva la Costituzione”.

La Russa tace sui saluti romani alla commemorazione di Ramelli

(di Michele Migone)

Ignazio La Russa torna a parlare di pacificazione nazionale. Lo fa con delle dichiarazioni a margine della cerimonia in ricordo di Sergio Ramelli che si è tenuta nei giardini dedicati al militante missino. Dopo aver deposto una corona insieme al sindaco Beppe Sala parla con i giornalisti. “La memoria di oggi è una memoria che vuole incitare alla pacificazione che non vuol dire parificazione” – dice il presidente del Senato. Toni meno tranchant rispetto a occasioni passate, ma il concetto è sempre lo stesso: la legittimazione politica del passato e quindi del presente della Destra italiana. Toni che cambiano, diventano infastiditi quando un cronista gli chiede cosa ne pensasse dei saluti romani che si vedono ogni anno alla manifestazione serale per Ramelli. Qui Ignazio La Russa dice: non rispondo, non è una conferenza stampa, smette di parlare, prende e se ne va a fare un foto ricordo accanto a, tra gli altri, il fratello Romano, immortalato qualche mese fa mentre faceva il saluto fascista al funerale di un militante di estrema destra. Qualche istante dopo, dalla piccola folla di fronte, si sente una voce femminile urlare “Viva il 25 aprile” e poi “Fascisti a casa”. E’ una ragazza, sola, in mezzo ai militanti di Fratelli d’Italia. Uno le dice con tono aggressivo  di avere rispetto per la memoria di Ramelli. Lei gli risponde che è ebrea e dei congiunti sono stati uccisi dai fascisti. I presenti si innervosiscono perché lei urla ancora uno slogan. I cronisti vedono tutto. Qualcuno dei militanti, dirà la ragazza, la spinge da dietro, qualcuno altro le urla “bastarda”. Il più gentile la invita a farsi fare l’orlo dei pantaloni dalla Schlein. Una poliziotta l’accompagna fuori dai giardini, altri due la identificano, poi la lasciano andare. Finito tutto ci dice che è a causa della sorte dei suoi congiunti che ogni volta che vede La Russa non riesce a stare zitta.

Sudan: un Paese abbandonato a se stesso

(di Emanuele Valenti)

L’evacuazione dei cittadini e dei diplomatici stranieri dal Sudan in questi giorni e, ancora, in queste ore, sono in qualche modo il simbolo di un Paese che la comunità internazionale sta abbandonando a se stesso. In realtà alcune zone del Paese sono lasciate a e stesse già da molto tempo.  Lo dimostra molto bene purtroppo quel che sta succedendo in Darfur, zona occidentale del Paese.

Questa settimana le violenze tra le diverse comunità hanno causato secondo le Nazioni Unte almeno cento morti, mentre la fuga di massa da due carceri ha aggiunto confusione a una situazione già molto caotica. E’ successo lo stesso a Karthoum.

Ad Al Jenina un grosso ospedale supportato da Medici Senza Frontiere è stato saccheggiato più volte. E’ successo lo stesso con Banche e mercati. Situazione simile per gli uffici delle Nazioni Unite. Le agenzie umanitarie non riescono a distribuire gli aiuti in un paese dove già prima di questa crisi un terzo della popolazione dipendeva dal supporto internazionale. Gli scontri in Darfur, che gli analisti dicono essere purtroppo prevedibili a quasi 20 anni dalle atrocità in cui morirono centinaia di migliaia di persone, confermano lo stato di un paese abbandonato a se stesso. Se ci pensate bene, anche tutte le immagini che vediamo e chi ci arrivano dal Sud, sono quasi sempre quelle di Karthoum la capitale: sul Darfur non ci sono camere o telecamere accese. E ricordiamo che tra i protagonisti dei massacri in Darfur – tra il 2003 e il 2005 – c’è anche Emeti, oggi a capo delle forze paramilitari di intervento rapido. In un Paese dove le zone grigie, nere, dimenticate sono moltissime. Basti pensare alle tante miniere d’oro illegali con le quali si sono arricchiti proprio i signori della guerra. 

Anche la brigata Wagner è certa dell’imminente controffensiva ucraina

L’esercito ucraino è pronto per una controffensiva che sarà lanciata entro il 15 maggio. Lo sostiene il capo della Wagner, Prigozhin, in un’intervista. “L’esercito ucraino è pronto per la controffensiva. È stato ostacolato dal maltempo e, forse, da alcuni problemi interni che ha dovuto risolvere”, ha detto Prigozhin. “L’offensiva inizierà al 100% prima del 15 maggio”.

C’è un’altra frase di Prighozin che i media internazionali stanno riprendendo in queste ore: “La Wagner potrebbe presto cessare di esistere”. 

Nel corso della guerra in Ucraina, Prigozhin ha a più riprese criticato il modo in cui Mosca sta conducendo le operazioni militari, accusando i vertici dell’esercito russo di tradimento per il mancato sostegno ai suoi uomini, attualmente alla guida della campagna di conquista di Bakhmut.

Neonata trovata morta in un cassonetto per vestiti usati a Milano

A Milano, nel quartiere Città Studi, è stata ritrovata ieri sera in un cassonetto per i vestiti usati della Caritas, una neonata purtroppo deceduta; secondo le prime ricostruzioni degli inquirenti sarebbe stato un cittadino della zona a notare il fagotto avvolto in una felpa e adagiato nello spazio dove si depositano gli indumenti, a dare l’allarme. Quando sono intervenute le volanti della polizia la piccola era già morta ora l’autopsia dovrà stabilire se era viva o meno quando è stata abbandonata e da quante ore fosse nata. E’ il secondo caso di neonato abbandonato a Milano, a Pasqua il piccolo Enea era stato depositato nella ruota degli esposti della clinica Mangiagalli dove si può anche partorire in anonimato, cinque i casi nell’ultimo anno. 

A Napoli sale la febbre per lo scudetto

Napoli si prepara a festeggiare lo scudetto. La città è già in festa ma domani la gioia potrebbe esplodere nella festa per il terzo titolo tricolore. Dipende dai risultati delle partite di domani: alle 12.30 c’è Inter-Lazio. Alle 15 il Napoli gioca in casa contro la Salernitana. Una vittoria degli azzurri e un pareggio o una sconfitta dei laziali e sarà scudetto, 33 anni dopo quello con Maradona. 

La città è in fermento, tra organizzazione della sicurezza e l’entusiasmo alle stelle.

Sentiamo da Napoli il giornalista di FanPage Ciro Pellegrino 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 25/02 10:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 25/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 25-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 25/02/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 25-02-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 25/02/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 25-02-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 25/02/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 25-02-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 25/02/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 25-02-2024

  • PlayStop

    Emergenza di sabato 24/02/2024

    La trasmissione sulle novità musicali della scena emergente italiana. Per chi crede nel talento dei giovani artisti o ha solo voglia di scoprire nuova musica. Le canzoni in primo piano, ma anche tanti ospiti che ci raccontano la loro storia. Conduce La Melchi. - @lamelchi_

    Emergenza - 24-02-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/02/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 24-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24-02-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 24/02/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 24/02/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 24-02-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/02/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 24-02-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/02/2024

    Ogni sabato dalle 17.35 alle 18.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni e il fedele Fela.

    Stay human - 24-02-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 24/02/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 24-02-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 24/02/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 24-02-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 24/02/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 24-02-2024

Adesso in diretta