Approfondimenti

“Non ci resta che ridere”, il nuovo spettacolo dei Legnanesi

I Legnanesi

I Legnanesi hanno debuttato al Teatro della Luna di Milano con “Non ci resta che ridere“. Come tutti gli altri spettacoli dei Legnanesi, anche quest’ultimo lavoro parte dalla nostra realtà, ma stavolta gli spettatori vengono portati anche in un viaggio nel tempo.

Ira Rubini ha intervistato Antonio Provasio, Enrico Dalceri e Lorenzo Cordara a Cult.

Sì, si viaggia nel tempo. È uno spettacolo meraviglioso e innovativo per i Legnanesi. Si parte comunque dal cortile e dalla tradizione lombarda, ma quest’anno la famiglia Colombo e tutti gli anziani della comunità di Legnarello vanno a fare un giro a Parigi e a visitare il Louvre. L’idea è quella di riportare La Gioconda in Italia e arriveremo addirittura ad andare a trovare Leonardo Da Vinci. Poi andremo anche nel 1918 durante la Prima Guerra Mondiale. È uno spettacolo molto divertente e attualissimo, perchè comunque i Legnanesi sono sempre molto legati al presente e all’attualità.

I numeri di questo spettacolo, che dopo la celebrazione dei 70 anni dei Legnanesi inaugura una nuova era, sono particolarmente effervescenti e c’è addirittura un can-can. Così ne ha parlato Enrico Dalceri:

Ci tengo a dire che si tratta di un can-can tutto all’italiana tra lustrini e paillettes come i Legnanesi sanno fare. E nel secondo tempo abbiamo un omaggio tutte le mamme italiane con una grande canzone storica, “Mamma son tanto felice”, mentre nel primo tempo c’è il classico balletto alla soubrette e abbiamo sfoggiato e restaurato un vecchio vestito storico di Tony Barlocco restaurato. Veramente un pezzo unico e raro, quattro metri di mantello tutto ricamato a mano.

Nel corso degli anni i Legnanesi sono cresciuti anche nella parte più legata al musical e in questo spettacolo i balletti sono stati attualizzati grazie all’aiuto di Valentina Borghi e il pubblico ha risposto con grande entusiasmo.

Dal 2019 è Lorenzo Cordara ad interpretare lo storico personaggio del Giovanni, il marito di Teresa, che porta con sé alcuni elementi tipici della tradizione dei Legnanesi con caratteristiche proprio di Cordara. Ne abbiamo parlato proprio con l’interprete:

Ormai la Teresa, la Mabilia e il Giovanni fanno parte della tradizione lombarda, sono delle vere e proprio maschere e come tali certe caratteristiche rimangono. Poi, come ho sempre detto, spetta all’attore cucirsi addosso questa maschera mettendoci un minimo di personalizzazione e facendo crescere il personaggio. È un personaggio vecchio, ma da parte mia è come se fosse un personaggio appena nato. Al pubblico sembra piacere molto.

Nel corso dello spettacolo i Legnanesi sembrano avere una battuta per tutti, ci sono dei riferimenti politici, battute contro la guerra e si affronta il concetto che viaggiare in fondo è divertente anche per chi non lo fa tutti i giorni. I Legnanesi, anche in questa occasione, continuano ad essere fuori dagli schemi. È Antonio Provasio ad illustrare al meglio questa certezza:

Noi piacciamo proprio per quello, perchè cerchiamo di evitare di parlare delle solite cose e nei soliti modi. Noi siamo una compagnia apolitica, se dobbiamo bastonare lo facciamo con chiunque, ma sempre cercando di dare positività e una morale positiva.
Quando la gente ci ferma per strada e ci ringrazia quella è la cosa più bella. La risata deve essere positiva senza però andare ad insistere su certe situazione. Io voglio che il nostro pubblico venga a teatro a rilassare la mente. Vogliamo dare positività senza essere schierati e senza volgarità.

I Legnanesi saranno in scena con Non ci resta che ridere al Teatro della Luna di Milano fino all’8 marzo 2020, poi proseguiranno fino al 15 giugno in tournée nei principali teatri d’Italia, da Reggio Emilia a Roma.

Foto dalla pagina Facebook de I Legnanesi.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 05/08/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 08/05/2021

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Podcasting e Alberi

    Jennifer Radulovic, Francesco Tassi, Tiziano Fratus

    Di tutto un boh - 08/05/2021

  • PlayStop

    Momentaneamente aperti di gio 05/08/21

    Momentaneamente aperti di gio 05/08/21

    Momentaneamente aperti - 08/05/2021

  • PlayStop

    Prisma di gio 05/08/21

    Prisma di gio 05/08/21

    Prisma - 08/05/2021

  • PlayStop

    Radiosveglia del gio 05/08/21

    Radiosveglia del gio 05/08/21

    Radiosveglia - 08/05/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 04/08/21

    Jazz Ahead di mer 04/08/21

    Jazz Ahead - 08/05/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mer 04/08/21

    News Della Notte di mer 04/08/21

    News della notte - 08/04/2021

  • PlayStop

    In viaggio con voi di mer 04/08/21

    Flavio e Maria

    A casa con voi - 08/04/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 04/08/21

    Ora di punta di mer 04/08/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 08/04/2021

  • PlayStop

    Peluches col pollice verde

    Torniamo a parlarvi di piante e del loro potere d'aggregazione. Lo facciamo con il fondatore del Garden Club di varenna…

    La febbra - 08/04/2021

  • PlayStop

    Febbre a '91 pt.3 - RUMORE E MELODIA

    MY BLOODY VALENTINE ‘When You Sleep’ ..CHAPTERHOUSE ‘Pearl’ ..NIRVANA ‘In Bloom’..PIXIES ‘Head On’ ..FUGAZI ‘Reclamation’ ..SMASHING PUMPKINS ‘Siva’ ..SOUNDGARDEN ‘Rusty…

    Febbre a ’91 - 08/04/2021

  • PlayStop

    Conduzione Musicale di mer 04/08/21

    a cura di Matteo Villaci

    Conduzione musicale - 08/04/2021

  • PlayStop

    Rock is Dead di mer 04/08/21

    3. Edit Piaff e Fela Kuti – La fine oscura di due leggende

    Rock is dead - 08/04/2021

  • PlayStop

    Osso del pene e UNESCO

    Gaia Grassi, Stefano Pozzi

    Di tutto un boh - 08/04/2021

  • PlayStop

    Momentaneamente aperti di mer 04/08/21

    Momentaneamente aperti di mer 04/08/21

    Momentaneamente aperti - 08/04/2021

Adesso in diretta