Approfondimenti

La pace dovrà ancora attendere in Colombia

Sono stati alla fine 61.000 i voti che hanno demolito l’illusione di una nuova Colombia in pace. Gli accordi così faticosamente raggiunti dopo 4 anni di lavoro all’Avana tra il governo e la guerriglia delle FARC sono saltati in aria, sconfitti nel plebiscito di ieri nel paese sudamericano nel quale hanno votato solo il 37,5% degli aventi diritto. Un risultato così clamoroso che addirittura non era previsto un piano B negli accordi. Come superare l’eventuale no nel plebiscito che la Corte Costituzionale aveva imposto al Presidente Juan Manuel Santos per confermare gli accordi non è scritto da nessuna parte. Ancora più grave della vittoria del No, è che il 65% degli elettori colombiani non ha partecipato al voto, come se la posta in gioco fosse marginale. Ancora una volta si è verificata la distanza tra il sentimento dell’opinione pubblica internazionale e la realtà interna a un paese che ha subito un lungo conflitto.

Questo risultato non nasce dal nulla però. Sono due i fattori da considerare. Il primo la bassa popolarità della guerriglia. Se è vero che i membri delle FARC, e i civili nelle zone del conflitto, hanno subito violenze di ogni genere in questi decenni ad opera dell’esercito e dei gruppi paramilitari foraggiati dai latifondisti, è anche vero che le FARC hanno utilizzato l’arma del sequestro, fortemente impopolare, come fonte di finanziamento e sono state anche conniventi con il narcotraffico fino a confondersi in alcune regioni e a giustificare il titolo loro appiccicato di “narco-guerriglia”. Altra causa importante della sconfitta è stato il lavoro incessante del falco della situazione, l’ex Presidente Alvaro Uribe , leader dell’ala dura della politica colombiana che rifiuta il dialogo con la guerriglia. Uribe, figlio di una vittima dell’ELN, l’altra guerriglia colombiana, ha motivato l’opinione pubblica perchè rifiutasse un accordo che prevedeva una formula alla sudafricana: chi avrebbe confessato le proprie azioni violente sarebbe stato amnistiato.

Sarebbe riduttivo però dire che i colombiani hanno scelto per la continuazione del conflitto. In realtà hanno però di fatto impedito che si concludesse perché queste erano le condizioni concordate e trovarne delle altre sarà molto difficile. Sarà difficile che la guerriglia accetti di cancellare il lavoro degli ultimi 4 anni, oltre al danno diplomatico dello stato colombiano con i paesi che si erano esposti nella mediazione, in primis USA, Venezuela e Cuba.

Ieri in Colombia poteva chiudersi definitivamente il capitolo della Guerra Fredda nel continente americano, ma così non è stato. L’incubo del conflitto armato, che stamattina doveva fare parte del passato, è ancora lì. Le prime dichiarazioni del governo e della guerriglia sono state di serenità e cautela, ma non sarà facile riprendere il dialogo dopo questa sberla.

La pace può ancora attendere in Colombia.

  • Autore articolo
    Alfredo Somoza
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 07/05/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 05/07/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 07/05/21 delle 07:15

    Metroregione di ven 07/05/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 05/07/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 07/05/21

    Ora di punta di ven 07/05/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 05/07/2021

  • PlayStop

    Follow Friday di ven 07/05/21

    Follow Friday di ven 07/05/21

    Follow Friday - 05/07/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di ven 07/05/21

    Uno di Due di ven 07/05/21

    1D2 - 05/07/2021

  • PlayStop

    Jack di ven 07/05/21

    Jack di ven 07/05/21

    Jack - 05/07/2021

  • PlayStop

    Stay Human di ven 07/05/21

    Stay Human di ven 07/05/21

    Stay human - 05/07/2021

  • PlayStop

    Memos di ven 07/05/21

    Ultradestra, la ricerca di Cas Mudde oltre la democrazia liberale. Oggi Memos ha ospitato il politologo olandese Cas Mudde, 54…

    Memos - 05/07/2021

  • PlayStop

    Zehra Dogan, Prigione numero 5

    ZEHRA DOGAN - PRIGIONE NUMERO 5 - presentato da TIZIANA RICCI

    Note dell’autore - 05/07/2021

  • PlayStop

    Cult di ven 07/05/21

    ira rubini, cult, milano musica 2021, cecilia balestra, maurizio pollini, tiziana ricci, teatro out off, 100 anni joseph beuys, maestri,…

    Cult - 05/07/2021

  • PlayStop

    C'e' Luce di ven 07/05/21

    Luca Bergamaschi, cofondatore di Ecco Think tank insieme a Matteo Leonardi, ci parla della finanza come strumento per superare la…

    C’è luce - 05/07/2021

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 06/05/21

    sempre Claudio Ricordi in studio remoto per ..Rotoclassica: - rassegna stampa..- concerto alla Scala del 25 aprile: 10 variazioni su…

    Rotoclassica - 05/07/2021

  • PlayStop

    Prisma di ven 07/05/21

    La battaglia in Commissione Giustizia per il ddl Zan, con Alessandra Maiorino del M5S. ..Vaccini e brevetti, la presa di…

    Prisma - 05/07/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di gio 06/05/21

    con Alessandro Diegoli. - sottoscrizione a premi rp..- punto quotidiano metro..- collegamento con Porpora Marcasciano per manifestazione di sabato..- collegamento…

    A casa con voi - 05/07/2021

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 07/05/21

    Il Giorno Delle Locuste di ven 07/05/21

    Il giorno delle locuste - 05/07/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di ven 07/05/21

    Il demone del tardi - copertina di ven 07/05/21

    Il demone del tardi - 05/07/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 07/05/21

    Il risveglio di Popolare Network, l'edicola. La rubrica accadde oggi a cura di Elena Mordiglia: 7 maggio 1960, durante la…

    Fino alle otto - 05/07/2021

  • PlayStop

    Serve And Volley di ven 07/05/21

    Serve And Volley di ven 07/05/21

    Serve&Volley - 05/07/2021

Adesso in diretta